Monday, 25 June 2018 - 02:05

Domenica ad Auronzo Moni Ovadia presenta la mostra di pittura di Alberto Savi, artista della “Nobiltà proletaria, della dignità del lavoro”

Lug 30th, 2011 | By | Category: Appuntamenti, Pausa Caffè

Domenica 31 luglio, ore 18, nella Sala Esposizioni del Municipio di Auronzo si terrà l’inaugurazione della mostra “Carte e tele” di Alberto Savi, con la partecipazione di un personaggio dal carisma eccezionale come Moni Ovadia, che interverrà con una testimonianza personale sulla figura e l’opera dell’artista, con il quale ebbe una assidua frequentazione.
Questo evento, organizzato dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Auronzo, segna una tappa espositiva di un percorso di riscoperta dell’opera di questo originale artista iniziata con l’antologica di Abano Terme nel 2001,  di Prato del 2003, quella a Roma, al Vittoriano, nel 2005 e quella di Spoleto nel 2007.
Nato a Roma nel 1920, Savi, nonostante la vocazione artistica evidente, si laurea in ingegneria civile e lavora all’Istituto geografico militare, sino all’arrivo a Milano nel 1953, quando approda alla Rai come direttore della fotografia e dimostra una qualità di lavoro che lo porterà a collaborare con registi quali Bolchi, Ferreri, Majano, Petri, Strehler. Dal 1980 lavora per tv private e insegna Teoria della luce e del colore e Pratica dell’illuminazione di studio. Muore, dopo lunga malattia, nel 2001.
Alberto Savi è stato definito l’artista “della nobiltà proletaria, della dignità del lavoro, della competenza del mestiere senza favori, della pietà profana, dei vinti mai domi”. Egli amava dipingere cavalli e cavalieri, pugili costretti all’angolo, contadini chini sul loro lavoro, musicisti alle prese con i loro strumenti, muratori con le loro espressioni stanche: un’umanità pensosa e sofferente nella quale è possibile cogliere i semi della speranza in un mondo migliore.
La poetessa Margherita Guidacci ha scritto: “I colori prevalenti sono quelli delle rocce, del suolo, del legno, di nudi tronchi di albero. Colori terrestri: nessun dubbio che il pianeta sul quale e del quale vive l’arte di Alberto Savi non sia proprio la terra.”
L’esposizione auronzana, “Alberto Savi – Carte e Tele”, curata da Elisa Savi,  presenta circa quaranta opere, significative e rappresentative della sua intera attività artistica, caratterizzata da un forte influsso dell’arte toscana, particolarmente di quella fiorentina, che sembra riemergere sempre, quasi a dispetto delle epoche e degli stili individuali, delle circostanze storiche e linguistiche

ORARI MOSTRA: 31 LUGLIO – 19 AGOSTO
tutti i giorni, dalle ore 10.00 alle ore 12.30 e dalle ore 16.00 alle ore 19.00

vernissage: 31 luglio 2011 – ore 18
Presentazione a cura di MONI OVADIA

 

Share

Comments are closed.