Saturday, 26 May 2018 - 19:44

Voglia di autonomia: la Lega Nord apre alle forze dell’autonomia bellunese, Pab, Comitato referendario e Patto per Belluno

Nov 7th, 2011 | By | Category: Cronaca/Politica, Prima Pagina

Dopo la spaccatura con il Pdl, si rafforza nella Lega Nord di Belluno l’ipotesi di una coalizione tra movimenti autonomisti provinciali, che non siano partiti nazionali.
La tavola rotonda promossa da Bellunopress, che si è svolta questa sera (lunedì 7 novembre) al Centro Rossi di Belluno, alla quale erano stati invitati i movimenti aventi comune denominatore una spiccata indole autonomista, ha rivelato infatti diversi punti di convergenza.
«Per noi i partiti nazionali non hanno alcuna vocazione autonomista» ha detto Diego Vello, segretario provinciale di Lega Nord, intervenuto con il rappresentante del Feltrino della Lega Andrea Rusalem. Vello ha altresì riaffermato i principi fondanti del Carroccio, quali l’autodeterminazione dei popoli. Ed ha aperto ad una possibile coalizione di movimenti per l’autonomia «a condizione che questo nuovo soggetto politico sia esteso in tutta la Provincia» e dunque si presenti alle elezioni amministrative provinciali 2012 e nei comuni chiamati al voto. A rappresentare il Comitato referendario Belluno Autonoma Dolomiti Regione, forte delle sue 19mila firme per l’autonomia (come quella di Trento e Bolzano, per capirci), raccolte indifferentemente nell’elettorato di centrodestra e centrosinistra, c’erano Adolfo Bortoluzzi e Tomaso Pettazzi. Che hanno fatto appello ad uno sforzo comune delle componenti autonomiste, per il bene stesso dei bellunesi. Paolo Bampo, commissario straordinario del Pab (Provincia autonoma Belluno) intervenuto con Massimo Vidori, ha sottolineato l’esigenza di fissare alcuni punti di convergenza, «l’importante è che si faccia» ha detto. Per il Patto per Belluno c’era Celeste Balcon, cauto, ma anche lui possibilista, per questo percorso di avvicinamento di forze maggiormente interessate all’autonomia. Insieme a Balcon c’erano anche Piero Balzan e Luigi Iannotta.

 

Share

Comments are closed.