Saturday, 7 December 2019 - 16:49
redazione@bellunopress.it direttore Roberto De Nart

Sforamento del Patto di stabilità. Prade: “Sono orgoglioso di aver pagato imprese e fornitori. Così ho rimesso in circolo 10 milioni di euro che appartengono alla comunità”. Secondo la Confederazione delle Province e dei Comuni del Nord le sanzioni a carico degli amministratori saranno ineludibili

Apr 12th, 2012 | By | Category: Cronaca/Politica, Riflettore

Antonio Prade sindaco di Belluno

“Il patto di stabilità è un’imposizione di legge odiosa e fuori dalla realtà. Uno strumento irragionevole, che mette sullo stesso piano gli sprechi e gli investimenti e mette in ginocchio l’intero tessuto economico e sociale. Per questo sono orgoglioso di non aver accettato, per il nostro Comune, le imposizioni del patto di stabilità nell’anno 2009, quando la crisi già mordeva imprese e famiglie”. Sono le parole del sindaco uscente di Belluno Antonio Prade, nonché stimato avvocato del Foro bellunese, dunque un “addetto ai lavori”.

“Un sindaco deve avere il coraggio di fare scelte difficili quando i momenti sono difficili – prosegue Prade – Dieci milioni di euro sono usciti dalle casse di Palazzo Rosso, per entrare nelle tasche delle imprese e delle famiglie, anche bellunesi, che hanno lavorato per fare interventi importanti nella nostra città, quali la ristrutturazione della vecchia latteria di Bolzano Bellunese, la sistemazione delle Scuole elementari di Mur di Cadola, gli interventi antisismici nelle scuole di Nogarè, la ristrutturazione della piscina, il nuovo Ponte degli Alpini e la nuova Spes Arena. questi sono solo i più importanti perché l’elenco potrebbe continuare. Anche le conseguenza della fuoriuscita dal patto di stabilità, secondo quanto imposto dalla legge, sono virtuose per il nostro comune: le indennità di sindaco e assessori sono state ridotte del 30% per un anno, non abbiamo contratto nuovi mutui, abbiamo fatto efficienza riorganizzando al meglio le nostre risorse umane. Il conto che abbiamo pagato? Circa 200.000 euro di riduzione di trasferimenti da parte dello Stato – cocnlude Prade – , che non sono neanche paragonabili ai 10 milioni di euro di liquidità che sono stati rimessi nel circuito economico delle nostre famiglie e delle nostre imprese”.

Insomma, un inno a futura memoria, nonché l’autoassoluzione, per aver violato la legge. Benché la manovra finanziaria Monti abbia stabilito che i Comuni che hanno sforato il Patto di stabilità interno avranno a disposizione un triennio per recuperare. Ossia tre anni di sacrifici.

Ma c’è di più. Nel sito Confederazione delle Province e dei Comuni del Nord c’è un parere dato per un caso analogo, che precisa nel dettaglio quali sono le responsabilità degli amministratori in ordine allo sforamento del Patto.

DOMANDA :

Questa Amministrazione è intenzionata ad approvare una prima Variazione al Bilancio, dopo aver approvato il Bilancio di Previsione prima dell’entrata in vigore delle Legge Finanziaria, e quindi con la nuova normativa in materia di Patto di Stabilità Interno.

Con le proposte di variazione, l’Ente sforerà di certo il Patto di Stabilità Interno; ma per realizzare certe opere pubbliche già approvate e finanziate, siamo obbligati a sforare.

Si chiede quali responsabilità vi siano a carico dei Consiglieri Comunali che approveranno la variazione, con lo sforamento del Patto di Stabilità Interno; quali le responsabilità della Giunta e dei Dirigenti.

Quali consigli inoltre possono essere concessi per ovviare all’applicazione delle sanzioni per gli anni futuri.

Si rimane in attesa di pronto riscontro in quanto a breve dovremmo assumere i provvedimenti relativi.

RISPOSTA:

Con riferimento al quesito in oggetto si forniscono i seguenti elementi di valutazione: A seguito di quanto previsto dall’art. 77 bis, comma 12 della legge 133/2008, il bilancio di previsione deve contenere apposito prospetto che, con riferimento alle previsioni di bilancio, dimostri il rispetto del patto di stabilità. Tale prospetto viene sottoscritto dal Responsabile dei Servizi Finanziari.

Ovviamente anche le variazioni di bilancio devono essere rispettose dei limiti del patto di stabilità.

Il Bilancio di previsione, approvato in Consiglio Comunale deve ovviamente contenere il parere favorevole del Responsabile dei Servizi Finanziari e del Collegio dei Revisori dei Conti.

Tali pareri ovviamente non potranno essere favorevoli nella situazione in cui non via sia l’attestazione che il bilancio di previsione (e le sue variazioni) sia rispettoso del patto.

Alla luce di quanto previsto dal principio contabile n. 2 (punto 75) il Consiglio comunale, pur in presenza di un parere non favorevole, può deliberare ugualmente il bilancio (e le variazioni).

In questo caso tuttavia i Consiglieri che approvano la deliberazione si assumono le responsabilità eventualmente derivanti da tale decisione.

Se da una parte l’Ente ha l’onere di approvare un bilancio di previsione in regola con il patto di stabilità (ma può come sopra detto approvarlo anche in violazione, assumendosene la responsabilità), di fatto è solo a termine esercizio che potrà emergere l’effettivo mancato rispetto del patto.

Tuttavia la situazione non rimane “interna all’Ente” fino a fine esercizio, ma sarà conosciuta immediatamente anche dalla Corte dei Conti in quanto il Collegio dei Revisori dovrà ottemperare all’obbligo di inviare la prevista relazione sul bilancio di previsione alla sezione regionale di controllo della Corte dei conti.

La Corte, una volta ricevuta la relazione dovrà necessariamente invitare il Consiglio a correggere il bilancio riportandolo nei limiti del rispetto del patto.

Non si può escludere che a seconda del caso venga attivata anche una segnalazione alla Procura della Corte dei conti che dovrà conseguentemente verificare l’eventuale danno cagionato all’Ente a seguito dell’approvazione del bilancio in violazione delle norme in materia di patto di stabilità.

Premesso quanto sopra si ritiene che, in conclusione, la responsabilità ricade solo sugli organi amministrativi e non anche sui tecnici, purchè questi ultimi assumano tutti gli atti necessari ad informare i primi sugli obblighi di legge e sulle sanzioni e conseguentemente esprimano parere non favorevole alla proposta di bilancio.

Una volta approvato il bilancio (con parere non favorevole) il provvedimento è comunque autorizzativo della spesa, pertanto i tecnici potranno comunque assumere gli atti di gestione.

Si ritiene necessario tuttavia che la Giunta (assumendosene la responsabilità) li autorizzi con apposito atto .

Circa le sanzioni per gli anni successivi, si ritiene che queste siano ineludibili.

http://www.conord.org/portale/notizia.php?notizia=1&ID=1943

Share

11 comments
Leave a comment »

  1. Giovanni, forse ti e’ sfuggita la precisazione che ha riportato qualche giorno fa lo stesso corriere del veneto. Che il pronunciamento della Corte dei Conti – dunque un semplice parere, non una sentenza, dunque nessuna condanna – riguardava il bilancio di previsione, laddove il bilancio consuntivo – che e’ quello che più conta – rispetta ampiamente questo limite. Questo a onor del vero. Io poi sono del parere che se il comune di Belluno non assume più gente, va benissimo!! Dovrebbero licenziare, altro che assumere!!

  2. Valballa, sei a favore della disoccupazione?!

  3. Parli a titolo personale o è tutto il PDL a favore della disoccupazione?

  4. Perché la redazione disinforma, in luogo di fare giornalismo? l’inasprimento delle sanzioni in conseguenza dello sforamento del patto di stabilità è avvenuto DOPO che il comune ha sforato. Anche il link utilizzato per dare un tono di serietà ed autorevolezza a questo vano tentativo di gettare fango è risale al 2010. Finiamola di battibeccare puerilmente sul passato, e concentriamoci sul futuro.

  5. Perché Prade non mette tra i punti del suo nuovo programma un nuovo sforamento del patto di stabilità?

  6. Giovanni, qui hai proprio ragione.

  7. Si, sono a favore della disoccupazione dei fannulloni. E’ superfluo sottolineare che parlo a titolo personale …

  8. Una passata Storia Bellunese!
    Belluno, luglio 2009 – Con l’arrivo della calura estiva una strana epidemia aggredisce un gruppo di Consiglieri di maggioranza del Comune capoluogo. Malattia invalidante che impedisce loro la partecipazione alle sedute del Consiglio medesimo che, ripetutamente, si trova impossibilitato a svolgere il proprio mandato per la mancata presenza del numero legale di Consiglieri.
    Dopo qualche peripezia e molto riflettere, il Signor Sindaco di Belluno, ha un’intuizione geniale: somministrare agli “ammalati” un vaccino miracoloso. Così vengono trovati, nei meandri delle attività del Comune e delle Sue partecipazioni, incarichi di prestigio e, caratteristica da non disdegnare, ben remunerati. “Careghe” insomma, il consigliere Paolo Costa dixit, che fanno prontamente ristabilire la salute degli assenti, con però il corollario di mugugni dei Consiglieri di maggioranza rimasti fedeli al Sindaco e che, non essendo malati, non si sono rifugiati sull’Aventino (chissà perché non sullo Schiara!).
    Belluno, luglio 2010 – Dalla Stampa locale, si apprende che, purtroppo, la calura estiva miete ancora vittime tra i Consiglieri di Maggioranza! Nell’ultima riunione del Consiglio comunale è venuto a mancare il numero legale per poter svolgere la seduta, sempre per un’improvvisa ed improvvida assenza di alcuni consiglieri di maggioranza. Sta a vedere, Cittadino di Belluno, che questa volta il Signor Sindaco ha già l’antidoto a portata di mano. Infatti pare che siano stati sguinzagliati dipendenti comunali, tra i più anziani ed esperti, in afosissime soffitte ed umide cantine dei vari locali del Comune per reperire qualche sedia inutilizzata. Probabilmente pure stavolta, vedi la buona stella, alcune di queste “careghe”, un poco scricchiolanti per l’opera dei “caroi” (ma esistono degli antitarli efficacissimi), verranno in aiuto la Signor Sindaco che potrà, come un bravo medico, portare a guarigione i suoi “aventiniani” 2010 (ma perché sono andati sull’Aventino e non sul Nevegal?).
    Rimane però ancora un problema: si tratta ora di salvare il mandato del Sindaco che scade nel 2012 e a tale luminosa meta si interpone ancora il rischio di un’estate; di qui la trovata geniale, nel suo piccolo un “ghe pensi mi”, in virtù dei buoni auspici del collega Sindaco di Manzano in Friuli, località in cui si costruiscono la quasi totalità di sedie (careghe) italiane, ricorrendo ad un contenuto ritaglio dell’esausto bilancio comunale e con il contributo dell’economia legata alla rinuncia dell’auto blu di rappresentanza (è noto che il Signor Sindaco utilizza la propria auto che è grande, bella e soprattutto “blu”), sarà possibile acquistare un congruo numero di vaccini (sotto forma di “careghe”) per le future possibili epidemie estive.
    D’altronde il Ministro della Sanità non ha rifornito l’Italia di tante unità di vaccino contro l’influenza H1-N1, che la stessa, impaurita, non si è proprio presentata all’appuntamento?

  9. Domanda 1. Chi sa cosa è il patto di stabilità? quale? quello “generale”, quello “del personale”?
    Domanda 2. Chi sa quanto ha risparmiato il Comune di Belluno gestendo alcuni serivizi con personale proprio anziché affidarlo all’esterno (es. Piano neve, ma l’elenco è lungo…)?
    Domanda 3. Chi sa quanto ha ottenuto il personale comunale facendo risparmiare quanto alla domanda 2?
    Domanda 3 bis. Chi ha ottenuto qualcosa? è uno dei soliti FANNULLONI oppure è un dirigente?
    Domanda 4. Chi sa con quanti sfigati (mi pare sia ormai definizione Ministeriale) il Comune di Belluno assicura i suoi serivizi ai cittadini?
    Domanda pre 1. Come, quando, su cosa il Comune di Belluno ha sforato I PATTI di stabilità?

  10. con la storia dello sforamento la situazione (che prima era rosea) della SERSA è letteralmente precipitata nella …melma.
    é una vergogna che il settore sociale (e quindi i nostri anziani) debba soffrire e contemporaneamente vengano sviluppati progetti che non erano previsti dal programma elettorale dello stesso Prade (vedi consulenza allo svizzero) che drenano importanti risorse e mandano a casa professionisti della casa di riposo.

  11. Valballa, come fai a dire che a Palazzo Rosso ci sono dipendenti fannulloni? Sei un dipendente comunale? Stai parlando dei tuoi colleghi?