Sunday, 8 December 2019 - 04:44
redazione@bellunopress.it direttore Roberto De Nart

A proposito di liste civiche e partiti * di Erika Dal Farra

Apr 16th, 2012 | By | Category: Cronaca/Politica, Lettere Opinioni, Prima Pagina

Erika Dal Farra 23 anni, studentessa universitaria iscritta al quinto anno di giurisprudenza e lavoratrice, desidera intervenire sul dibattito “liste civiche/partiti”.

Da che mondo è mondo, la politica nasce con i partiti. I partiti sono il primo luogo previsto dalla Costituzione, dove si formano gruppi di lavoro, di idee e di proposte con l’obiettivo  di soddisfare le esigenze della popolazione.

Benché si stia vivendo una stagione in cui i partiti, o gran parte di essi, tutto abbiano fatto meno che adempiere a questa loro “missione”, è assolutamente impensabile fare e pensare la politica senza i partiti. È proprio da qui anzi che dobbiamo ripartire: abbiamo urgente bisogno di buona politica. Dobbiamo cambiare il modo di farla cambiando i partiti, non eliminandoli. E i partiti si possono cambiare soltanto vivendoli dall’interno.  Ecco perché ho deciso di entrare nella lista del PD. Fine della corsa alla poltrona, inizio, o meglio ritorno, al bene della società come fine unico dell’agire politico. Rispetto chi ha fatto la scelta di aderire ad una lista civica con il sincero e medesimo intento di lavorare per il bene della collettività, ma non si può pensare di governare il futuro di una città capoluogo come Belluno chiusi in se stessi,  senza un collegamento con il resto del mondo,  senza un collegamento politico chiaro e diretto con la realtà (e dunque un partito) nazionale, che consenta di portare fuori dai nostri confini le nostre esigenze, istanze e proposte. Mi sono candidata nella lista del Partito Democratico perché so che anche se non sarò eletta, io e i cittadini che mi avranno votata avremo comunque un soggetto, un luogo a cui rivolgersi per chiedere conto delle promesse fatte e del futuro della nostra città. 

Attenzione piuttosto alle liste civiche “nascondiglio”, “tana” per molti politici navigati che hanno fatto il buono e il cattivo tempo da anni, se non da decenni,  per poi nascondersi  dietro ad una lista “no logo” per nascondere la loro vera identità politica e rigenerasi. Senza dimenticare che magari sono stati i primi a partecipare alla crisi di quegli stessi partiti da cui ora scappano, o che non trovando forse personale soddisfazione in essi, hanno deciso di “far da sé”. Qualcuno ha fatto danni che ancora si ripercuotono pesantemente sui cittadini.

Il mio PD, quello per cui ci ho messa la faccia, è rinnovamento e impegno, con la collettività. Il mio PD è giovane non solo per l’anagrafe, ma anche per idee, freschezza, etica e trasparenza. Un PD che ha portato tutti i suoi candidati a firmare un impegno con i cittadini; atto che dimostra la coerenza del partito, il rispetto delle scelte democratiche e la lealtà verso i propri elettori e concittadini. L’impegno di mettersi a disposizione della collettività senza cambi di bandiera, senza sotterfugi e manipolazioni, con la consapevolezza che si corre per un progetto nel quale si crede. Non per sé stessi.

Erika Dal Farra – candidata al consiglio comunale del Partito Democratico di Belluno

Share

28 comments
Leave a comment »

  1. Erika adesso ti prenderai il fuoco incrociato di ex volponi ora no-logo e di movimentisti vari.. quindi visto che sono il primo a commentare, lascio un big-up per te.

  2. un doppio big-up 🙂

  3. Un ottimo punto di partenza è il rispetto per le scelte altrui, se poi ci si aggiunge anche la volontà di migliorare le cose impegnandosi in prima persona ancora meglio.
    Ma non sono d’ accordo che la sola forma per collegarsi alla realtà ed interagire con essa in modo propositivo sia la forma partito, sopratutto se questo non viene più riconosciuto dai cittadini. A mio parere la forma valida per dialogare a qualsiasi livello, si tratti del vicino di casa o della Regione, è quella dettata dalla coerenza, la più grande forza politica, quella che ci consente di parlare essendo credibili. Ovvio che chi non si può permettere questa forma ( sia una persona che aderisce ad un partito, ad una lista civica o l’ amministratore del palazzo) non riuscirà mai ad essere ascoltato quando uscirà dai suoi confini particolari.

    Ovviamente con questo non voglio fare nessuna insinuazione nei tuoi confronti (nè di nessun altro)
    Ciao e buona esperienza!

  4. Sembrava un bell’ intervento, questo articolo di Erika Dal Farra nonostante alcuni aspetti non condivisibili. Sulla ineludibilità della “forma partito” ha risposto bene Eleonora Dal Farra; per quanto riguarda il rinnovamento del partito dall’interno ho qualche riserva. Accade solo in rare occasioni e attraverso grossi traumi. Apprezzo però l’ottimismo della volontà di Erika e le faccio i miei migliori auguri di riuscita in questa impresa compresa l’elezione a consigliere (anche ad Enrico Bortoluzzi, ovviamente). Quelle che proprio non mi sono piaciute sono le insinuazioni del terzo capoverso su chi è nelle liste civiche. Avevi cominciato così bene, Erika, e poi immiserisci tutto il tuo ragionamento con considerazioni che di solito fa solo chi vuole infangare l’avversario senza portare nessun serio argomento a sostegno. Peccato.

  5. Beh, sempre presenti esclusi Piero! Ahah! Credo sia stato un colpo d’enfasi di un bel ragionamento, siam giovani, impareremo!

  6. Di navigati navigatori che hanno “fatto danni che ancora si ripercuotono pesantemente sui cittadini ” mi sa che non siete certo secondi a nessuno.
    Per il resto,è nell’interesse anche di tutti noi, ti auguro sinceramente che il tuo entusiasmo non venga deluso e che il rinnovamento tanto desiderato possa realizzarsi; si sa,la speranza è sempre l’ultima a morire. Cordialmente Stefano Messinese

  7. Gentile Piero Balzan forse non mi sono spiegata come volevo. Vi sono le liste civiche vere e proprie e liste civiche nascondiglio, non condivido l’entrare in una lista civica solo per nascondere la propria identità politica, condivido l’entrare in una lista civica per raggiungere gli stessi obiettivi che può avere un partito:soddisfare gli interessi della collettività. Aldilà di questo rimango dell’idea che i partiti siano fondamentali ma di certo dovrà essere cambiato il modo di fare politica. La speranza è l’ultima a morire sicuramente, sarà una dura impresa ma provarci in questo momento è ciò che più mi preme!

  8. Bene Erika Dal Farra.
    Se permitti ti associo ad un’ altra Erika di cognome Moret.
    Entrambe sostenete con intelligenza e senso dello Stato il valore della politica e dell’ impegno politico attraverso i Partiti. (Certamente la “politica” non si esaurisce con il solo impegno partitico!)
    E’ ben diverso il vostro livello culturale e politico da chi vi critica: guardacaso sono personaggi e amici che hanno fatto delle veloci inversioni di rotta da destra verso sinistra e viceversa.
    Ciò può succedere, ma ho delle forti perplessità sul loro travaglio interiore nel momento della scelta: c’è chi ha toccato l’ intero arco costituzionale !
    E ce ne sono parecchi nel panorama politico bellunese !
    Care Erike, il vostro è un importante velo al vento dell’ antipolitica frutto anche della crisi etica e di coerenza
    che percorre oggi il tessuto della società italiana. Grazie ed auguri per il vostro impegno.

    Mario Svaluto Moreolo

  9. ottima precisazione, Erika. Adesso capisco e condivido. Auguri per il cambiamento. Magari non cominciare con Mario Svaluto Moreolo perchè la vedo un pò dura. ti saluto.

  10. BORTOLUZZI…..Santo subito!!!!

  11. IN TUTTA QUESTA BOLGIA DI COMMENTI E COMMENTINI, NON HO LETTO NULLA DI CONCRETO….
    MA CHE DIAVOLO E’ POLITICA? DIBATTITO O CONCRETEZZA?
    ERIKA, CONDIVIDO IL PENULTIMO PARAGRAFO DEL TUO ARTICOLO, MA ONESTAMENTE NON CONCORDO CHE POLITICA=PARTITO PERCHE’ RIBADISCO, A MIO PARERE POLITICA DOVREBBE ESSERE UGUALE A CONCRETEZZA.
    COMUNQUE TI AUGURO DAVVERO DI NON SBAGLIARTI SULLA TUA IDEA DEL PD….

  12. Quanta bella gioventù che crede nell’impossibile. Eppure i ha fat le scole alte. Mah. Schei butadi? O ela na finta? Pol darse proprio coi ambienti che i bazega!

  13. Interessante ragionamento della sig,ra Dal Farra che pecca però in una premessa mancante: il suo partito per 15 anni e’ stato “nascosto” come dice lei in una lista civica che si chiamava alleanza di progresso.

  14. signor Paolo: “scole alte o no” la situazione va cambiata, non saremo i salvatori del mondo ma io se fossi in voi apprezzerei il fatto che molti come noi abbiano voglia di trasformare la politica dalla corsa alla sedia alla politica per il bene della nostra gente o meglio che si siano messi a disposizione per le prossime elezioni proprio con questo intento. Sarà un’impresa impossibile?Può darsi, intanto proviamo a distinguerci da chi dalla politica sta cercando ancora in qualche modo di guadagnarci.
    “Schei butadi? O ela na finta? Pol darse proprio coi ambienti che i bazega!” citazione simpatica del signor Paolo!Di soldi ne sono stati sprecati tanti..che non siano andati tutti per le nostre scuole? a saperlo prima Enrico potevano non andare a scuola, tanto a cosa serve leggere?scrivere?studiare? a niente!!!!a sprecare soldi!!!!
    non trasformiamo il contenuto dell’articolo “liste civiche e partiti” in sciocchezze!!

  15. Personalmente vedo il m5s come un ottimo partito d’opposizione. Ma più che di “j’accuse”, e di ostentazione di verginità che ricorda molto certa politica “celodurista” in salsa verde, per differenziarsi davvero dai politici e dai partiti che tanto disprezzano e criticano dovrebbero dotarsi di proposte concrete (ovvero REALIZZABILI dato il contesto socio-economico), soprattutto in ambito di politica economica. dove purtroppo il filone decrescitario-signoraggista la fa da padrone.

  16. E’ reciproco! Un giorno ci dobbiamo bere una birra, pago io tanto ho i fondi neri del partito. Una birra coi fondi neri, praticamente una Guinnes.

  17. certamente 🙂 O una rossa tanto per tornare ai vecchi tempi 🙂

  18. Ahah! Non miei, ma apprezzo.

  19. @: 23 erika aprile 17th, 2012 15:28 : sciocchezze?? vox populi, vox dei.
    Bellunese molto arcaico ma di significato attualissimo.
    Uscite dagli ambienti protetti dei circoli PD e capirete il vero umore della gente.
    Ad maiora

  20. @ 24.Enrico Bortoluzzi aprile 17th, 2012 16:16
    Fly down boy. Il sole potrebbe scioglierti le ali.

  21. Complimenti a Erika che prova a buttarsi per contribuire a cambiare.
    Parlare di rinnovamento nella politica è impresa impossibile. Pensiamo a tutti quei personaggi, da destra a sinistra, che lo fanno di professione da DECENNI. Fin che non si cambia là non credo si possa pretendere miglioramenti.
    Per quanto riguarda la punta di novità della vostra lista e il vostro candidato sindaco penso: aveva bisogno di un’altro posto dopo che è stata sfrattata dalla provincia?

  22. purtroppo c’è chi parla di fatti per la città e per la collettività e c’è chi va in giro con “La torre di guardia” o “Svegliatevi” in mano. L’azienda a cinque stelle dei Casaleggio sta indubbiamente facendo un buon lavoro di marketing (anti)politico salvo poi puntare alle poltrone, esattamente come gli altri. E andare avanti a trolleggiare su Bellunopress a forza di link non è che sposti di molto la discussione rispetto agli spunti, per altro molto fondati, di Erika.

  23. Sono un’altro giovane candidato con il pd! Ritengo come Erika che i partiti possano essere cambiati con le nostre proposte, con le nostre idee concrete e progetti realizzabili. Sono disgustato dall’atteggiamento del m5s. Nel vostro partito, sottolineo non movimento, c’è pochissima democrazia interna. Casaleggio comanda e chi non è d’accordo con le loro posizioni viene espulso come il caso di Tavolazzi che a Ferrara è stato cacciato! La protesta e l’antipolitica non vi porteranno lontano. Ma parliamo sul concreto noi sabato presenteremo i nostri progetti sulla mobilità voi cosa fate? Domenica ci sarà Beppe che farà le sue filippiche contro i partiti dicendo che ognuno vale 1! Ma c’è ancora da credergli?

    Francesco Langher, candidato consigliere PD

  24. … e brava Erika!!!!! Prosegui le orme del grande capo e ti butti in politica? Falli neri!!!! baci
    Monica

  25. forti i PDini, usano la tecnica di Craxi: siamo tutti uguali e loro sono più uguali degli altri
    Ma, se mai avesse funzionato, ora non funziona più. Cambiate nome e soprattutto dirigenti perchè così non durate ancora molto.

  26. @ Paolo amico di S. Girolamo: Cantilenam eandem canis

  27. Companeros 5 stelles…il mitico Bortoluzzos ha pienamente ragione…iniziamo a preparare le barricades !!! quando Grillo diverrà premier avremo raggiunto il Nirvana e scenderà in terra il paradiso con le 40 vergini promesse ai martiri che, intonando l’alleluja, la daranno via che è una bellezza…e forse anche le case “sfitte” (adesso si chiamano così eh..) di Lanari godranno di un’affluenza da record…detto questo credo si possa tranquillamente chiudere il discorso dicendo che questi messaggi sono l’apoteosi dello sbaccanamento !!!! ahahahah 🙂

    Per tornare a cose più serie: l’impegno diretto per il bene della comunità è fondamentale…farlo attraverso l’unico strumento che la Costituzione ci ha concesso è ancora più importante in un momento come questo…certo farlo in un PARTITO come il M5S va benissimo…basta non nascondersi dietro a un dito….anche perchè el companero Grillos pare non valere uno come tutti gli altri…(sarà la mole..o il conto in banca…)…

    Avanti companero Tessarolos: uno vale uno perchè sapete contare solo fino a uno ??? 🙂

  28. E’ sempre la solita storia! Quando qualcuno,in questo caso Grillo e i 5stelle, stufo di subire la mala politica e il mal governo, si oppone e protesta scatta implacabile la ritorsione. Le ologarchie dei partiti e i loro supporters si scatenano e da “povere vittime” si trasformano in cernefici peggiori dei loro accusatori. Grillo e il M5S diventano così tutti brutti,sporchi e cattivi, loschi figuri volgari ed ignoranti,il peggio del peggio,il male assoluto buoni solo a distuggere il “bene e la democrazia” che loro hanno faticosamente costruito in tanti anni di impegno e lavoro…….
    Ma e dico MA, se sono così sicuri e certi di aver fatto bene,perchè si preoccupano così tanto? Se veramente la loro coscienza è così candida e pulita e il loro progetto politico è la giusta risposta alle istanze dei cittadini, stiano calmi e sereni ,di cosa si preoccupano, ci lascino blaterare al vento(la noncuranza non era il peggior disprezzo?) i CITTADINI sapranno giudicare.
    Aspettiamo,facciamoli votare e poi…….Cordialmente Stefano Messinese