Wednesday, 18 July 2018 - 03:18

Consiglio comunale: l’amministrazione Prade si prepara alla sconfitta elettorale e mette in salvo il progetto “Abitare il Nevegal” passandolo alla Regione

Mar 20th, 2012 | By | Category: Cronaca/Politica, Riflettore

Si è concluso questo pomeriggio quello che doveva essere l’ultimo consiglio comunale di Belluno prima delle votazioni. Ma pare che ne dovrà essere convocato un altro per portare a termine i punti rimasti inevasi come le mozioni della Dolomitibus.

Due i punti centrali che maggiormente hanno tenuto impegnati i consiglieri comunali del capoluogo, la cessione delle quote della partecipata Nis e il progetto “Abitare il Nevegal”. L’esigenza della dismissione della società partecipata Nis – Nuovi impianti sportivi – , oggi è sollecitata anche dai revisori dei conti. L’operazione consentirebbe al Comune di liberarsi da responsabilità contabili e di fare cassa, allontanando così il fantasma dello sforamento del patto di stabilità. Ma per cedere le quote occorre innanzitutto trovare un acquirente. Eppoi c’è un problema, come ha rilevato il candidato sindaco Jacopo Massaro. “la cessione del pacchetto Nis contiene anche il progetto Abitare il Nevegal, che il Comune vorrebbe trattenere. E quindi si avrebbe una cessione con patto di riacquisto. Insomma una follia politica, come pagare due volte lo stesso progetto”.

Un progetto che non convince nemmeno tutta la maggioranza, se è vero come è vero che questo pomeriggio la proposta di Accordo di programma regionale di Abitare il Nevegal è passata con soli 16 voti su 41.

Insomma, il progetto Abitare il Nevegal, quello per capirci, che ha tenuto banco in questi giorni nei quotidiani per la famosa maxi-consulenza di 300mila euro al manager svizzero Luyet, ha sostenitori e detrattori. Certo è che la manovra di far passare il progetto nelle mani della Regione Veneto, costringerebbe la prossima amministrazione che uscirà dal voto del 6 – 7 maggio, a vedersela con Venezia.

Una operazione che ha tutta l’aria di cercare di proteggere il faraonico progetto tanto caro alla giunta Prade, perché c’è il timore che i prossimi inquilini di Palazzo Rosso cambino e possano rovinare il giocattolino. L’esecutivo uscente, insomma, si prepara alla sconfitta.

Share

3 comments
Leave a comment »

  1. La loro sconfitta è la cosa migliore che ci possa capitare; il problema è che stanno svendendo il futuro della città impoverendola come non mai. Sansone nei loro confronti era un pivello.

  2. Non mi è chiara una questione contenuta nell’articolo: “Un progetto che non convince nemmeno tutta la maggioranza, se è vero come è vero che questo pomeriggio la proposta di Accordo di programma regionale di Abitare il Nevegal è passata con soli 16 voti su 41.”
    Come può essere approvata una delibera con 16 voti su 41?
    Forse mi sfugge qualcosa, credo che servirebbe una precisazione…
    Grazie 🙂

  3. 41 sono i voti totali disponibili se tutti i consiglieri ed il sindaco sono presenti;evidentemente c’erano diversi assenti, pertanto assicurato il numero legale che garantisce la validità della seduta (20+1) i provvedimenti passano con la maggioranza dei presenti votanti.Considerato che tra gli assenti c’erano diversi esponenti della maggioranza non si capisce proprio, visto che erano contrari, perchè i consiglieri di minoranza continuano a garantire il numero legale.Cosa che si era,peraltro, già verificata per un’altro punto all’ordine del giorno di ieri relativo alla cessione della NIS.