Saturday, 24 February 2018 - 06:32

Mercoledì all’Istituto “catullo” il I° appuntamento “Comunicare ad arte”. Matteo Melchiorre presenta il suo libro La banda della superstrada Fenadora-Anzù”,

Mar 5th, 2012 | By | Category: Arte, Cultura, Spettacoli, Prima Pagina, Scuola

Inizia mercoledì 7 marzo, alle 18.30, nell’Aula Magna dell’istituto “Catullo”, il primo appuntamento del ciclo “Comunicare ad arte – tre incontri su paesaggio bellezza civiltà e tecniche per non farseli scippare”.

Sarà la presentazione del libro di Matteo Melchiorre, “La banda della superstrada Fenadora-Anzù”, edito per Laterza nella collana Contromano, ad aprire la rassegna, organizzata dall’Istituto tra le proposte di ampliamento dell’offerta formativa.

La scuola si apre alla città, dunque, con tre incontri dedicati alla comunicazione nell’era della comunicazione: Matteo Melchiorre ha seguito per quattro anni l’epopea della costruzione della superstrada, registrando con puntiglio certosino notizie, articoli, silenzi, annotando quotidianamente il progresso degli scavi, l’avanzata del cemento e il definitivo stravolgimento di un paesaggio secolare come quello (che fu) delle rive di Tomo. Il risultato è un romanzo che ha la precisione dell’inchiesta e la lucidità dell’analisi, e induce chi legge a porsi la stessa domanda che si pone l’autore: “Può essere che un strada fallisca nel suo obiettivo? Può essere che anziché librarci nei cieli limpidi di un cosmo unificato, ci condanni invece ad una costrizione triplicata?”.

In un incrocio perfetto tra microstoria e macrostoria, il libro di Matteo Melchiorre utilizza la Fenadora-Anzù per quello che è: il paradigma di un esproprio silenzioso del paesaggio, che si consuma non solo lontano e altrove, ma quotidianamente e sotto i nostri occhi.

Dopo la presentazione al pubblico (aperta a tutti e con ingresso libero) l’autore incontrerà, giovedì mattina, anche le classi quinte dell’Istituto.

Matteo Melchiorre, nato nel 1981, è ricercatore assegnista al Dipartimento di Studi Umanistici dell’Università Ca’ Foscari di Venezia e si occupa di storia economica e sociale del Medioevo.

Abita a Tomo dal 1999. Il suo primo libro, “Requeim per un albero” (ed. Spartaco) ha vinto nel 2005 il Premio Mazzotti. Di recente ha scritto “A un cenno del suo dito. Gli ebrei, le folle e fra Bernardino da Feltre” (QuiEdit, 2011).

 

Share

Scrivi un commento

You must be logged in to post a comment.