Wednesday, 16 October 2019 - 14:20
redazione@bellunopress.it direttore Roberto De Nart

Sabato al Kursaal di Auronzo va in scena Cyranò e il suo travolgente naso

Feb 1st, 2012 | By | Category: Appuntamenti, Arte, Cultura, Spettacoli, Pausa Caffè

Nel segno della poesia e del coraggio, sabato 4 febbraio 2012 alle ore 20.30 al Teatro Kursaal di Auronzo di Cadore, il secondo appuntamento della Stagione di Prosa “Auronzo di Scena” vede in scena Ciranò e il suo invadente naso.

Teatro Kursaal di Auronzo

Lo spettacolo, ispirato ad uno dei classici più amati della letteratura di tutti i tempi, Cyrano de Bergerac di Edmond Rostand, è divertente, spumeggiante, dai tratti fortemente popolari.

In questa rilettura della compagnia La Piccionaia – I Carrara, agile nell’inventare suggestioni a cavallo tra l’immaginario sfrenato dell’invenzione teatrale e la verve ritmica della Commedia dell’Arte, Cyrano è sospeso tra Chaplin e i Colombaioni, tra Kusturica e Fellini.

Rimatore, spadaccino, musicista. Esagerato, ironico, travolgente, idealista. Nemico di qualsiasi ipocrisia e bassezza umana. Cyrano è un acrobata della parola, amante appassionato della libertà. Coraggioso, arde per amore e soffre per il suo invadente naso. Cyrano è ode a tutti i diversi. È imprudente in amore come in guerra, ama la poesia e le parole, e con quelle combatte, fino alla morte. È un funambolo del verso, si batte per testimoniare la vera, profonda libertà della poesia. Cyrano non ha paura ad affrontare i ricchi, i potenti, gli egoisti, i mentitori… e la stupidità. Con quel naso Cyrano è simile ad un clown dal naso rosso, ed è così che ci viene raccontato, con gli occhi del trickster, del lunatico che da centinaia di anni ha il cuore gonfio di poesia e di stupore,  così simile a tutti i giocolieri dell’anima e ai funamboli del sentimento.

In scena Marco Artusi, Eva Rossella Biolo, Matteo Cremon, Gianluigi (Igi) Meggiorin, Beatrice Niero, con il robusto sostegno del “dramaturg” Carlo Presotto e la consulenza artistica di Maril Van Den Broeck.

La stagione si concluderà sabato 3 marzo, con una straordinaria prova d’attore in cui Stefano Cipiciani interpreta Pompilio, in Ricordi con guerra, la storia di un fascio piccolo piccolo, un personaggio costruito nel tempo con grande cura, raccontato nella sua dimensione umana più che storico-politica. Nato per un progetto messo in scena da Marco Baliani, il personaggio di Pompilio appartiene ad una galleria di storie sulla Resistenza antifascista che traggono spunto da testi di Italo Calvino e di Beppe Fenoglio.

La Stagione Teatrale “Auronzo di Scena”, per la direzione artistica di Daniela Nicosia, è organizzata da Tib Teatro, con il Comune di Auronzo di Cadore e la Fondazione Teatri delle Dolomiti, in collaborazione con Consorzio di Promozione Turistica Auronzo Misurina, la manifestazione è realizzata nell’ambito dell’accordo di programma Regione del Veneto-Province del Veneto-Reteventi Cultura 2011-Provincia di Belluno, con il Ministero per i Beni e le Attività Culturali, e con Il patrocinio della Regione del Veneto, MIUR–USR del Veneto–Ufficio Scolastico Provinciale di Belluno e Agiscuola.

 

INFO 0437-950555 www.tibteatro.it Biglietto unico euro 15,00. Inizio spettacoli ore 20:30. Biglietteria sabato 4 febbraio dalle ore 19.30 presso il Teatro Kursaal

 

 

Share

Comments are closed.