Sunday, 21 October 2018 - 10:56

L’Arpav prevede un’ondata di caldo con punte di 36 gradi nella pianura veneta. Ma sarà più sopportabile del caldo dello scorso luglio

Ago 17th, 2011 | By | Category: Cronaca/Politica, Prima Pagina

Dopo una seconda metà di luglio caratterizzata da anomale irruzioni di aria fresca e instabile di origine atlantica, sul Veneto la prima parte di agosto ha mostrato caratteristiche un po’ più consone al periodo. Negli ultimi giorni le temperature massime giornaliere, a parte un leggero calo nel giorno di ferragosto per il passaggio di una perturbazione, si sono attestate su valori intorno al media, ossia prossime ai 30-32°C in pianura, ai 29-30°C lungo la costa, ai 27-28°C in Val Belluna ed intorno ai 23-24°C a 1000 metri circa di quota in montagna. L’ultima vera ondata di caldo di questa estate risale alla seconda settimana di luglio tra l’8 e il 15 quando per diversi giorni si superarono mediamente in pianura i 32-33°C di massima e le minime non scesero sotto i 20-21°C.
Nei prossimi giorni il campo di alta pressione presente sul Mediterraneo tenderà a rinforzarsi e sarà accompagnato da una progressiva espansione di un’area caratterizzata da masse d’aria calda di origine nordafricana. Anche in Veneto vi sarà tempo stabile e tipicamente estivo con temperature che risaliranno già da oggi guadagnando nei prossimi due giorni in media altri 3-4°C in più nei valori massimi; le minime invece non dovrebbero subire sensibili variazioni rimanendo su valori solo leggermente superiori alla media.
In definitiva si prospetta l’arrivo di un’ondata di caldo che potrà far registrare in Veneto punte di temperatura massima anche intorno ai 35-36°C specie nella pianura interna. L’ondata di caldo dovrebbe risultare un po’ più sopportabile rispetto a quella registrata in luglio per la stagione ormai avanzata, caratterizzata, per motivi astronomici, da un minor soleggiamento giornaliero; inoltre le temperature minime della notte e i tassi di umidità previsti  non dovrebbero salire di molto.
Va infine ricordato che anche dopo ferragosto non sono infrequenti le ondate di caldo; lo scorso anno, ad esempio, il periodo più caldo del mese di agosto è risultato quello tra il 21 e il 27, quando le temperature raggiunsero massime ben superiori ai 30°C su gran parte della pianura. Le informazioni sono a cura del Centro Meteorologico ARPAV di Teolo (PD), per approfondimenti consultare www.arpa.veneto.it

Share

Comments are closed.