Wednesday, 16 October 2019 - 13:45
redazione@bellunopress.it direttore Roberto De Nart

Il governo Monti impugna lo statuto veneto. Caner:”L’autonomia del Veneto è indigesta a Roma”

Feb 3rd, 2012 | By | Category: Cronaca/Politica, Prima Pagina

Federico Caner

“Da un Governo che in 3 mesi si è dimostrato a più riprese centralista ed antifederalista, era logico attendersi che fosse toccato un punto dello Statuto che fa perno proprio sulle ‘specifiche esigenze del Veneto’. Oggi l’unanimità e la trasversalità con cui il Consiglio regionale ha votato la Carta, sono svilite ed umiliate dalla decisione dell’Esecutivo che decide di fare ricorso alla Corte”. Così il presidente del Gruppo leghista Federico Caner commenta la notizia della decisione del Governo, che a tre settimane dal licenziamento dello Statuto da parte del parlamento regionale ha disposto il ricorso contro il comma 4 dell’articolo 30 del testo (“La Regione, d’intesa con il Consiglio delle autonomie locali, adatta i vincoli posti dalla legislazione statale in materia di coordinamento della finanza pubblica alle specifiche esigenze del Veneto”). “Lascio ai tecnici e al presidente Tesserin, una volta ricevute le motivazioni ufficiali da Roma, le valutazioni in merito ai motivi che hanno portato a questa risoluzione da parte del Governo Monti – dichiara Caner -. Mi limito a considerare quanto l’autonomia di una Regione, pur nell’ambito, nel rispetto e nei limiti della legislazione nazionale, sia invisa a questo Esecutivo. Il Veneto a guida leghista, agli occhi del Governo Monti, è stato punito bocciando uno Statuto che però è frutto del lavoro e della volontà unanime di tutto il parlamento regionale e della Commissione presieduta da Carlo Alberto Tesserin”. “Il popolo veneto, di qualsiasi idea politica, non potrà non tener conto di quanto dei decreti federalisti al Governo Monti interessi solo quello su Roma Capitale, mentre contro le istanze delle autonomie locali virtuose va fatto immediato ricorso”, conclude Caner.

 

Share

Comments are closed.