Monday, 23 April 2018 - 07:29

Belluno protagonista non intende appoggiare Prade. Carbogno: “A Belluno il Pdl rappresenta il vecchio e dunque non vi sono più le condizioni”

Mar 10th, 2012 | By | Category: Cronaca/Politica, Prima Pagina

«A Belluno una ricomposizione sotto la candidatura di Prade è impossibile». Lo ha detto questa mattina Michele Carbogno, leader del Movimento Belluno protagonista, nel corso dell’incontro con il pubblico che si è tenuto in sala Gaio al centro Giovanni 23mo di Belluno. «La collocazione naturale di Belluno protagonista – ha precisato Carbogno – è nel centrodestra. Solo che a Belluno il Pdl rappresenta il vecchio e dunque non vi sono le condizioni. Laddove riscontreremo l’attualità della proposta non avremo problemi a sostenerla. Come abbiamo fatto a Feltre nell’appoggiare Ennio Trento candidato sindaco del Pdl».

Il dado è tratto, dunque, per la lista di Carbogno che a questo punto per le amministrative di Belluno potrà correre da sola oppure insieme a qualche altra formazione politica. Se si escludono le componenti del centrosinistra (Bettiol, Massaro), 5Stelle e la Lega che corrono entrambi da soli, rimane in gioco La Destra di La Grua e le liste autonomiste, che però non andranno oltre l’1 o il 2% e il centro con candidato Ida Bortoluzzi che, invece, potrebbe aspirare ad una percentuale più consistente. E pertanto potrebbe essere il partner ideale per peso e collocazione alla lista di Michele Carbogno.

Appare oramai irrecuperabile, insomma, il rientro nel Pdl bellunese da parte di Carbogno, che non ha esitato ad usare toni sarcastici nei confronti del Pdl alludendo ad esempio all’episodio dell’onorevole Maurizio Paniz, allorquando difendeva la tesi “Ruby nipote di Mubarak”. Oppure quando ha parlato della bizzarra alleanza secondo la quale «pare che Maria Cristina Zoleo, leader del centrosinistra, avversaria di Prade alle precedenti elezioni – ha detto Carbogno – oggi sia nella lista civica a sostegno di Prade». Cosa potrà uscire dal programma a quattro mani scritto dal leader del centrodestra insieme all’ex leader del centrosinistra? Si chiede Carbogno.

L’ipotesi, insomma, avanzata ancora mesi fa su queste colonne che suscitarono l’ira della Zoleo che definì pura fantapolitica quello che noi dicemmo un cambio di casacca, ora – se confermato – sta prendendo piede.

Sulla fine della provincia, Carbogno ha difeso l’operato di Bottacin, “caduto per aver sollevato il caso del buco finanziario di Bim Gsp e vittima di una strategia della destra e della sinistra volta alla conquista della provincia”. «Poi è arrivato il piano Monti, con l’abolizione delle province, che ha lasciato sul campo qualche cadavere (il riferimento è ai potenziali candidati alla Provincia).

Insieme a Carbogno, al tavolo dei rappresentanti di Belluno protagonista c’era anche Alessio Vainella, medico 37enne al Pronto soccorso di Belluno, che ha sottolineato il progetto del movimento, volto a far prendere coscienza ai cittadini, che tutti possono dare il loro contributo per migliorare la città. Ha chiuso l’incontro l’ex assessore provinciale Lorenza De Kunovich.

Share

6 comments
Leave a comment »

  1. rimane in gioco La Destra di La Grua e le liste autonomiste, che però non andranno oltre l’1 o il 2% e il centro con candidato Ida Bortoluzzi che, invece, potrebbe aspirare ad una percentuale più consistente. E pertanto potrebbe essere il partner ideale per peso e collocazione alla lista di Michele Carbogno…….CHI HA SCRITTO CHE NON ANDREMO OLTRE IL 2 PER CENTO???’SIAMO REDUCI DA UNA MARCIA DI VENTIMILA PERSONE, SIAMO PRESENTI IN CITTA’ SEMPRE E CON OGNI TEMPERATURA, PRESENTI CON LE NOSTRE BATTAGLIE, VICINI ALLA GENTE, SIAMO STATI I PRIMI A PRESENTARE IL CANDIDATO SINDACO PERSONA STIMATA, E POI …..SCUSATE MA LA BORTOLUZZI NON MI PARE PROPRIO DI CENTRODESTRA E NON MI PARE POSSA AVERE PIU’ CONSENSI DI CHI SI BATTE 360 GIORNI ALL’ANNO…..QUINDI NE PARLEREMO DOPO I RISULTATI E…NOI CI SIAMO SPERANDO DI POTER CONDIVIDERE QUESTA BELLA AVVENTURA!!!

  2. Evidentemente non può che avere ragione Titti, oppure avete già fatto lo spoglio delle schede? Noi abbiamo già distribuito stamane una parte del nostro programma, mentre gli altri fanno cartelloni con le loro foto… Staremo a vedere cosa la gente deciderà di votare: noi siamo convinti che gli elettori non siano pecore che votano solo il simbolo, siano certi che i bellunesi sapranno scegliere chi può rappresentare LA COMPETENZA, LA COERENZA, LA VOGLIA DI LEGALITA’, LA LIBERTA’ IMPRENDITORIALE, LA SOCIALITA’, LA FAMIGLIA, LA PASSIONE (…) in sintesi LA DESTRA sociale e liberale = LA GRUA Francesco!

  3. Semplice stima, confortata dai sondaggi. Quello al link qui sotto, ad esempio, attribuisce a La Destra l’1,3% noi siamo stati prudenti, e al tempo stesso generosi, scrivendo l’1 o il 2 %

    http://www.sondaggipoliticoelettorali.it/asp/visualizza_sondaggio.asp?idsondaggio=5245

  4. OK, grazie
    Evidenzio, tuttavia, che il sondaggio è rivolto all’ipotesi di voto per la Camera dei Deputati ed è stato fatto su un numero (certamente rappresentativo a livello nazionale?!) di 1.040 interviste… Viva le statistiche con le loro teorie dei polli! (io mangio due polli, lui neanche uno: statisticamente, un pollo a testa).

  5. hehehehe…dopo la manifestazione a roma un sondaggio che viene fatto solo 2 volte l’anno e chiede…se non ci fosse il tuo partito a chi voteresti…Le DESTRA tocca il 27 %…i sondaggi di ieri sera danno La Destra al 3…a belluno poi….vedremo visto che in piazza ci siamo sempre e solo noi….e questo la gente lo comprende e premia…..stamattina distribuiti 350 volantini….fatti in casa…..senza sperperare…..

  6. Fa bene Carbogno a chiedersi “cosa potrà uscire dal programma a quattro mani scritto dal leader del centrodestra insieme all’ex leader del centrosinistra”: dovrebbero chiederselo anche i pidiellini…

Scrivi un commento

You must be logged in to post a comment.