Friday, 14 December 2018 - 16:28

Tib Teatro. Belle parole, ma nulla di fatto da parte della maggioranza * intervento di Biagio Giannone

Nov 5th, 2011 | By | Category: Lettere Opinioni, Prima Pagina

Biagio Giannone

Belle parole da una parte della maggioranza sul  Tib Teatro.
Leggo con piacere dell’importante posizione presa dalla Lega Nord, ma mi sembra di vivere un “déjà vu”,  infatti già nei mesi scorsi anche il Vice Sindaco Colle aveva assunto una posizione inequivocabile a favore del Tib Teatro, ma nulla è cambiato.
Già, nulla è cambiato, eppure loro sono al governo di questa città è per tanto che ci si attendeva che dalle “belle” parole si passasse a delle proposte concrete e condivise.
E invece, ancora belle parole e a pochi giorni dalla scadenza del contratto per i servizi tecnici del Teatro Comunale, finora svolti dal Tib Teatro in maniera impeccabile. Servizi necessari che se venissero a mancare il Teatro non potrebbe funzionare nel pieno rispetto delle leggi in materia di sicurezza per i lavoratori e gli spettatori.
Il rispetto di norme che hanno permesso e permetterebbero alla Fondazione di procedere in tutta serenità a concedere lo spazio a tutte le Associazioni o pensiamo veramente che il Teatro possa essere gestito da personale non specializzato?
Vogliamo finalmente parlare di professionalità e pluralismo, tanto ostentata nei mesi scorsi da questa amministrazione come imprescindibile condizione, ma che di fatto si è sciolta come neve al sole nel momento in cui la si sarebbe dovuta adottare.
Eccoci qui, a pochi giorni dalla scadenza, con un nulla di fatto in mano. E’ passato poco più di  un anno dai primi e più svariati appelli alla politica e al senso di responsabilità che questa dovrebbe incarnare a prescindere dai colori di casacca.
Una associazione, con più di 400 cittadini iscritti, ha espresso a gran voce e manifestandolo con diverse iniziative, da più di un anno, la preoccupazione al taglio indiscriminato ad importanti progetti della cooperativa tra i quali la stagione teatrale “Comincio dai Tre”, importante manifestazione culturale molto seguita in città e non solo e dedicata ai bambini e alle loro famiglie da ormai diciannove anni che ha realizzato 812 spettacoli, 107 laboratori nelle scuole e coinvolto più 12.000 studenti.
Una associazione di cittadini indignati, che hanno seguito negli anni questa cooperativa che è diventata ormai un pezzo di questa città e di cui hanno apprezzato gli ottimi prodotti (riconosciuti anche a livello nazionale) e che ora si sentono defraudati da questa disattenta politica.
E invece dopo tutto ciò che è accaduto, ricordiamo l’assunzione in prima persona da parte del Sindaco della delega per la Fondazione Teatri delle Dolomiti, tolta all’assessore alla cultura e che tanto fece scalpore e dopo pochi mesi riconsegna inspiegabilmente, da parte della maggioranza sentiamo ancora e solo “belle parole”.
Oggi mi sento anch’io corresponsabile di un “default” della politica di questa città che non è riuscita a difendere i lavoratori, il lavoro, la riconosciuta professionalità e il valore aggiunto che il Tib Teatro è ed è stato per questa provincia.
Preservare e mantenere questa  importante realtà  teatrale a prescindere dal colore politico è un nostro dovere di amministratori di questa città, ma difficilmente lo può fare chi della “stanza dei bottoni” non ha le chiavi.
Mi attendo ora che dalle belle parole si passi a delle iniziative concrete, ad una discussione di contenuti e nelle sedi opportune, sulla salvaguardia della professionalità teatrale oggi in questa città rappresentata unicamente dalla Cooperativa Tib Teatro, importante risorsa per la città e non solo teatrale.
Infine tutta la mia solidarietà va a quelle famiglie che lavorano in questa cooperativa, ed anch’io auspico venga garantita loro la necessaria stabilità e serenità.

Il Consigliere Comunale                                                                                                                                            Biagio Giannone

Share

Comments are closed.