Wednesday, 20 September 2017 - 15:01

Sabato e domenica a Ceneda di Vittorio Veneto l’antica fiera di Sant’Osvaldo, con spiedo gigante e miss e mister quattro zampe

Lug 30th, 2011 | By | Category: Arte, Cultura, Spettacoli, Prima Pagina

Due giorni di grande intensità per riscoprire, in una cornice impareggiabile, vecchie usanze e ricette, bellissimi animali e mestieri antichi ma al tempo stesso attuali, e tante curiosità. L’associazione “Zheneda” è pronta a dare ufficialmente il via all’edizione 2011 dell’Antica Fiera di Sant’Osvaldo, che avrà il proprio clou sabato 30 e domenica 31 luglio nel centro storico del quartiere vittoriese di Ceneda. Degno preludio della manifestazione, riscoperta negli anni scorsi dopo una lunga assenza, è stata la rassegna in tre tappe “Teatro al Parco Papadopoli”, che ha radunato centinaia di persone nonostante il tempo incerto (250 solo nella serata di mercoledì).
Ora, però, è il momento della Fiera vera e propria, organizzata dall’Associazione Zheneda con la collaborazione di Comune di Vittorio Veneto, Regione Veneto, Provincia di Treviso, Comunità Montana delle Prealpi trevigiane, Corpo Forestale dello Stato e Confederazione Ornitologica Nazionale Fiere uccelli.
Si parte dunque oggi sabato 30 luglio alle 18.00 in piazza Giovanni Paolo I con il convegno sul tema “Giovani, agricoltura e impresa. Quali prospettive dalla futura riforma della Politica Agricola Comune”. Il tema sarà affrontato, soprattutto nell’ottica delle realtà di Treviso e Belluno, dagli europarlamentari Giancarlo Scottà e Antonio Cancian e da numerosi altri ospiti. Al termine, rinfresco con vini e altri prodotti locali cui seguirà la cena con i sapori dell’Alpago.

Domenica 31 luglio, per l’Antica Fiera di Sant’Osvaldo, sarà una giornata da vivere tutta d?un fiato: si inizia alle 7.00 al Parco Papadopoli con la mostra ornitologica “La loggia degli uccelli” alla memoria di Camillo Sandre. Alle 10.00 concorso canoro con aree di ascolto, esibizione didattica del chioccolo e ampia esposizione di pappagalli, ibridi e mostra di rettili. Alle 11.30 toccherà alle premiazioni. Sono già 750 gli uccelli iscritti.
Sempre domenica 31 luglio, ma dalle 8.00, ampio spazio anche all’esposizione di asini, cavalli, muli, pony, animali della “vecchia fattoria” e alla mostra di macchine d’epoca, trattori e trebbiatrici. Il gruppo “500 Valbelluna” animerà l?esposizione delle Cinquecento. Alla stessa ora, via anche al mercatino ?Antiquariato in Villa?, alla mostra artigianale a cura di Confartigianato Vittorio Veneto, alle degustazioni di vini, formaggi e salumi locali con dimostrazione della nascita del formaggio d’Alpago e con le “Cose di una volta” a cura dell’associazione I Revinot.
Alle 8.00 circa di domenica 31 si apre anche il quarto raduno nazionale del Lupo italiano, con la presenza di una quarantina di bellissimi esemplari di cane lupo e, alle 10.00, l’esibizione di “cani al lavoro” a cura dell’Unità Cinofila del Corpo Forestale dello Stato. E proprio quando i presenti inizieranno ad avvertire un certo languorino, ecco (alle 12.30) lo spiedo gigante con gli “Accademici dello spiedo”.
Il pomeriggio di domenica riserverà alle 16.00 il concorso canino “Miss e Mister Quattro Zampe”, e alle 17.00 lo spettacolo dei fumetti per grandi e piccini. Seguirà un suggestivo lancio di palloncini.
Domenica 31 luglio il Parco Papadopoli ospiterà anche “Calici al Parco”, degustazione di vini con aziende agricole e vinicole del territorio che vedrà impegnati i sommelier trevigiani della Federazione italiana sommelier, albergatori e ristoratori.
Sabato 30 e domenica 31, dalle 9.00 alle 19.30, in biblioteca civica è inoltre aperta la mostra “La Fiera di S. Osvaldo. 1818. La genesi nei documenti dell’Archivio Storico di Vittorio Veneto”: un viaggio alla scoperta delle origini della manifestazione con testimonianze d’epoca. Materiali inediti che per la prima volta raccontano come e perché nacque l’antica fiera.
L?impegno dell?Associazione Zheneda per organizzare Sant?Osvaldo 2011 è già stato premiato dai numerosi espositori che saranno presenti alla Fiera: “Troveranno spazio oltre un centinaio di bancarelle tra Piazza Giovanni Paolo I e via Malanotti” annuncia il presidente Aldo Bianchi, che registra con soddisfazione anche l’alto numero di uccelli iscritti alla mostra ornitologica, con proprietari provenienti da tutto il nordest e anche dalla Lombardia. Oltre a quelle già elencate, non mancheranno altre curiosità: “Alla Fiera sarà presente anche una carrozza d’epoca trainata da cavalli, mentre per i più giovani ci sarà la possibilità di conseguire la “patente” di conduttore d’asino grazie agli insegnamenti di un esperto” ricorda Bianchi.
L’Associazione Zheneda, che rinnova a tutti l’invito a visitare Ceneda il 30 e 31 luglio, ringrazia per la collaborazione la Compagnia vittoriese del Teatro Veneto, l’associazione I Revinot e Insieme per Ceneda.

Share

Scrivi un commento

You must be logged in to post a comment.