Wednesday, 16 October 2019 - 13:46
redazione@bellunopress.it direttore Roberto De Nart

“Transparent Factory”, venerdì 17 febbraio ore 18.15 nella libreria MondoLibri di Belluno Gabriele Qualizza spiega come gli spazi di lavoro possono fare comunicazione

Feb 15th, 2012 | By | Category: Appuntamenti, Pausa Caffè

Chi di noi ha mai pensato consciamente che gli immobili comunicano? Tutti percepiamo delle sensazioni più o meno piacevoli quanto entriamo in un ufficio, in un negozio, in una casa, ma pochi pensano a quelle sensazioni come a dei messaggi comunicativi. E, invece, anche gli spazi di lavoro comunicano. E’ questo che Gabriele Qualizza ci spiegherà venerdì 17 febbraio 2012 alle ore 18 e 15 durante il quarto appuntamento del percorso letterario nel mondo della comunicazione “Un libro, un tema, un’idea” organizzato dal Direttivo Triveneto Ferpi – Federazione Relazioni Pubbliche Italiana e Associazione Comunicazione Pubblica nella libreria MondoLibri di Via Mezzaterra a Belluno. Tra i professionisti l’idea del design degli ambienti di lavoro come forma di comunicazione non è nuova – basti pensare all’attività dell’architetto Peter Behrens, direttore artistico del colosso AEG tra il 1907 e il 1914 – oggi quest’idea viene portata all’estremo, fino a trasformare l’edificio in un semplice supporto mediatico per la trasmissione dei messaggi. È il trionfo della logica del media building. Aree direzionali concepite come grandi “parchi a tema”, crescente contaminazione tra logiche lavorative e dinamiche del tempo libero; da Nike a Microsoft, da Volkswagen a Google il new deal della spettacolarizzazione degli ambienti di lavoro trasforma l’impresa in un set di esperienze, chiamato a offrire ai propri interlocutori non soltanto beni o servizi, ma anche sollecitazioni sensoriali. Sempre più spesso i principi dello show business vengono utilizzati per inscenare situazioni straordinarie e coinvolgenti, non solo per favorire lo “spirito di squadra” dei dipendenti, ma anche per catturare l’attenzione dei media e il consenso dei consumatori. Il rischio può essere una disneyficazione degli spazi del lavoro, accompagnata dalla progressiva rarefazione dei confini con la vita privata e dalla sovrapposizione tra identità personale e identità organizzativa; la sfida è transitare oltre la superficie degli oggetti, per entrare all’interno degli ambienti di lavoro, oggi investiti da una pressante richiesta di cambiamento, che parte dal ripensamento degli approcci strategici e dalla definizione di nuove regole del business. Questa è la sfida che raccoglie anche questo volume: perché professionisti del marketing e della comunicazione d’impresa, designer, consulenti di organizzazione aziendale, studiosi e studenti possano approfondire tali evoluzioni, conoscerne gli esempi più significativi, valutare le ripercussioni sull’organizzazione del lavoro e sul rapporto con i consumatori, ma anche ipotizzare gli scenari futuri. Gabriele Qualizza, esperto d’immagine e di comunicazione d’impresa, svolge attività di ricerca, consulenza e formazione nell’ambito del marketing e della comunicazione aziendale. Assegnista di ricerca all’Università di Udine, dove insegna “Economia e gestione della marca” e “Analisi e pianificazione dei media aziendali”, ha lavorato a lungo in pubblicità, occupandosi di progettazione dell’audiovisivo. Insegna “Teorie e linguaggi della pubblicità digitale” nell’ambito del Master in Web Marketing & Digital Advertising organizzato dall’Università Cattolica di Milano e “Relazioni Pubbliche” all’Accademia di Belle Arti di Brera; tiene inoltre docenze a contratto presso l’Università di Trieste. Fa parte del comitato di redazione di Brandforum.it, primo osservatorio in Italia sul mondo delle marche ed è autore di Pensieri/Segnali. Architetture della comunicazione nella nuova fabbrica delle idee (2005) e di Oltre lo shopping. I nuovi luoghi del consumo: percorsi, esplorazioni, progetti (2006). Ad intervistare Gabriele Qualizza il prof. Eugenio Ambrosi, Direttore del Corecom Friuli Venezia Giulia sino a fine 2011, giornalista pubblicista, autore di numerosi articoli e saggi, una decina di libri pubblicati, docente a contratto di Strategia di internazionalizzazione per la P.A. a Scienze della Formazione dell’Università di Trieste, dove è anche docente di comunicazione pubblica al Master in Gestione ed analisi della comunicazione, direttore responsabile della NewsLetter del Centro Veritas di Trieste. L’evento ha il patrocinio e il sostegno di Provincia di Belluno, Comune di Belluno, Confindustria Belluno Dolomiti, UAPI, APPIA, Confcommercio, Ordine dei Giornalisti del Veneto, Librerie MondoLibri, Flashfactory e Maxima srl.

Share

Comments are closed.