Friday, 22 June 2018 - 19:06

Cure palliative. Bond: “Il sistema sarà potenziato con il nuovo Piano socio-sanitario. Una questione di civiltà!”

Nov 13th, 2011 | By | Category: Prima Pagina, Sanità

“Con il nuovo piano socio-sanitario il sistema delle cure palliative sarà potenziato. Mi sento di rassicurare pazienti, operatori e volontari. Le voci di un ridimensionamento sono totalmente infondate”.

Dario Bond consigliere regionale Pdl

Lo ha detto sabato mattina il capogruppo del Pdl in Consiglio regionale Dario Bond partecipando al convegno “Dal Dolore alla cura: una questione di civiltà” organizzato a Feltre (Belluno) dall’associazione Mano Amica con il supporto e la partecipazione di tante altre realtà del Veneto, tra cui “Curare a Casa – Vicenza”, l’ onlus del Baldo-Garda, l’associazione Cucchini e l’Avapo di Mestre. Tra i relatori presenti, oltre a Bond, anche il segretario regionale della sanità veneta Domenico Mantoan.

Davanti alla platea, il consigliere Bond ha illustrato i punti cardine della legge regionale veneta 7 del 2009, che lo ha visto tra i primi firmatari, norma che per prima in Italia ha introdotto un sistema innovativo di cure palliative, caratterizzato dall’umanità del rapporto con il paziente terminale. “Uno spirito che non è scalfito dal piano socio-sanitario del Veneto e che anzi sarà potenziato”, ha ribadito più volte Bond rassicurando di fatto le associazioni del territorio e i tanti operatori presenti.

“Quello del piano socio-sanitario è un impianto valido anche se dobbiamo rivedere l’introduzione dell’ ambulatorio per le cure palliative. E’ un servizio importante ma che non deve però diventare centrale. Il cuore delle cure palliative sta nell’assistenza domiciliare ritagliata su ogni singola esigenza”, ha proseguito Bond, che ha rimarcato il ruolo fondamentale del volontariato nel quadro della cura e del sostegno ai malati terminali. “Il confronto costante con qu esti soggetti è imprescindibile”, ha puntualizzato il capogruppo del Pdl che contemporaneamente ha ricordato come non solo il modello veneto di cure palliative sia all’avanguardia ma anche efficiente e improntanto a un contenimento dei costi.

“Il Veneto resta una Regione che fa scuola. Alleviare il dolore e occuparsi dei malati terminali è una questione di civiltà”.

Share

Comments are closed.