Friday, 20 April 2018 - 08:53

Belluno paga per regalare il Nevegal agli svizzeri: le ammissioni dell’assessore Paganin e i 300 mila euro al consulente per “fidelizzare” gli elvetici

Mar 18th, 2012 | By | Category: Cronaca/Politica, Riflettore

Un’intollerabile ammissione, sabato alle Le Torri in Nevegal all’incontro organizzato dall’ Unione Comunale PD Belluno e dal Circolo PD di Castion. L’assessore Paganin, davanti a un centinaio tra cittadini, rappresentanti delle istituzioni, operatori e rappresentanti delle parti politiche, ha raccontato incredibili verità. Pur ribadendo di non essere pregiudizialmente contrari all’idea Abitare il Nevegal ciò che è stato detto non può lasciare indifferenti.

«Gli svizzeri vogliono il 99% nell’operazione – ha affermato Paganin – perché ci sia un contributo anche da parte del Comune di Belluno e quindi non si parli di speculazione. Il consulente Luyet vive qui per toccare con mano la realtà del luogo. E i soldi dati dalla Nis a Luyet sono serviti a fidelizzare Losanna». Stiamo parlando di 300 mila euro di “maxi-consulenza”, soldi pubblici ovviamente, dei contribuenti. Mentre con altrettanta disinvoltura si sono aumentate le rette della Casa di riposo di Cavarzano!

«In tanti anni di attività amministrativa non ho mai sentito nulla di simile – afferma Quinto Piol – un assessore che giustifica una consulenza da 300 mila euro con la necessità di fidelizzare ha dello scandaloso! Da cittadino non posso lasciar correre.

Quinto Piol

E’ scandaloso che una società controllata interamente dal Comune di Belluno paghi somme così ingenti non tanto per un incarico professionale, quanto per “fidelizzare” Losanna. I soldi dei cittadini sarebbero quindi serviti per ingraziarsi dei potenziali investitori stranieri? Se confermata da Prade questa dichiarazione sarebbe una vera intollerabile indecenza».

«Fidelizzare (ossia “pagare” solo per tenere impegnata con noi la scuola svizzera) significa umiliare con un’operazione di basso profilo sia l’istituzione sia la città intera – sottolinea Irma Visalli – Ecco cosa ha fatto, sta facendo e farà la Belluno di Antonio Prade: pagare un privato che non fa niente. Per consegnare all’estero un bene prezioso, il nostro territorio, estromettendo completamente i cittadini e l’amministrazione da qualsiasi visione, decisione e scelta futura, calando così il Colle in una nuova situazione d’attesa per chissà quanti anni, senza nemmeno una carta che attesti un’accordo. Cosa si poteva fare in questi anni con 300.000 euro dati a Luyet in termini di promozione?».

«Questo è esattamente quel “fare politico” che per quanto mi riguarda fa parte del passato, di un inverno istituzionale che brucia i soldi dei cittadini – conclude Claudia Bettiol – Se sarò sindaco assumerò decisioni concrete ed attuabili verificando tutto quello che riguarda Abitare il Nevegal, soprattutto guardando e valorizzando l’esistente per gli interessi del Nevegal e dell’intera città».

Share

15 comments
Leave a comment »

  1. strali dal pd sulla consulenza svizzera.
    e sulla consulenza alla psicologa data dalla giunta reolon (con bettiol) che dice il pd?
    http://www.ilgiornale.it/interni/belluno_consulenza_doro_psicologa_condannato_ex_presidente_pd/16-07-2010/articolo-id=461140-page=0-comments=1

  2. e i 80 milioni del Bim-gsp, chi e’ che paga?

  3. a me sembra che la consulenza alla psicologa sia tutta un’altra cosa.. in primo luogo non è stata neanche fatta dalla candidata a sindaco Bettiol che era solo vice presidente e quindi forse nemmeno lo sapeva e poi comunque come dice lei stessa:
    “Questo è esattamente quel “fare politico” che per quanto mi riguarda fa parte del passato, di un inverno istituzionale che brucia i soldi dei cittadini”
    In pratica mi sembra che prenda le distanze da questi modi di fare; non possiamo collegarla a quella faccenda del passato solo perchè se ne era occupata come libera professionista

  4. Sergio Reolon, Claudia Bettiol, Quinto Piol, Irma Visalli non sono vergini. Il Nevegal lo hanno già amministrato e abbiamo visto come: societa’ imbottite di amministratori amici di partito, bilanci in rosso per miliardi pagati dal Comune, un deserto di iniziative.. E poi il fallimento del Consorzio! Insomma, il deserto. Oggi salgono in cattedra e fanno la lezione … Ma dai! Sono fuori dalla storia, gente che per governare ha avuto bisogno della psicologa, come ha ammesso candidamente Reolon che chissà se i soldi li ha restituiti. Tanto e’ veto che Visalli, commentando la fine di Bottacin, ebbe a dire pubblicamente: “se avessero avuto la psicologa non sarebbe successo”!!!! Bettiol sindaco applicherà a Belluno il metodo Ascopiave: gli iscritto al partito direttamente nelle sicieta’ pubbliche, e chi se ne frega. Ma arriverà dalla Bettiol una idea? Anche se non e’ nuova ci accontentiamo di una idea……

  5. Luca, ma dove vivi? Bettiol era vice presidente della Provincia e della psicologa sapeva tutto … Ma proprio tutto !!!

  6. Se va avanti così avremo tutti bisogno della psicologa,,,

  7. psicologa? no grazie….. basta che come cittadini una volta per tutte non ci facciamo più abbindolare da vuote chiacchiere e da promesse di cambiamento da tutti questi personaggi che da decenni amministrano la città e la provincia con i risultati che ben conosciamo. L’unico primato di cui possono vantarsi sia a dx che a sx ,senza tema di smentita, è la capacità di occupazione delle “carreghe”.

  8. Se uno con un passato politico ha già sbagliato o dimostrato di non essere capace, questo è un indizio che consiglia a non rivotarlo. Questo non significa che chi non ha mai fatto niente in politica o nella pubblica amministrazione sia, solo per questo, capace o onesto. Dobbiamo votare chi è in grado di produrre idee, non basta dire che quelli di prima sono il male e chi è nuovo è per forza bene. Bisogna saper scegliere perchè, a volte, dopo il male viene il peggio.

  9. Mi sembra di capire dai vari commenti che poiché siamo in campagna elettorale il PD non doveva denunciare la ” fidelizzazione” a 300.000 € del consulente svizzero, mai disturbare chi ha grandi idee in testa per Belluno periferia di Venezia.

  10. Questi signori,come già detto, hanno condizionato ,alternandosi tra governo e opposizione,le vicende cittadine e provinciali negli ultimi decenni; sono politicanti di lungo corso. Allora come mai si accorgono solo ora dei “pacchi” DolomitiBus, GSP-BIM e Abitare il Nevegal? Quante scoperte faranno ancora da quì al 6 maggio? La triste verità è che sono i soliti “gattopardi” fanno un pò di scena perchè tra poco tempo si vota,poi passata la sbornia moralelettorale tutto tornerà come prima e ogniuno ritornerà a coltivare i propri interessi di bottega.

  11. Giovanni, anziché sparare contro tutto e tutti, perché non ci dici che cosa ne pensa in merito il Movimento Cinque Stelle e che proposte intende avanzare?

  12. Rivolgo lo stesso invito a Valballa, anche se non so se parla a titolo personale o a nome di qualche partito o movimento.

  13. 1. Sono basito dall’apprendere che 300.000 mila euro pubblici sono stati dati non per consulenza (che significa creare valore aggiunto) ma x fidelizzare. Nel 1993 si finiva in galera x queste cose. Nel manuale di marketing di Kotler si fidelizza un consumatore che ha acquistato un bene o un servizio. Ve la immaginate la Mars o la Coca cola che da ai sui potenziali clienti 100 € nella speranza che acquistino…..da non credere

    2. sono altrettanto basito dalla reazioni farneticanti dei blogger che leggo su questo sito sul convegno organizzato dal PD per il Nevegal. Reazioni che trasudano odio, ma quel che è peggio nulla dicono sui soldi dei cittadini pagati per “fidelizzare”. Una vera macchina del fango nel quale si confonde ad arte la merda con la nutella…sono tutti uguali….tutti rubano…sto paese non cambierà mai con cittadini così spiccatamente cialtroni

  14. Caro Giovanni, ho dato un’occhiata al sito del movimento, ma di Nevegal (e non solo Nevegal) nemmeno l’ombra. Per quanto riguarda quello che dice Grillo, che lo dica pura, ma a cosa serve?

  15. Grillo parla forse di Belluno, dei suoi problemi e di come risolverli?

Scrivi un commento

You must be logged in to post a comment.