Tuesday, 15 October 2019 - 10:39
redazione@bellunopress.it direttore Roberto De Nart

La Lega Nord bellunese si lamenta del governo Monti in carica da tre mesi, e dimentica i 17 anni di promesse del governo Berlusconi-Bossi

Feb 23rd, 2012 | By | Category: Cronaca/Politica, Prima Pagina

Diego Vello

Dopo 17 anni di governo con Berlusconi e di promesse di federalismo, oggi la Lega Nord grida al complotto. “In parlamento c’è l’accordo trasversale tra Pd e Pdl per togliere le province come ente intermedio tra comuni e regione, annullando la loro funzione politica – scrive in una nota Diego vello, segretario provinciale della Lega Nord – i due partiti di maggioranza vogliono di fatto eliminare le funzioni in capo agli enti provinciali e delegarle ai comuni o alle regioni”. Questo, secondo Vello, significherebbe ridurre le province in enti di coordinamento territoriale, allo stesso livello delle comunità montane. La provincia di Belluno dovrebbe così ridare alla Regione Veneto tutta una serie di competenze, come turismo, protezione civile e demanio idrico. “Ma non era Reolon qualche giorno fa che, quasi in tono glorioso, annunciava il salvataggio delle province? – afferma Vello – Così il bellunese già a corto di risorse dovrà anche rinunciare ad un controllo diretto su alcune competenze legate strettamente al nostro territorio montano dovendo perciò rinunciare anche alla poca autonomia amministrativa ottenuta in questi anni.Questa – conclude il segretario del Carroccio – è l’ennesima riprova di un governo contro le autonomie locali, irrispettoso delle periferie e delle amministrazioni, così facendo la strada politica percorsa a Roma mina giorno per giorno il risultato di tanti anni di lotte politiche. Chiedo al Pd e al Pdl di renderne conto ai bellunesi smettendola di nascondersi dietro ad un dito”. Rimane il fatto che non si possono addossare al governo Monti, in carica da soli tre mesi, le inerzie e le delusioni di 17 anni di governo Berlusconi-Bossi. Troppo comodo.

Share

Comments are closed.