Tuesday, 21 August 2018 - 23:50

Scuola. De Gan: «Controlli a tappeto sugli inserimenti a pettine. La Regione appoggia il ricorso dei precari: ora non si perda tempo»

Ago 4th, 2011 | By | Category: Cronaca/Politica, Riflettore, Scuola

 

Stefano De Gan assessore provinciale

La Regione del Veneto ha deciso di affiancare il ricorso al Tar per gli inserimenti “a pettine” nelle graduatorie scolastiche del corpo insegnati. L’assessore di Palazzo Piloni, Stefano De Gan: «Un segnale importante. Adesso controlli a tappeto».
«Non posso che ringraziare l’assessore veneto all’Istruzione, Elena Donazzan, per aver voluto dare un segnale importante al mondo della scuola, in una questione aperta per prima proprio dal Bellunese – ha spiegato l’assessore di Palazzo Piloni – . Negli inserimenti “a pettine” nelle graduatorie degli insegnanti (centocinquantotto arriveranno nel solo Bellunese, provenienti da altre regioni e province) si sono palesate alcune “incongruenze” nell’assegnazione dei punteggi per “scalare le classifiche”. Il ricorso al Tar potrebbe permettere di bloccare gli inserimenti stessi: ora è necessario fare partire dei controlli serrati su ogni caso sospetto, per verificare la rispondenza delle autocertificazioni».
«A poco più di un mese dalla riapertura delle scuole, però, è altresì necessario fare presto – ha detto ancora De Gan -. Non è pensabile perdere tempo: anche per questo l’Ufficio Scolastico di Belluno ha responsabilmente accolto il mio invito a non chiudere i propri sportelli (durante il mese di agosto) per garantire quei servizi utili ai nostri insegnanti».
«Condivido la posizione espressa dal direttore dell’Ufficio Scolastico regionale, Daniela Beltrame, circa la necessità di mettere in campo tutte le azioni e le forze necessarie per garantire la massima trasparenza nella definizione delle graduatorie e sedare così le tensioni che si sono create tra i docenti – ha aggiunto l’assessore – . Condivido anche che l’unica soluzione praticabile per azzerarle sarebbe quella di ripristinare gli inserimenti in coda». «Intendo fare presente al dirigente dell’U.S.T. che Palazzo Piloni è pronto a mettere a disposizione nell’attività di controllo anche del personale proprio per le verifiche su tutte le documentazioni incluse nei fascicoli, in particolare quelle attestanti le eventuali invalidità e i permessi concessi sulla base della legge 104 del 1992», ha concluso l’assessore.

Share

2 comments
Leave a comment »

  1. Ovviamente il sindacato del SUD già si è mosso dando facoltà di fare dei controricorsi al TAR contro i Ricorsi dei precari scavalcati, si dice la GUERRA NORD SUD niente di più falso. IL sud in questi anni ha MONOPOLIZZATO la Scuola pubblica con oltre il 65% del personale scolastico da lì’ proveniente.
    Se qualcuno o qualcosa gli toglie questo osso diventa un cane rabbioso per il semplice motico che al SUD i posti di lavoro nella SCUOLA PUBBLICA sono VOTI per determinate regioni del SUD il posto di lavoro nella scuola è un voto di scambio, io ti dò il posto tu mi dai il voto, negli anni le regioni del SUD hanno prodotto esuberi che ora per il ridimensionamento degli organici distribuiscono in tutta ITALIA questo grazie a un manoscritto di 60 anni fà la COSTITUZIONE, intoccabile per certi partiti e certi soloni sindacali.
    Una scuola e un stato federale alla tedesca non è la panacea di tutti i mali italiani ma sicuramente inchioderebbe alle proprie responsabilità governati e governanti.

    Intervento assessore DONAZZAN su ricorso al TAR per i Precari REGIONE VENETO
    http://www.orizzontescuola.it/node/18304

    Intervento ANIEF contro i ricorsi al TAR dei docenti scavalcati

    http://www.orizzontescuola.it/node/18261

  2. E non solo il sindacato del SUD ma anche la CGIL NAZIONALE la quale aiuta la metastasi a propagarsi con piagnistei inutili tanto una tessera vale l altra cosa importa se restano disoccupati i precari di altre regioni, l’importante è il diritto di certe regioni a riempire di personale scolastico le scuole di tutta la nazione.
    Comunicato FLC SICILIA

    http://www.orizzontescuola.it/node/18315

    E non solo la CGIL anche l assemblea regionale SICILIANA

    http://www.orizzontescuola.it/node/18236