13.9 C
Belluno
venerdì, Giugno 5, 2020
Home Cronaca/Politica Banda larga. Bond: "la fibra ottica arriva in 20 comuni del Bellunese....

Banda larga. Bond: “la fibra ottica arriva in 20 comuni del Bellunese. Così accorciamo le distanze”

Dario Bond

Venti comuni interessati per un numero complessivo di 27 interventi. Centinaia i chilometri di fibra ottica. Sono questi i numeri “bellunesi” della prima parte del Piano regionale per lo sviluppo della banda larga, strumento adottato pochi giorni fa dalla giunta regionale su proposta del vicepresidente Marino Zorzato. “Per la nostra provincia è un grosso passo in avanti. Ci sono ampie zone che ancora non possono godere dei benefici della banda larga, un grosso handicap soprattutto per le nostre imprese che già sono costrette a operare in un territorio privo di infrastrutture viarie soddisfacenti”, afferma il capogruppo del Pdl in Consiglio regionale Dario Bond.
“Nonostante i tempi di crisi, si è capito che il tema della connettività è fondamentale per la crescita e lo sviluppo di tutte le comunità”, sottolinea il consigliere regionale. “In questo modo gettiamo le fondamenta per la realizzazione di una rete di nuova generazione che nei prossimi anni permetterà di raggiungere velocità superiori in linea con gli obiettivi prefissati dall’Unione europea”.
Intanto, l’obiettivo – nel medio-breve periodo – è quello di garantire su tutto il territorio bellunese e veneto una connettività tra i 2 e i 20 Mbps entro il 2014.
“La giunta è riuscita ad attivare finanziamenti per 40 milioni di euro. Parte di questi finiranno nel Bellunese dove in troppe zone ci sono forme di connettività obsolete e molto lente”, prosegue Bond, che sottolinea come contemporaneamente saranno attivate altre iniziative collaterali: “L’infrastruttura tecnologica è importante, ma altrettanto fondamentale sarà investire nella cultura digitale delle persone, delle famiglie e delle imprese. Informatizzare significa anche risparmiare sia in termini di tempo che di burocrazia”.
Di seguito gli interventi previsti nel Bellunese suddivisi in base alle fonti di finanziamento intercettati dalla Regione:
Interventi su fondi del Ministero dello Sviluppo economico: Feltre, Perarolo di Cadore, Rocca Pietore.
Interventi su fondi Feasr (fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale): Arsiè, Chies d’Alpago, Comelico Superiore, Danta di Cadore, Feltre, San Gregorio nelle Alpi, San Pietro di Cadore, San Tomaso Agordino, Sovramonte, Tambre, Vigo di Cadore, Vodo di Cadore.
Interventi su fondi Fesr (Fondo europeo di sviluppo regionale): Farra d’Alpago e Trichiana.
Interventi su fondi per i distretti: Auronzo, Belluno, Calalzo di Cadore e Longarone.

Share
- Advertisment -

Popolari

L’Ulss Dolomiti acquista 12 ecografi

L’Ulss Dolomiti ha deliberato l’acquisto di 12 ecografi per un valore totale di oltre 785.000 euro IVA compresa. L’Ulss Dolomiti ha aderito alla gara indetta...

Incidente sul lavoro. La betoniera si avvia mentre pulisce la cisterna, ricoverato in prognosi riservata

L'incidente si è verificato oggi a Ponte nelle Alpi, in viale Cadore 47/C. F.C. classe '58 di Belluno stava pulendo l'interno della cisterna di...

Sciopero della scuola lunedì 8 giugno

Sciopero della scuola lunedì 8 giugno anche per docenti e presidi delle province di Treviso e Belluno. L'intero comparto dell'istruzione si fermerà per l'intera...

Il coronavirus ridimensiona il Blues&Soul Festival di San Vito di Cadore ad una sola giornata

La manifestazione è costretta, per questa 19ma edizione, a rinunciare alla solita formula itinerante, confidando di poter concentrare il tutto in una sola giornata. Tutta...
Share