13.9 C
Belluno
venerdì, Agosto 7, 2020
Home Cronaca/Politica Ecco i ritardi della tratta ferroviaria Belluno-Padova documentati da un gruppo di...

Ecco i ritardi della tratta ferroviaria Belluno-Padova documentati da un gruppo di pendolari

Qual è la dose di ritardo quotidiano che un pendolare forroviario veneto assume al giorno? E in una settimana? in un mese? In un anno? A chiederselo sono un gruppo di pendolari che dall’inizio dell’anno hanno cronometrato ed annotato tutti i ritardi della linea ferroviaria Belluno-Padova.

I motivi che ci spingono a documentare i fatti sono vari – scrivono in questo primo report -: 1) Quantificare il tempo che Trenitalia ci fa perdere; 2) Verificare e dimostrare se le informazioni che Trenitalia offre sono veritiere; 3) Capire le relazioni che ci sono tra l’orario della linea e i ritardi; 4) Stimolare gli organi politici a prendere decisioni per migliorare il servizio ferroviario; 5) Tentare di valutare se i rimborsi che ci vengono corrisposti sono all’altezza del disagio.

In questa prima nota raccontiamo solo il metodo di rilevamento e forniamo i dati raccolti del mese di gennaio. Nei prossimi mesi, se riusciremo ad avere costanza nel rilevare, forniremo gli aggiornamenti dei dati e le spiegazioni di queste osservazioni e idee.

Siamo pendolari principalmente della linea Belluno – Padova, e soprattutto della tratta Feltre – Padova e viceversa. Non mancano però osservazioni anche su Castelfranco V.to – Vicenza. I dati di ritardo sono rilevati in questo modo. Abbiamo preso come riferimento “un pendolare medio feltrino” fra quelli che quotidianamente usano la tratta Feltre Padova che è di 83 km.

Questo pendolare quando sale su un treno sa a che ora dovrebbe arrivare a destinazione. Così mentre il treno, entrato nella stazione di arrivo, sta rallentando affiancandosi al marciapiede di attesa del binario il pendolare guarda l’orologio presso il binario e si annota il ritardo, magari diminuendolo di 1 minuto. I dati, di un treno verso Padova e di uno verso Feltre sono quotidianamente riportati in una tabella in cui le righe corrispondono alle giornate mentre le colonne rappresentano i vari treni con le loro informazioni (codice, orario partenza, tempo percorrenza Feltre – Padova, velocità media). Per ogni giornata si conteggia quanti viaggi (da 0 a 2) del pendolare hanno avuto ritardo. Per ogni treno in fondo alla colonna sono conteggiati i viaggi rilevati, quanti di questi hanno avuto ritardo, il totale dei minuti di ritardo, il totale del tempo di percorrenza da orario, la percentuale del ritardo rispetto al tempo previsto, la media e la mediana del ritardo. Sono poi fatte delle somme a cadenza settimanale e mensile oltre che totale.

tabella: trenitardi_GENN

Oltre al “pendolare medio feltrino” vi stanno raccogliendo anche altri dati raccolti da altri pendolari che hanno preso treni in fasce orarie diverse e anche su tratte diverse. Anche se questi dati sono occasionali vengono riportati ed elaborati in base al numero di viaggi (= rilevamenti) effettuati.

La tratta è di 83 km, e i treni hanno una velocità media prevista da orario che è per i treni considerati, da 47 a 64,7 km/h con tempi di percorrenza da orario che vanno da 1:46 a 1:17 ore.

In sintesi nel gennaio 2012 il pendolare ferroviario medio Feltre – Padova (e viceversa) ha viaggiato 21 giorni, prendendo 42 treni. Dei 42 viaggi effettuati 37 sono risultati avere un ritardo che mediamente è stato di poco più di 6 minuti. Il ritardo complessivo è di 3 ore e 56 minuti (236 minuti). Questo ritardo corrisponde a quasi al 6,7% del totale previsto dall’ orario ufficiale

Nel mese vi è stata una giornata con sciopero di 24 ore (un solo treno garantito verso Padova ed uno solo da Padova), sulla linea durante questi viaggi non vi sono stati guasti importanti e nessun convoglio fermatosi per guasto.

 

Share
- Advertisment -



Popolari

Revocata la condanna penale agli animalisti per aver offeso Berlato e Caretta a Longarone nel 2015

Il giudice di pace di Belluno revoca la condanna penale al leader di Centopercentoanimalisti Paolo Mocavero e al leader del Fronte Animalista Roberto Serafin,...

Profumo di cirmolo. Festival della scultura in Val Comelico 4^ edizione

Prende il via questo fine settimana, il 7, 8 e 9 agosto, a Santo Stefano di Cadore la quarta edizione del Festival della scultura. Dalle...

Donazioni all’ospedale di Feltre dalla Sezione alpini di Feltre e Ail

Questa mattina sono state consegnate all’ospedale di Feltre due importanti donazioni. La Sezione di Feltre dell’Associazione Nazionale Alpini, sempre sensibile e disponibile nel supportare l’ospedale,...

Matteo Sponga è il nuovo direttore di Medicina Legale dell’Ulss Dolomiti

Matteo Sponga è stato nominato direttore della Unità Operativa Complessa di Medicina Legale dell’Ulss Dolomiti. L’UOC di Medicina Legale, afferente al Dipartimento di Prevenzione, svolge...
Share