Tuesday, 21 August 2018 - 18:24

Salvata all’ultimo minuto la cerimonia di consegna del Premio San Martino di giovedì mattina al Teatro comunale. Il contratto dei servizi è scaduto dal 6 novembre e la Fondazione non ha provveduto al rinnovo

Nov 10th, 2011 | By | Category: Arte, Cultura, Spettacoli, Cronaca/Politica, Riflettore

Teatro Comunale di Belluno

La cerimonia di consegna del Premio San Martino a Luciano Clapis, giovedì 11 novembre ore 11.30 al Teatro comunale di Belluno si farà regolarmente.
Ma questa volta c’è mancato davvero poco che il Teatro rimanesse chiuso. E la questione è solo rinviata ma non è risolta.
Ecco in breve la cronistoria dei fatti.
Lo scorso 6 novembre è scaduto il contratto per la fornitura dei servizi tecnici al Teatro comunale. Riguarda una decina di persone della cooperativa Tib Teatro (cabinista, elettricista, macchinista, biglietteria, maschere, ecc) personale, insomma, che garantisce l’apertura. E dispone della professionalità necessaria per la gestione di eventuali emergenze e interventi di primo soccorso.
Il 17 ottobre Tib chiede il rinnovo del contratto biennale dei servizi. Ma tutto tace.
Allora Tib propone un progetto per garantire i servizi tecnici al Teatro Comunale di Belluno e al Teatro La Sena di Feltre. Oltre al servizio pulizie del Teatro di Belluno. E il supporto tecnico per eventuali altri spettacoli. Ma ancora non ottiene risposta.
Il 24 ottobre arriva la controproposta di Fondazione Teatri, che chiede di prorogare di 55 giorni (fini a fine anno) i servizi. Dopodiché seguirà un nuovo bando.
Tib rifiuta perché ritiene non economicamente conveniente un contratto temporaneo di 55 giorni.
Siamo allo stallo.
Si attende la decisione dei consigli congiunti riuniti il 9 novembre.

Mario Neri

E siamo ad oggi, mercoledì 10 novembre.

Il presidente di Fondazione Teatri Mario Neri fa sapere a Tib che la decisione non si cambia, quindi rimane ferma la proposta del contratto a 55 giorni.
Si va verso la rottura. L’appuntamento è  per le ore 17 in Sala Bianchi per la riconsegna delle chiavi del Teatro Comunale e quindi la chiusura.
Ma prima delle ore 17 arriva una e-mail del sindaco Antonio Prade che riproduciamo integralmente

 

«La scelta della comitato di gestione della Fondazione Teatri delle Dolomiti di non affidare i servizi tecnici a TIB Teatro per la stagione 2011/2012 non mi trova assolutamente d’accordo. Non solo perché va contro gli interessi del TIB medesimo, anche questi interessi degni di tutela, ma anche perché va contro gli interessi della Fondazione Teatri delle Dolomiti nonché della Città di Belluno. E scusate se è poco! Invito dunque l’assessore Passuello e il Presidente Neri, per quanto di loro competenza, a modificare quanto prima questa scelta improvvida, la quale rischia di pregiudicare grandemente la funzionalità del nostro Teatro cittadino. Da ultimo, desidero ricordare pubblicamente il solo mandato che ho avuto modo di formulare all’assessore Passuello e al Presidente Neri quando ho chiesto loro di occuparsi della Fondazione Teatri delle Dolomiti: che sia, il loro, un lavoro teso a ricomporre dinamiche e interessi da troppo tempo contrapposti. Se una prevaricazione c’è mai stata da parte di qualcuno, non è che si fa molta strada se se ne mette in campo un’altra contrapposta. Ad un torto non si risponde con un altro torto. Senza questo impegno, purtroppo, il rischio è quello di allontanare i soci dalla Fondazione, come è successo ieri, mentre abbiamo bisogno di lavorare in squadra».

 

Labros Mangheras

Alle 18 il presidente di Fondazione Teatri delle Dolomiti Mario Neri, e il presidente di Tib Teatro Labros Mangheras raggiungono un compromesso, nell’interesse della Città. Sarà garantita l’apertura del Teatro Comunale di Belluno domani, giovedì 11 novembre, per la cerimonia di consegna del Premio San Martino. Dopodiché verranno consegnate le chiavi del Teatro.
E si vedrà.

Share

2 comments
Leave a comment »

  1. I CIALTRONI NON SI SMENTISCONO MAI è l ennesima ferita data a un premio storico per la città di Belluno solo una giunta di incapaci poteva arrivare a rovinare una giornata di festa…………..

  2. DIMISSIONI!!!