Saturday, 24 February 2018 - 04:09

Il senatore faccia il senatore. Primo Torresin: “Chi ha preceduto Vaccari in Parlamento ha avuto un ruolo decisamente più rumoroso per Feltre”

Ago 8th, 2011 | By | Category: Cronaca/Politica, Prima Pagina

“Come io la pensi sul Sindaco Vaccari è cosa nota e ripeterlo mi sembra di essere monotono”. Lo scrive in una nota Primo Torresin, coordinatore di Fabrica 2010 laboratorio di idee per lo sviluppo di Feltre.   “Ha scelto altre attività, per lui importanti, e a quelle dovrebbe dedicarsi, magari
ricordandosi la sua provenienza e impegnarsi, non solo a parole, per la propria comunità – prosegue Torresin -. Il ruolo di Senatore della Repubblica dovrebbe consentirgli di rendere visibile al territorio la sua presenza a Roma. Mi dispiace per lui, ma chi lo ha preceduto – sia in Senato che in alla Camera dei deputati – ha svolto un ruolo decisamente più rumoroso per la nostra Città. Oppure dedicarsi a Feltre, come fatto in passato, ragione per la quale penso che i cittadini gli abbiano espresso il loro consenso nel 2007. Senza spazio per interpretazioni : questo è
anche il pensiero di FABRICA2010, sempre attiva e attenta a ciò che succede. Attenzione significa anche ascoltare, valutare, ponderare, riflettere su ciò che succede intorno a noi. L’ultimo Consiglio Comunale, espressione del pensiero dei ventimila cittadini Feltrini, ha giudicato il nostro Sindaco incompatibile : questo il risultato della votazione. Tutte le successive spiegazioni : non deve cascare l’Amministrazione, patto con gli elettori, ecc. sono prese in giro per chi quattro anni fa ha dato il consenso a questo Sindaco e anche per chi non lo ha dato. Il rispetto delle regole vale a Roma come a Feltre. Ma queste regole c’è chi le deve far rispettare e qualcuno ha un dovere maggiore di qualche altro. Chi ha sentenziato l’incompatibilità in Consiglio Comunale del Sen. Vaccari ha il dovere e l’obbligo di pretendere che questa incompatibilità venga eliminata. Subito. Tergiversare per arrivare alle elezioni del 2012 non vale : comunque si vota nel 2012, anche con un Commissario Prefettizio. E le esperienze di mia memoria di Governo Commissariale a Feltre non sono poi così tutte negative!! Anzi!! In ogni caso non mi pare che i risultati anche di questi giorni (Centro Commerciale Naturale, solo ultimo nel tempo) possano essere ascritti in positivo per l’Amministrazione. L’ultima riflessione è riservata ai sostenitori più convinti di questo Sindaco : il patto con gli elettori fatto nel 2007 vale se il lavoro e il programma (quello prefissato ma anche e soprattutto quello che via via negli anni viene individuato dalla comunità come necessario e utile) viene perseguito e attuato.
Aggrapparsi al patto di quattro anni fa, in una società nella quale tutto muta a breve e velocemente, le necessità variano nel volgere dei mesi, le situazioni esterne richiedono di adeguarsi velocemente e quindi di modificare l’agire delle Amministrazioni Locali, ha per noi cittadini una sola giustificazione : volere a tutti i costi restare i decisori delle sorti (anche se non condivise) di una Comunità – conclude Torresin – , consapevoli che la prossima volta non toccherà più a loro, perché i cittadini sono certamente intelligenti e capaci di scegliere chi deve guidare il loro futuro, magari anche bocciando quelli che aveva promosso cinque anni prima”.

 

Share

Scrivi un commento

You must be logged in to post a comment.