Sunday, 8 December 2019 - 04:20
redazione@bellunopress.it direttore Roberto De Nart

A Sorriva di Sovramonte, i riti per l’anniversario della pestilenza del 1630-31

Apr 22nd, 2012 | By | Category: Appuntamenti, Pausa Caffè

Fine settimana nella storia e straordinario evento per la Comunità Sorrivese. Da venerdì 27 a domenica 29 Aprile sono previsti tre momenti di notevole interesse storico e artistico. Sorriva ricorda l’anniversario della pestilenza che l’ha colpita nel 1630, e la scomparsa dell’epidemia nel 1631, ritenendo che quella grazia fosse stata concessa per intercessione di San Giorgio. Dal 1631 ogni anno in prossimità della festa liturgica di san Giorgio vengono celebrati i riti sacri e profani che fanno memoria dell’eccezionale evento.

La fede del popolo sorrivese trova riscontro nella stessa fede del popolo veneziano che nello stesso anno per la liberazione dalla peste nella città di Venezia, con voto solenne alla Madonna, fece avviare la costruzione della famosa Basilica della Salute, progettata da un architetto di 26 anni: Baldassarre Longhena.

Si comincerà nella serata di Venerdì 27 alle ore 20.30 con l’inaugurazione della mostra di pittura del maestro Paolo Canciani, da Dosson di Treviso, nella sala attigua alla parrocchiale. Paolo Canciani è l’artista, pittore e restauratore, che ha rimesso a nuovo lo stendardo di San Giorgio e che ha riprodotto con maestria senza pari la pala di Lorenzo Lotto, pittore del Rinascimento veneziano, che rappresenta la Madonna con Bambino e santi che si trova presso la chiesa di Santa Cristina a Quinto di Treviso. La pala del maestro Canciani è stata offerta alla Comunità di Sorriva, dalla famiglia di Attilio Ferraresso, originario di Martellago ma affezionato e industrioso paesano sorrivese da molti anni. È opportuno ricordare che il maestro Canciani è molto conosciuto nel bellunese poiché l’anno scorso ha restaurato, gratuitamente, la bellissima statua della Madonna della neve che si trova al Passo Cibiana e, fatto ancora più importante, è stato scelto come pittore ufficiale del Palio di Feltre, per il quale ha dipinto il drappo.

La pala e lo stendardo saranno solennemente benedetti dal parroco padre Vito De Bastiani, sabato 28 alle ore 20.45 nella chiesa parrocchiale con una cerimonia molto articolata e con il contributo della corale di Farra di Feltre. La presentazione della mostra di pittura del maestro Canciani, la illustrazione del restauro dello stendardo e della pala saranno curati dal prof. Gianfranco Trabuio, pubblicista e cultore della materia.

La festa vera e propria, che ricorda la fine della pestilenza, si svolgerà domenica mattina 29 aprile, con la solenne processione guidata dai “cappati” che porteranno il rinnovato stendardo dalla chiesa di San Giorgio fino al cippo commemorativo a Pontera, dove sarà celebrata la Santa Messa, che sarà officiata dal parroco e da padre Aldo Tonini, frate francescano minore e Commissario della Custodia Francescana di Terra Santa per il Triveneto.

Il momento di festa comunitaria, che riunisce da secoli le famiglie di Sorriva, si realizzerà durante l’arco della mattinata con la preparazione della tradizionale “Menestra de san Dordi”, a base dei tradizionali fagioli, la sua benedizione e la successiva distribuzione presso le famiglie della Comunità ad opera dei giovani del paese.

Share

Comments are closed.