Sunday, 25 August 2019 - 19:48
direttore responsabile Roberto De Nart

Società partecipate: il sindaco di Belluno Antonio Prade a Venezia

Feb 24th, 2012 | By | Category: Cronaca/Politica, Prima Pagina

Venerdì 24 febbraio, il sindaco Antonio Prade, con Ermanno Gaspari, presidente di Bellunum, parteciperà ad una conferenza stampa che si terrà a Venezia, presso la Sala Legni del Consiglio Regionale Veneto a Palazzo Ferro Fini, sulla questione relativa ai rapporti tra enti locali e società partecipate. Nel corso dell’incontro sarà presentato un emendamento alla normativa in corso di approvazione al fine di valorizzare le gestioni pubbliche di eccellenza e la loro funzione di riferimento, anche tariffario, del mercato e della qualità dei servizi.

Ecco il testo del comunicato, promosso da Contarina Spa, Ponte Servizi Srl, Bellunum Srl, Etra Spa ed Ecogest Srl, e i rappresentanti dei rispettivi Comuni Soci, in collaborazione con la Presidenza del Consiglio Regionale del Veneto.

La scelta di avere una scelta! La manovra sulle liberalizzazioni del governo Monti rischia di azzerare le eccellenze venete nella gestione della raccolta differenziata.

Caro Sindaco, Consigliere Regionale, On. Parlamentare, le eccellenze venete in materia di gestione dei servizi di raccolta differenziata rischiano di essere smantellate dalla manovra sulle liberalizzazioni presentata dal Governo Monti che verrà portata a breve in discussione in Parlamento. Per scongiurare quello che a nostro avviso sarebbe una grave perdita di efficienza e degli ottimi risultati raggiunti sul territorio del Veneto, il prossimo venerdì 24 febbraio alle ore 11.00 presso la Sala Legni del Consiglio Regionale Veneto Palazzo Ferro Fini – S. Marco 2322 – Venezia Contarina Spa, Ponte Servizi Srl, Bellunum Srl, Etra Spa ed Ecogest Srl, e i rappresentanti dei rispettivi Comuni Soci le migliori gestioni della raccolta differenziata d’Italia (e con ogni probabilità d’Europa), presenteranno in una conferenza stampa ai parlamentari nazionali ed europei, ai consiglieri regionali, alle istituzioni e ai cittadini le ragioni e i numeri (risultati, costi, bilanci) dell’Italia che funziona e che non è disposta a svendere i propri gioielli. Nel corso dell’incontro sarà presentato un emendamento alla normativa in corso di approvazione al fine di valorizzare le gestioni pubbliche di eccellenza e la loro funzione di riferimento, anche tariffario, del mercato e della qualità dei servizi. Per dare a queste realtà “la scelta di avere una scelta”. E’ quindi una proposta liberale, per la libertà di decidere, naturalmente quando si tratta di sistemi oggettivamente virtuosi. Le ragioni di questa proposta sono semplici: il Veneto è da tempo la migliore Regione d’Italia nella gestione della raccolta differenziata dei rifiuti. Il modello vincente di queste gestioni praticato da molti comuni veneti è l’affidamento diretto, cosiddetto “in house”, a proprie società pubbliche. Stiamo parlando di un modello di gestione dei servizi pubblici assolutamente conforme alle norme europee e molto praticato in altri paesi UE, come ad es. la Germania. Stiamo parlando di società pubbliche, create da buone amministrazioni locali, con bilanci sani e trasparenti, che garantiscono, con un’avveduta e professionale gestione, costi contenuti e ampliamente sotto gli standard nazionali assieme a servizi ai cittadini di assoluta eccellenza. Società venete che, a una Italia che arranca attorno al 30% di raccolta differenziata, che annovera l’emergenza di Napoli, società in dissesto finanziario, tariffe medie alle famiglie di 240 €, contrappongono oltre il 70-80% di raccolta differenziata, bilanci in utile e tariffe di 160 € per famiglia, con centinaia di migliaia di utenti che pagano i servizi in base ai rifiuti prodotti! Tutto ciò, per più di 1. 200.000 abitanti serviti. Esperienze di punta che hanno favorito l’occupazione e la crescita in Veneto di una “new economy” strutturata del riciclo e che ha sviluppato filiere industriali di prodotti derivanti dall’utilizzo di materiali provenienti dalla raccolta differenziata. Nell’inflessibile processo delle liberalizzazioni del governo Monti sono coinvolte anche queste società in house, i consorzi, le aziende pubbliche sane trattate allo stesso modo di quelle deficitarie. Sono costretti a In collaborazione con la Presidenza del Consiglio Regionale del Veneto cambiare, in questo modo, i sistemi che funzionano, quelli dell’Italia dell’efficienza, delle competenze, dei servizi di qualità, delle gestioni finanziarie oculate e trasparenti accomunati, senza distinzione alcuna, ai carrozzoni pubblici che generano disservizi, clientelismo, sprechi, bilanci fuori controllo. Siamo di fronte ad una semplificazione inaccettabile e illogica che rischia di annientare quelli che dovrebbero essere i modelli di riferimento di gestione dei servizi pubblici efficienti, capaci di sostenere un’economia responsabile, non speculativa, e in stretta relazione con il territorio, i cittadini e gli amministratori locali. La privatizzazione dei servizi pubblici non può essere considerata un dogma assoluto. La politica, tanto più la politica dei tecnici, non può rinunciare ad esaminare pragmaticamente le questioni nel merito salvaguardando le buone amministrazioni, le gestioni efficienti ed efficaci, le aziende che oggi sono l’orgoglio e l’esempio dell’Italia e dei nostri territori. Serviamo milioni di cittadini del Veneto che non possono essere lasciati soli a combattere contro questa scelta di governo che pare assai poco utile e prevalentemente ideologica che allontana ancor più dalla politica e dalle istituzioni. Ti aspettiamo, ora c’è bisogno di te! Lì, 21 febbraio 2012 Contarina spa – Treviso Il Presidente della società f.to Antonio Zamberlan Il Presidente del Consorzio Intercomunale Priula, socio f.to Giuliano Pavanetto Il Presidente del Consorzio Intercomunale TV3, socio f.to Franco Bonesso Ponte Servizi srl – Belluno L’Amministratore Unico della società f.to Federico Pierobon Il Sindaco del Comune di Ponte nelle Alpi, socio unico f.to Roger De Menech Bellunum srl – Belluno L’Amministratore Unico della società f.to Ermanno Gaspari Il Sindaco del Comune di Belluno, socio unico f.to Antonio Prade ETRA spa – Padova Il Presidente della società f.to Stefano Svegliado Il Presidente del Consiglio di sorveglianza, per i soci f.to Manuela Lanzarin ECOGEST srl – Rovigo Il Presidente della società f.to Giovanni Giribuola Il Presidente del Consorzio Intercomunale Rovigo 1, socio f.to Pierluigi Tugnolo Coordinamento: Consorzio Intercomunale Priula Via Donatori del Sangue n. 1, 31020 Fontane di Villorba (Treviso) Direttore Generale Dott. Paolo Contò  paolo.conto@priula.it

Share

2 comments
Leave a comment »

  1. Per via della trasparenza, vorrei prendere 100 bellunesi tra i più istruiti ed attenti alla vita politica e sociale della città e chiedere loro se sanno dirmi, anche con una approssimazione del 20 – 30% i costi della Bellunum ed i costi complessivi per il servizio di smaltimento rifiuti. Scommetto che non ne trovo uno che sappia dirmi, per ogni tonnellata di rifiuto trattato, la quota imputabile a Bellunum per il servizio di raccolta, la parte amministrativa, la quota per lo smaltimento successivo e, soprattutto, la quota da aggiungere alla bolletta per i rimborsi CONAI alla raccolta differenziata per non parlare della quota ENEL che copre altri costi. Poi, presentati in modo onesto e corretto i costi reali e totali si fanno i confronti con gli altri e ci si prende i meriti, se ci sono. Per quanto riguarda la tariffa…altra balla. Abbiamo i raccoglitori speciali, le chiavette ecc., tutte cose che hanno una logica solo se servono a stabilire la tariffa ma non abbiamo la tariffa. Paghiamo ancora sulla base della tassa, del metri quadrati ecc. Pagamento puntuale sulla base del rifiuto prodotto un piffero. Capacità di raccontarci balle e crederci..enorme.

  2. Mi perdoni sig. Piero Balzan ma il suo scritto pare quello di un aspirante consulente frustrato per non aver ricevuto un qualche incarico…quanto ci sono andato vicino? Je rode così tanto? Mica c’è solo il settore pubblico per lavorare, cerchi a 360°: se è bravo ed economico lavoro ne troverà!
    Auguri.