Saturday, 17 August 2019 - 13:41
direttore responsabile Roberto De Nart

Gelo sull’apertura alle primarie: Claudia Bettiol “Il Patto per Belluno non è più quello del 2007, oggi difende l’operato di Bim Gsp ed è favorevole alla privatizzazione dell’acqua”! Jacopo Massaro: “Le alleanze si fanno sui programmi”

Feb 21st, 2012 | By | Category: Cronaca/Politica, Riflettore

Claudia Bettiol

L’apertura alle primarie di coalizione del centrosinistra rivolta a Jacopo Massaro dal Pd tramite Paolo Vendramini, si è arenata dopo l’accordo della lista Massaro con il Patto per Belluno.

E oramai, ogni possibile accordo appare remoto.

Le riserve del Pd sulla lista civica Patto per Belluno, che nel 1997 aveva appoggiato il candidato sindaco del centrosinistra Maria Cristina Zoleo, sono fondate su due motivi sostanziali, che pesano come macigni nella dialettica politica.

«In primo luogo, il Patto per Belluno ha difeso in consiglio comunale l’operato di Bim Gsp, la cui gestione ha portato debiti con le banche per una settantina di milioni di euro – spiega Claudia Bettiol, candidato sindaco del Pd –

In secondo luogo, il Patto per Belluno si è pronunciato a favore della privatizzazione dell’acqua.

Posizioni dunque, che oggi sono in netto contrasto con la linea politica del centrosinistra».

 

Jacopo Massaro

Secondo Massaro, tuttavia, «Le alleanze si fanno su programmi che risolvono i problemi della vita reale. Il Patto per Belluno – afferma Jacopo Massaro – mi ha proposto un programma composto da 10 punti semplici e di buon senso, e non ha posto condizioni o pregiudiziali. Non vedo perché non avrei dovuto accettare».

«Nel programma, presentato alla stampa nei giorni scorsi, tra le altre cose, il Patto chiede un progetto turistico della città e una maggiore attenzione alla vivibilità, ad esempio evitando il rilascio di autorizzazioni ad edificare se prima non sono state realizzate le opere primarie, a differenza di ciò che è avvenuto recentemente a Cavarzano.

C’è una certa dirigenza di Partito – conclude Massaro – che dedicandosi allo sport del pregiudizio ideologico, delle vecchie ruggini e delle antipatie personali non riesce più ad occuparsi della vita reale e delle priorità della gente.

Io penso che sia positivo superare questo immobilismo e guardare avanti come ho fatto col Patto, e come farò con gli altri alleati, ponendo l’attenzione sugli obiettivi».

 

Share

8 comments
Leave a comment »

  1. Ma il Signor Vendramini del PD, che non conosco di persona, vuol fare uno
    scherzo di carnevale? se è così prendiamola sul ridere, se invece è convinto
    delle sue affermazioni circa il ruolo del Patto per Belluno sull’acqua la cosa
    sarebbe assai preoccupante. Prima di sparare bufale ci pensi e si informi.
    Voglio ricordare al Signor Vendramini che se la raccolta firme per l’acqua
    bene pubblico ha avauto successo e ha portato al referendum è anche merito mio
    e delle persone da me portate o mandate a firmare. Non solo dirò di più che la
    mia firma è stata raccolta niente poco di meno che dal Signor Bressan
    Segretario della CGIL, può andare a consultare le liste.
    Ricordo che in ogni sede mi sono sempre battuto, e continuerò a farlo, perchè
    l’acqua deve rimanere patrimonio pubblico della nostra Provincia, dei Nostri
    Comuni e dei nostri Concittadini .
    Celeste Balcon – Patto per Belluno

  2. Quanto a difese il Patto per Belluno non ha difeso nessuno ha chiesto chiarezza a 360 gradi perchè le responsabilità sono di tutti, ognuno si prenda la sua parte.

  3. Bersani non è Bettiol…non sono tutti uguali…il PD a Belluno ha sempre sostenuto il referendum e l’acqua pubblica…non mistifichiamo la realtà facendo di tutta l’erba un fascio come al solito…so che è più difficile ma fare il contrario è solo propaganda…

  4. insomma il PD a favore delle primarie, poi contro le primarie, poi all’imporvviso a favore e ora ci ripensano perche’ c’e’ il patto per belluno (e allora?). poche idee ma ben confuse. mai piu’ PDmenoelle.

  5. Ben detto Giovanni, mi hai tolto le parole di bocca.

  6. Se vogliamo parlare di meriti diamoli ad Acqua bene comune che si e’resa promotrice in tutta Italia del referendum,poi ogni persona con un po’di senso civico ha fatto solamente il suo dovere di cittadino di votare,collaborare ed informare. Piuttosto visto che si vuole stravolgere sia a livello nazionale che locale l esito referendario di 27.000.000 di persone chiedo a questi signori di difendere questo esito referendario nelle opportune sedi. Visto che si parla di amministrative cominciamo dalla ripubblicizzazione dell acqua nel comune di Belluno. Il Movimento 5 stelle se sara’ presente lo sosterra’. Saluti Adriano.

  7. Si dirà lo è già, ma non di fatto vista la poca trasparenza della gestione dell’ acqua in provincia
    http://www.belluno5stelle.it/buco-di-bim-gsp-doverano-i-sindaci-prade-e-vaccari/

  8. Bettiol- Massaro querelle:
    PocoDivertente,ParecchioDeprimente,PapocchioinDecente,ParticolarmenteDecadente…..ecc.