Tuesday, 22 May 2018 - 00:45

Maria Cristina Zoleo correrà per l’ex rivale Antonio Prade

Mar 11th, 2012 | By | Category: Cronaca/Politica, Prima Pagina

Maria Cristina Zoleo si presenterà alle amministrative di Belluno con la lista civica “Con Belluno” a sostegno del candidato sindaco Antonio Prade. Le “convergenze parallele” coniate da Aldo Moro al congresso della Dc del ’59 pare che trovino oggi attuazione. Allora c’era l’avvicinamento della Dc al Pci, divenuto negli anni ’70 “compromesso storico”. La variante posta in essere oggi da Maria Cristina Zoleo consiste nella sua decisione di sostenere la candidatura di Antonio Prade, sindaco pidiellino uscente, e suo rivale cinque anni fa. Nel 2007, infatti, Maria Cristina Zoleo era il leader della coalizione di centrosinistra, uscita vincitrice dalle primarie del Pd alle quali parteciparono Claudia Bettiol, Marco Perale e Attilio Sommavilla. Un salto dal Dal Pd al Pdl, insomma, da rivali ad alleati. Trasformazioni che oramai in politica non stupiscono più. «Da mesi in consiglio comunale, con il gruppo “Con Belluno” insieme ai consiglieri Ezio Caldart e Federica Toscano ci siamo impegnati in una opposizione costruttiva alla giunta Prade» ha detto Maria Cristina Zoleo riferendosi alla presenza in aula che in più di un’occasione garantì il numero legale alla coalizione di centrodestra afflitta da controversie interne, con un gruppo di “dissidenti” che teneva sulla corda il sindaco. «Ho preferito abbandonare l’idea iniziale di presentarmi come candidato sindaco con la mia lista, dal momento che ve ne sono già 10 o 11. Ritengo che Antonio Prade rappresenti per Belluno in questo momento la miglior garanzia possibile». Risponde così Maria Cristina Zoleo ai suoi 8.864 elettori che cinque anni fa le diedero il voto per Palazzo Rosso. E che oggi dovranno scegliere se rinnovarle o meno la fiducia, posto che la sua candidatura oggi è a sostegno del centrodestra e non più del centrosinistra.

Share

5 comments
Leave a comment »

  1. La Zoleo ha perso qualsiasi credibilità…

  2. Rispetto la scelta della carissima amica Maria Cristina Zoleo.
    Però.
    Come scrivevo qulache tempo sulla scelta di Jacopo Masaso – Piano inclinato – la domanda di fondo rimane.
    E’ possibile (ri)costruire la politica ed in essa la gestione di una comunità senza una coerenza di fondo , senza un progetto strategico che risponda a valori permanenti ?
    Le intelligenze e le coscienze più avvertite non dovrebbero cedere alle “tentazioni” (peccati ?) che offre oggi la nostra società politica e non solo: la personalizzazione, la ritenuta propria indispensabilità, il cogliere ogni occasione per comunque esserci, l’ illusione che l’ “amministrazione” possa sostituire la “politica” che si esprime e si concretizza con i partiti.
    Mah !!
    Sono convinto che alla fine i cittadini con “sapienza” e sapranno “separare il grano dal loglio”.

    Mario Svaluto Moreolo

  3. E’ troppo facile dire che Antonio Prade rappresenta “per Belluno in questo momento la miglior garanzia possibile”: la signora Zoleo, che stimavo, dovrebbe almeno sforzarsi di spiegarci come mai, secondo lei, Prade rappresenta la miglior garanzia possibile. O rappresenta la miglior garanzia possibile soltanto per i suoi interessi?!

  4. Egregio Sig. Svaluto, il problema è proprio quello:la COERENZA, valore ormai perso e smarrito da decenni dal vacabolario dei nostri poloiticanti. Così succede che si passi con la massima disinvoltura dall’opposizione all’opportunismo.

  5. mi ha colpito il titolo dell’articolo di oggi corriere delle alpi…..la zoleo dichiara che per lei non vi era posto altrove…strano io pensavo che le scelte fossero fatte sui PROGRAMMI non sulle possibilità di poltroncina….