13.9 C
Belluno
domenica, Luglio 5, 2020
Home Prima Pagina Dobbiaco - Cortina granfondo: a skating i più forti sono Alan Martinelli...

Dobbiaco – Cortina granfondo: a skating i più forti sono Alan Martinelli e Sara Pellegrini

Oggi la prima giornata della granfondo sugli sci che unisce Ampezzo e Pusteria. Al via 634 atleti. Il carabiniere di Valdidentro batte l’olimpionico sappadino e  l’alpino Daniele Compagnoni. La bellunese delle Fiamme Oro bissa il successo del 2011 precedendo Sabina Valbusa e Marina Piller. Domani si gareggia in tecnica classica.

Freddo intenso e vento hanno accompagnato la prima giornata della 35. edizione della Dobbiaco-Cortina, la granfondo sugli sci che unisce Ampezzo e Pusteria. Questa mattina erano in programma 20 chilometri a tecnica libera, con partenza da Fiames, alle porte di Cortina, e arrivo all’Arena Nordic Ski di Dobbiaco, la struttura per lo sci di fondo che ha recentemente ospitato il Tour de Ski. A prendere il via, con una temperatura di -12, sono stati in 634, provenienti da Norvegia, Finlandia, Russia, Stati Uniti, Canada, Australia, Belgio, Germania, Francia e Austria.

 

La gara è vissuta sull’azione di un gruppetto di una decina di unità che ha preso il largo fin dai primi metri della salita che da Fiames porta a Cimabanche e che era composto da tutti i migliori, tra i quali gli olimpionici Pietro Piller Cottrer e Cristian Zorzi, i carabinieri Alan e Cristian Martinelli, l’alpino del Centro sportivo Esercito Daniele Compagnoni e il poliziotto Sergio Rigoni. A tirare erano soprattutto i Carabinieri ma le pendenze non eccessive e la discesa successiva allo scollinamento da Cimabanche impedivano azioni di forza. Al giro finale alla Nordic Arena Piller Cottrer riusciva ad andare via, seguito dal collega Alan Martinelli e da Compagnoni. Sul rettilineo finale Martinelli e Piller Cottrer si presentavano in testa appaiati e negli ultimi venti metri Martinelli riusciva ad avere la meglio.

 

«Lungo la salita verso Cimabanche si è formato un gruppetto di una decina di uomini e nessuno riusciva ad andare via – spiega il vincitore – Poi, lungo i chilometri finali della pista Stephanie, Pietro Piller ha fatto una bella selezione e siamo rimasti in tre. In volata ho fatto valere il mio spunto veloce. Dopo la vittoria alla Pustertaler questo è il secondo successo di stagione. Chissà che il numero delle vittorie non salga a tre già da domani, con la Dobbiaco-Cortina in classico. E poi vorrei fare bene nella prossima gara di Coppa Italia, sui 45 chilometri della Marciagranparadiso di Cogne, per guadagnarmi un posto per la 50 di Coppa del Mondo a Oslo a inizio marzo. Intanto ringrazio i miei tecnici che ancora una volta ci hanno preparato materiali al top».

 

«Ci ho provato a vincere e, nonostante in volata non sia un fulmine, allo sprint ci ero quasi riuscito  – questo il commento di Pietro Piller Cottrer –  In salita sono stato davanti spesso per scremare il gruppo ma poi in discesa ci siamo ricompattati. Sulla salita finale alla Nordic Arena ho forzato di nuovo e siamo rimasti in tre. Sono contento della mia prova».

 

Tra le donne ha dominato la vincitrice dello scorso anno, la bellunese Sara Pellegrini. La portacolori delle Fiamme Oro è stata in testa dall’inizio alle fine, infliggendo oltre 2’ al tandem della Forestale composto da Sabina Valbusa e Marina Piller.

«Gara bellissima nonostante il freddo – spiega Pellegrini – Sono reduce da un periodo negativo, caratterizzato dall’influenza. Sto pian piano recuperando e mi auguro che questo successo sia la svolta per una grande seconda parte di stagione».

 

Di seguito la graduatoria. Maschile: 1. Alan Martinelli (Carabinieri) 30 km in 1h20’02”, 2. Pietro Piller Cottrer (Carabinieri) 1h20’03”; 3. Daniele Compagnoni (Esercito) 1h20’04”; 4. Christian Martinelli (Carabinieri) 1h20’08”; 5. David Wieser(Forestale) 1h20’14”; 6. Sergio Rigoni 1h20’15”; 7. Morris Galli 1h20’15”; 8. Cristian Zorzi 1h20’16”; 9. Eugenio Bianchi 1h20’50”; 10. Roberto De Zolt Ponte 1h22”. Femminile: 1. Sara Pellegrini (Fiamme Oro) 30 km in 1h25’25”, 2. Sabina Valbusa (Forestale) 1h27’29”; 3. Marina Piller (Forestale) 1h27’35”; 4. Andrea Reithmayr (Austria) 1h31’25”; 5. Barbara Giacomuzzi 1h34’08”.

 

Domenica la Dobbiaco-Cortina proporrà la seconda e conclusiva giornata, con i 42 km in stile classico. Partenza alle 10 dalla piana di Dobbiaco e arrivo sotto il campanile della regina delle Dolomiti.

 

 

Share
- Advertisment -



Popolari

Lago di Santa Croce. Si tuffa dal pedalò e non riemerge. Ritrovato il corpo senza vita dai sommozzatori

Farra d'Alpago, 5 luglio 2020 - E' stato ritrovato dai sommozzatori dei vigili del fuoco sul fondo del Lago di Santa Croce alle ore...

Zaia e il suo punto stampa autocelebrativo. Zanoni: “Non è possibile considerare un’emergenza come fosse un reality show”

Andrea Martella sottosegretario del Pd alla Presidenza del Consiglio ha detto che “il governatore Zaia è caduto in uno stato confusionale” aggiungendo che “Per...

Manifestazione degli animalisti in difesa degli orsi del Trentino

Il presidente della provincia autonoma di Trento Maurizio Fugatti, ha la firma facile quando si tratta di condannare a morte orsi, magari col pretesto...

Interventi del soccorso sabato sera a Cortina

Cortina d'Ampezzo (BL), 05 - 07 - 20   Ieri attorno alle 20 la Centrale del 118 è stata allertata per 4 escursionisti piemontesi, due...
Share