Saturday, 7 December 2019 - 16:36
redazione@bellunopress.it direttore Roberto De Nart

Bilancio comunale, questo sconosciuto. Ad oggi non sono note le somme disponibili, né i bilanci delle società partecipate Nis srl e Sportivamente Belluno * Intervento del vicesindaco Leonardo Colle

Apr 16th, 2012 | By | Category: Cronaca/Politica, Riflettore

Leonardo Colle

Due anni addietro chiesi all’allora Segretario Generale dott. Nobile una ricognizione sull’ammontare delle somme effettivamente destinabili alle attività “discrezionali”: e quindi dalle manutenzioni ai marciapiedi ecc ecc.. Compresi i famosi contributi alle associazioni che giustamente vi preoccupano. Quel dato non è mai emerso perchè qualcuno non voleva che gli allora alleati di governo (leggi Lega Nord in primis) sapessero a quanto ammontava il tesoretto da spendere in via “politica”. Si aggiunge il rovescio finanziario derivato dallo sforamento del patto di stabilità (= minori trasferimenti dallo Stato a titolo di sanzione = minori somme da destinare a contributi); poi è arrivato il reiterato taglio lineare dei trasferimenti di denaro dallo Sato agli enti locali (che ha mandato in dissesto la Provincia). Ora nemmeno sappiamo come è messo il bilancio previsionale 2012 in quanto l’assessore (del PdL) nemmeno lo ha portato in Giunta (e siamo a metà aprile). Aggiungete che ad oggi mancano i dati delle due società partecipate Nis srl e Sportivamente Belluno, che si presume siano fortemente indebitate, ma non si sa di quanto. Vi è il concreto rischio di doverne ripianare il debito con soldi che il Comune verosimilmente non ha, se non a fronte di un taglio di tutte le spese non obbligatorie. Detto questo ritengo che il prossimo Sindaco dovrà addattare se stesso ed i cittadini ad una politica di pane ed acqua per un paio di anni. Spero di sbagliare, ma se andate a leggervi il mio programma elettorale capirete che non vi sono promesse per nessuno. Chi promette il libro dei sogni mente sapendo di mentire oppure non ha la più pallida idea di come è messo il nostro Comune. O meglio ancora pensa di poter ammettere Belluno alla Cassa per il Mezzogiorno. Quello che intendo fare da Sindaco è di rimettere subito in chiaro il bilancio, ripartire equamente le risorse disponibili tra i vari settori secondo le priorità, mettere in ordine le richieste di contributi secondo la loro effettiva importanza per la città senza guardare in faccia a nessuno, assegnare i contributi seguendo questa gradazione. La cosa avverrà con trasparenza coinvolgendo le associazioni e la competente commissione consiliare per la cultura (terza commissione). Tenete in ogni caso in considerazione il fatto che in questo momento vi sono forti dubbi sul fatto che nel 2012 ed a seguire sia concretamente possibile erogare contributi: la normativa statale sul punto non è ancora chiara.

La risposta al presidente della Banda civica “Complesso Bandistico Città di Belluno” sul mancato contributo

Gentilissimo Sig. Alessandro Taffarel

Rispondo volentieri al Vs questionario sulla questione del mancato contributo annuale di € 14.000,00 alla Banda cittadina. Temo che abbiate un dato errato sul bilancio del Comune: il totale a pareggio non è di € 58.000.000,00, è molto inferiore, attorno ad € 26.000.000,00. Ma non è questo il punto: la quasi totalità del bilancio è indisponibile, nel senso che le somme di denaro vengono necessariamente assegnate a spese obbligatorie (personale, riscaldamento, corrente ecc. ecc.).

Ritengo che la Banda sia importante, sia come attività istituzionale che come soggetto culturale. Farò il possibile per venire incontro alle vs. esigenze economiche. Fatte e lette le lunghe premesse che precedono sarebbe offensivo dire con certezza che avrete di nuovo € 14.000 nel 2012. Se la mia analisi che precede è sbagliata i 14.000 ci saranno certamente: se la mia analisi è corretta ci aspetta qualcosa di peggio dell’azzeramento dei contributi. Credo di avervi risposto con rispetto e onestà: avendo una credibilità personale da difendere non intendo prendere in giro le persone.

Leonardo Colle

Share

17 comments
Leave a comment »

  1. Caro Leonardo, anche se io sostengo Massaro è doveroso da parte mia dire che condivido la Tua analisi, perchè la verità è una sola. Come i marciapiedi in disordine e i buchi sulle strade e quant’altro, non hanno colore ma sono pericolosi per tutti. Lo sappiamo tutti, Tu meglio di me che fai parte della Giunta, che non esiste il bilancio di previsione, patata bollente che competerà alla Amministrazione eletta il 6/7 maggio. Cordialmente Celeste Balcon

  2. Caro Celeste,

    Talvolta ci siamo “beccati” come è giusto che sia in politica.

    Ma sui principi e sul riconoscimento reciproco della correttezza non vi è stato mai dubbio. Grazie comunque per la limpidezza del tuo commento. Non è da tutti!

    Buona fortuna, anche se ci troviamo su fronti oggi contrapposti.

    Leonardo Colle

  3. Tutto vero e condivisibile; ma è inacettabile che a dirlo sia il Vice sindaco! Cosa ha fatto in questi 5 anni? Non ci venga a raccontare che non poteva incidere sulle scelte politiche/amministrative fatte da questa giunta e/o che il gruppo della Lega non era forte abbastanza per, quantomeno, osteggiarle ; sarebbe una presa in giro per noi cittadini ma sopratutto per i suoi elettori. A questo punto non si capisce perchè e percosa si candida;piaccia o non il passato ha il suo peso e sarebbe ora che ogniuno si assuma le sue responsabilità e ne risponda. Se questa maggioranza non gli piaceva più e/o non ne condivideva le scelte avrebbe dovuto sfiduciarla ,continuando ad appoggiarla ne è stato complice al 100%.

  4. Signor Messinese, lei non ricorda i giornali che deve aver letto. Come da verbali di Giunta l’assessore e vice-sindaco Leonardo Colle, quando si trattava di “quei” bilanci è uscito dalla porta non votandoli. Ed il gruppo consiliare della Lega dei primi anni non è più in Lega… Jacopo Savasta

  5. Ci risiamo.
    Caro Stefano Messinese, ci venga lei al mio posto la prossima volta.
    Con tre consiglieri, anzi due visto che Paolo Costa era Berlusconiano in pectore, il quorum a 21 voti su 25 di maggioranza.
    Abbiamo salvato il salvabile, la Bellunum e la Sersa, in parte il teatro.
    Ora se è in lista potrà fare meglio di me: auguri.
    Altrimenti non si limiti a parlare: provi a mettersi in gioco.
    Leonardo Colle

  6. Caro Colle,
    forse qualche presenza in più in giunta ti avrebbe dato
    la possibilità di rispondere alla benemerita banda cittadina
    con più precisione.

  7. E dire che il centrodestra, quando gli conviene, sa fare bene i suoi conti! E’ di oggi la notizia che il passaggio dal centrosinistra al centrodestra del senatore De Gregorio fu “lautamente remunerato”.

    http://www.televideo.rai.it/televideo/pub/pagina.jsp?p=143&s=2&r=Nazionale&idmenumain=5

  8. Chissà se anche a Belluno si è fatto uso di simili stratagemmi per portare “qualcuno” da sinistra a destra!

  9. Vale anche per il sig. Onorato.
    Il tuo commento mi ricorda qualcuno, ci cui sei probabilmente il fido scudiero, se non l’avatar.
    Vieni avanti.
    Vediamo cosa riuscirai a fare, se toccherà a te.
    Leonardo Colle

  10. Scusatemi l’intrusione: se è vero (come è vero) che è così importante il bilancio, chi meglio di un commercialista potrebbe ricoprire l’incarico di Sindaco di Belluno?

  11. Vecio,
    solo se sei creativo.

    Leonardo Colle

  12. Qua non si tratta di bravura,ma di coerenza politica. Se non si condivide più un progetto politico/amministrativo non basta non votare qualche provvedimento e fare qualche intervista giornalistica; non si appoggia più la “maggioranza” e se possibile si fa cadere la giunta. Per salvare (???) Bellunum e Sersa la città ha perso molto di più.
    Grazie per gli auguri, cordialmente Stefano Messinese

  13. Concordo con Colle che l’amministrazione Prade è stata un disastro per almeno tre buoni motivi. Ha sforato il patto di stabilità con tutte le conseguenze negative che ne sono seguite; non ha alzato un dito, per ben cinque anni, per impedire che GSP si indebitasse per circa 70 milioni (aveva tutti i mezzi dal momento che nell’assemblea ATO vige la doppia maggioranza e Belluno vale per circa 36.000 cittadini); tutto il resto e quello che emergerà sono il terzo motivo. Colle dice che è rimasto lì per salvare il salvabile. Sarà. Forse era di gran lunga meglio andarsene subito e inchiodare l’amministrazione Prade alle sue responsabilità.

  14. Tante teste, tante sentenze.
    Siamo un paese di commissari tecnici della nazionale.
    Stare sul ponte di comando è un pelo più complicato: ci sono una valanga variabili difficili da gestire e spiegare.
    A modo suo ognuno di voi ha colto un pezzo di verità: se guardate il lato degli elettori che chiedono stabilità tutto cambia.
    A qualcuno di voi prima o poi spero capiti di stare al mio posto e di dover decidere in pochi attimi se tenere in piedi o mandare a casa: vi renderete conto che nulla è scontato.
    Buona politica a tutti.

    Leonardo Colle

  15. Come elettore vorrei il “buon governo” , della stabilità fine a se stessa non so che farmene specialmente se si tratta di quella di una giunta colabrodo. Nessuno ha messo in dubbio che la cosa sia complicata,ma se si vuole veramente “svoltare” bisogna avere il coraggio anche di rompere e/o passare per sfascista. Meglio rischiare che rimanere invischiato nella me…lma.Capitan tentenna non ha mai avuto una buona sorte, paga sempre anche per le colpe non sue. Cordialmente SM

  16. A Messinese.

    Vero, è un lato della medaglia.
    Ma quando cade un governo, nazionale o locale che sia, c’è l’altro lato della medaglia che si straccia le vesti dandoti del traditore della volontà popolare.
    La storia dei ribaltoni,di tutti i colori, lo testimonia.
    In mezzo ci siamo noi, con il timone in mano e la nostra faccia.

    Garantisco che non sono scelte facili. Provare per credere.

    Cordialmente, a mia volta.
    Leonardo Colle

  17. Mi viene da pensare che il vicesindaco non ha molta dimestichezza con i bilanci. Nemmeno con quelli della Lega….