Tuesday, 26 September 2017 - 11:16

Uno non basta. La giunta Prade vuole con urgenza un secondo direttore alla Ser.Sa. Jacopo Massaro: “ E’ davvero vergognoso che la Giunta Prade utilizzi una società compartecipata per risolvere ancora una volta questioni interne ad un partito”

Lug 29th, 2011 | By | Category: Cronaca/Politica, Riflettore

 

Casa di Riposo Belluno

Le sciagure sulle società partecipate del Comune di Belluno sembrano non avere più fine. Dopo i problemi di Nis, all’orizzonte s’intravede una nuova bomba pronta ad esplodere: si tratta della delibera n.106, approvata dalla Giunta Prade il 12 luglio scorso, con oggetto “direttiva per l’efficienza degli interventi a favore di ” (la società pubblica del Comune di Belluno e della Ulss n.1 che gestisce la Casa di riposo di Cavarzano), ma con la quale in verità si stabilisce di sdoppiare la Direzione generale della società compartecipata creando un nuovo posto da direttore ed assegnandovi un attuale funzionario comunale, già indicato nella delibera nella persona del dottor Paolo Vignola, al quale verrà corrisposto un compenso aggiuntivo legato all’incarico. Insomma, oltre ad aver aumentato di recente le rette degli ospiti, ora si spende per creare un secondo direttore. Stessa struttura con due direttori. E allora è d’obbligo un interrogativo.
Premesso che la Ser.Sa in questi anni ha funzionato egregiamente sotto la guida di un solo direttore (la dottoressa Maria Chiara Santin), perché mai proprio ora, una giunta che sta perdendo i pezzi (dimissioni di Michele Carbogno e dimissioni annunciate della Maria Grazia Passuello) vuole un altro direttore alla Ser.Sa? Stupisce anche l’urgenza ingiustificata del provvedimento, pari solo a quella “somma urgenza” con la quale questa stessa giunta affidò i lavori della piscina senza gara d’appalto!
Non possiamo certamente dimenticare che, oltre alla mancanza di numero legale che all’ultima seduta ha fatto saltare il consiglio comunale, nel recente passato all’interno della maggioranza c’erano stati alcuni consiglieri comunali, i cosiddetti “dissidenti”, che avevano tenuto sotto scacco la giunta Prade. E non possiamo nemmeno tralasciare, per dovere di cronaca, che tra questi consiglieri dissidenti c’è anche un dipendente della Ser.Sa. i cui rapporti con il suo datore di lavoro, pare non siano proprio idilliaci.
E se facciamo un passo indietro nel tempo, non possiamo altresì dimenticare che nel consiglio di amministrazione, quindi con compenso dalla Ser.Sa, Prade volle inserire, quello che venne definito dalle opposizioni il suo “secondo portavoce” Vescarelli.
La Ser.Sa. insomma, appare come una sorta di “ammortizzatore politico” pronto ad attutire i guai del Pdl.
Questa delibera, nascosta sotto la denominazione “direttiva per l’efficienza degli interventi a favore di Ser.Sa spa”, oltre ad aggravare i costi della società per un nuovo dirigente, potrebbe suonare come un unilaterale “commissariamento” in barba ai patti parasociali con l’altro socio, ossia la Ulss n.1 di Belluno, che invece prevedono che la direzione generale venga scelta di comune accordo.

Jacopo Massaro

<<Se fossimo stati informati di questa proposta – spiega il capogruppo del Pd  in consiglio comunale di Belluno Jacopo Massaro – avremmo immediatamente richiesto un incontro coi vertici Ulss in una seduta congiunta della 1^ e della 3^ Commissione, per avere chiarezza sulle posizioni in campo. Perché diversamente si rischia di minare i rapporti con l’altro socio che per noi, e per i cittadini che usufruiscono dei servizi, è fondamentale>>.
La delibera fa seguito alle annose fratture interna alla maggioranza, divisa tra chi vede con favore la prosecuzione della positiva esperienza di Sersa e chi, invece, ha letteralmente dichiarato guerra alla direzione generale e al modello gestionale.
<<E’ davvero vergognoso che la Giunta Prade utilizzi una società compartecipata per risolvere ancora una volta questioni interne ad un Partito –  commenta lapidario Massaro –  Anziché occuparsi di affari di Partito, la Giunta dovrebbe preoccuparsi delle priorità assolute di Ser.Sa, come l’urgenza di trasformare la sperimentazione gestionale in una realtà definitiva>>.
Su tale argomento nel corso del tempo si sono susseguite numerose interrogazioni dell’opposizione, ma il Comune pare tergiversare.
<<Superare la sperimentazione – spiega Massaro – significa poter guardare avanti aprendo il modello gestionale ad altre realtà, magari creando economie di scala; ma soprattutto darebbe la possibilità di avviare un confronto con la Regione per arrivare ad un allentamento dei vincoli di spesa sul personale, che oggi strangolano la società ed hanno costretto ad assumere provvedimenti difficili e non sempre popolari per garantire i servizi>>.
<<Certo – commenta il capogruppo del Pd Massaro –  per aprire questo confronto ci vorrebbero volontà di affrontare i problemi, idee chiare ed autorevolezza; tutti elementi che oggi sembrano non esserci>>.
L’opposizione sta predisponendo una mozione per sollevare portare la maggioranza a discutere pubblicamente di Sersa.

 

 

 

Share
Tags:

3 comments
Leave a comment »

  1. L’unico Miracolo in cui è riuscito PRADE è la moltiplicazione dele careghe per amici e sodali ripeto TALE ROMA TALE BELLUNO questa gente deve essere mandata a casa perchè la smettano di fare danni alla città di Belluno, che usano come fosse di loro proprietà.

  2. …non c’è nulla da stupirsi. I danni del partitismo sono anche questi.
    Dobbiamo solo prendere atto dell’abbaglio preso alle ultime elezioni, quando pensavamo che le capacità e il carisma di Celestino Bortoluzzi potessero essere ereditate e trasmesse a questa banda.
    Chi ha chiesto (sottoscritto compreso) ai bellunesi di votare questa “mangioranza” adesso può solo chiedere scusa per la fiducia tradita….
    La prossima volta che il repulisti sia generale e ben vengano le nuove forze con la propria propugnata volontà di rigenerazione

  3. Il fatto è che i beni comuni sono diventati i beni dei Comuni che possono pure venderserli e metterci i loro SODALI alla faccia nostra. E i Comuni sono in mano ai partiti cioè alla burocrazia che sempre più spesso lavora per se stessa o per le varie mafie che la controllano e la “proteggono” mettendo ” a disposizione” i voti e i dossier quando serve. Il popolo viene sfruttato, distratto dai media e soprattutto estromesso dalla vita pubblica attiva. Hanno ragione le Madri de Plaza de Majo: “No votar, no pagar empuestas”. Gandhi aveva capito: potranno avere il nostro cadavere ma non la nostra obbedienza. E’ sulla nostra rassegnazione e sulla nostra paura che contano per fotterci, smettere di temerli e auto-organizzarci nella disobbedienza collettiva senza più dare alcun riconoscimento e alcuna collaborazione, una vera diserzione sociale: questa sarebbe l’unica possibilità di sottrarsi al dominio.”

Scrivi un commento

You must be logged in to post a comment.