Saturday, 7 December 2019 - 16:18
redazione@bellunopress.it direttore Roberto De Nart

L’erba dell’Altanon

Apr 3rd, 2012 | By | Category: Cronaca/Politica, Lettere Opinioni, Prima Pagina

Sabato 31 marzo l’Amministrazione Comunale di Feltre ha presentato il progetto Nuovo Altanon durante il forum urbanistico.

La relativa documentazione, sulla quale è possibile presentare osservazioni fino al 19 aprile – fa sapere l’amministrazione comunale – ,  è visionabile presso la Sala degli Stemmi del Municipio secondo i normali orari di apertura del Comune. Per favorire richieste, domande ed osservazioni è stato anche attivato un nuovo indirizzo mail:  nuovoaltanon@comune.feltre.bl.it   Inoltre, tutta la documentazione è presente anche sul sito  internet del Comune all’indirizzo:  http://sit.comune.feltre.bl.it/Forum/pubblicazioni

“La presentazione del progetto – riferisce una nota del Comitato No Altanon –  è consistita dell’illustrazione delle opere pubbliche e del giardino pensile (fino al dettaglio dei fili d’erba), ma l’Amministrazone e gli architetti nulla hanno detto su cosa c’è sotto e su cosa poggia il pensile. Insomma gli oltre 120.000 metri cubi di volume non urbanistico oltre a non rientrare nel calcolo non meritano di essere descritti in quanto conterranno semplicemente una piastra commerciale di 19000 mq e relativi parcheggi. Insomma il Nuovo Altanon ci è mostrato solo come tanta erba.

Ma la superficialità della presentazione – prosegue la nota –  si è vista anche nelle risposte date.

Alla domanda: Perchè il progetto approvato in Conferenza dei Servizi presenta una quota di fondo di 35 cm più bassa del progetto presentato il maggio scorso?  L’architetto ha risposto che precedentemente si erano tenuti più alti per precauzione, ma ora con le nuove relazioni geologiche (speriamo di vederle) si è sicuri di poter scendere più in basso.

Non ha specificato di dire però che l’approfondimento ha riguardato solo i due piani inferiori (parcheggi e piastra commerciale) e solo minimamente la superficie sommitale. Cioè non ha specificato che così il “Livello 0 Commericiale” ha guadagnato 25 cm di altezza sotto la quota di riferimento guadagnando così altri 3600-4875 mc di volume non urbanistico che hanno permesso un’ ulteriore espansione verso Via Monte Grappa e verso Viale Piave.

Non ha detto che questa variazione di quota ha permesso, unitamente alla riduzione della nuova piazza, di ricavare lo spazio per un autorimessa da 46 posti sotto la gradinata di accesso.

Quando in precedenza aveva spiegato la riduzione delle dimensioni della piazza ha omesso di dire che essa è più piccola anche perchè ha allargato lo spazio commerciale fagocitando parte della piazza stessa.

Alla domanda: C’è stato un incremento della volumetria tra l’attuale e il progetto presentato il maggio scorso? Non si è passati da 3200 mc a 3600 mc? L’architetto ha risposto che c’è stato solo un minimo aumento (1400 mc) dato dalla recente acquisizione di un immobile nell’area tra l’hotel e il vivaio e quindi il totale è di 36500 mc

Però a quanto pare non ricorda di aver prodotto la tavola, mai presentata in Regione, “Calcolo della volumetria il Nuovo Altanon” in cui vi è scritto: “Totale compreso edificio pubblico 32311,50 mc; Totale escluso edificio pubblico 28216,50 mc”. Quindi da maggio scorso c’è stato, ecscluso il nuovo acquisto, un aumento del volume urbanistico di 2788,5 mc cioè pari all’ 8.7% del totale precedente.

Alla domanda: Ma quale è l’estensione reale della parte commerciale in progetto?

Dal pubblico sono stati citati vari numeri, ma gli architetti non hanno risposto in maniera precisa ed esaustiva.  Dagli architetti abbiamo imparato che gli spazi commerciali comprendono superficie di vendita e superficie lorda totale. Nelle tavole di progetto è difficile distinguere quali sono le une e quali le altre comunque ci proviamo.

La tavola 21 “Verifica preliminare degli standardLR1504” riporta che nel livello -1 (parcheggio sotterraneo) vengono reperiti parcheggi pari a 13500 mq di superficie di vendita. Vi è anche scritto che questi valori di “superficie massima di vendita possono subire variazioni in sede di stesura del progetto edilizio”. Non è specificato se 13500 è il totale o no della superficie di vendita del sopratante “Livello 0” dove c’è la piastra commerciale.

Nella tavola 20 “Verifica standard” si legge che vi sono superfici (lorde?) commerciali

1050 mq nel “livello -1” parcheggi

 

19500 mq nel “livello 0″

 

2000 mq di superficie Direzionale nel livello superficiale

 

80 mq per la bilglietteria autocorriere

 

 

per un totale lordo di 22630 mq

 

Stiamo verificando le varie edizioni delle tavole progettuali per capire se ci sono stati degli aumenti dell’area di commerciale

 

 

 

 

Domanda:

 

Visto che è in previsione il rifacimento del piazzale antistante la stazione e che la proprietà è delle Ferrovie, che accordi sono stati presi con la stessa proprietà?

La risposta, dell’Amministrazione Comunale è stata che spetta alla Regione contattare tutti gli interessati.

Quindi risulta che l’Amministrazione non sa cosa stia facendo la Regione con la quale ha firmato l’Accordo, ma usa l’intervento di riqualificazione della Stazione come punto di forza e valenza regionale e ci viene a promettere che verrà fatto questo lavoro senza sapere se realmente potrà farlo.

Domanda: Ma quali saranno gli insediamenti commerciali? Progettisti e consiglieri non lo sanno. Sanno però che la proprietà da uno studio prevede un’affluenza di 20000 persone ogni domenica.

Il consigliere Pellencin ha detto che ha votato un progetto sicuro che sarà volano per la città. Ma come fa a dirlo se non si conosce la specificità dell’insediamento commerciale? O verranno tutti per i fili d’erba di cui si sa già tutto?

Alla fine il Sindaco ha detto che non è vero che questo progetto attualmente non ha subito un’accelerazione, perchè sono già tanti mesi che l’iter va avanti, già da giugno 2011.

Però dovrebbe spiegarci – prosegue la nota del Comitato No Altanon –  se non è accelerazione o comunque grande solerzia avere una Conferenza dei Servizi il 28/2, poi quella successiva decisoria a meno di un mese e a meno di 24 ore dal consiglio comunale di delega (votazione ore 1:00 e conferenza servizi ore 15:30 a Venezia), con successiva protocollazione degli atti ed esposizione nell’albo pretorio il 21/3 cioè a neanche 36 ore dalla votazione.

Può il Sindaco dirci per quanti altri provvedimenti ad interesse privato e pubblico ha dato attuazione in maniera così solerte e veloce?

Per posizionare una rastrelliera per bici in centro ci sono voluti 3 anni, è vero questo è più complicato che seminare erba”.

 

 

Share

Comments are closed.