Monday, 16 July 2018 - 06:29

Scuole per l’infanzia in montagna: inserimento dei bambini 2-3 anni. Reolon: “La Regione sblocchi la situazione di Cencenighe”

Lug 26th, 2011 | By | Category: Prima Pagina, Scuola

“Nelle zone di montagna è ormai cronica la mancanza di servizi a sostegno della prima infanzia, tra asili nido che si contano sulle dita di una mano, lunghe liste d’attesa e costi proibitivi. Se poi ci si mettono anche gli ostacoli burocratici la situazione per le famiglie si fa ancora più in salita, come ad esempio a Cencenighe dove l’ipotesi di inserire nella scuola per l’infanzia anche i bambini di 2-3 anni si sta trasformando in un vero calvario”.
La denuncia è dei consiglieri regionali del PD, Sergio Reolon e Roberto Fasoli, che sulla vicenda hanno presentato un’interrogazione rivolta alla Giunta Regionale. “Di fatto – spiegano – l’inserimento dei più piccoli è sospeso a seguito di una sentenza della Corte Costituzionale che rinvia ogni competenza in merito alle Regioni”.
“Nel frattempo però l’Istituto comprensivo di scuola dell’infanzia, primaria e secondaria di primo grado di Cencenighe Agordino, come altri istituti in analoghe zone di montagna, ha accettato a febbraio 2011 le iscrizioni di questi bambini più piccoli”.
“Chiediamo dunque che la Regione, nel caso la sentenza della Corte Costituzionale (del 21 marzo 2011) prevedesse la retroattività e quindi l’annullamento delle iscrizioni già effettuate, intervenga di concerto con l’Ufficio Regionale Scolastico del Veneto e con i Comuni interessati, affinché sia consentito agli istituti scolastici – concludono Reolon e Fasoli – di poter svolgere questo importante servizio”.

Share

Comments are closed.