Tuesday, 25 September 2018 - 21:44

Manovre di recupero in forra: il Soccorso alpino e speleologico si addestra

Lug 21st, 2011 | By | Category: Cronaca/Politica, Prima Pagina

Un salto di qualche metro in una pozza d’acqua, il piede che urta la roccia e il dolore che impedisce di proseguire e uscire dalla gola divenuta una trappola. Questo è un esempio di emergenza cui sempre più spesso il Soccorso alpino e speleologico è chiamato a far fronte, da quando è diventata  più praticata e diffusa la disciplina del torrentismo o canyoning, ovvero ridiscendere lungo le forre disegnate dai torrenti di montagna, armati di muta, caschetto, imbrago e corde. Per affinare simili  operazioni, nei giorni scorsi si è svolta nel torrente Soffia, nel comune di Sospirolo, la simulazione del recupero di un ferito in torrente, che ha coinvolto 42 tecnici: 22 qualificati per questo tipo di intervento, 15 operativi nello ‘sforramento’ della barella, 5 coordinatori dell’esercitazione nel Centro mobile del Soccorso alpino. L’addestramento prevedeva che la squadra forra raggiungesse l’infortunato, per medicarlo, caricarlo nell’apposita barella a tenuta stagna e trasportarlo lungo l’alveo, superando salti di diverse decine di metri con calate più e meno impegnative, fino al punto di uscita. Da lì la barella era affidata alla squadra alpina per lo sforramento: il recupero dall’alto della barella dal greto (rimasta nel vuoto per 65 metri) e il trasporto per un centinaio di metri di dislivello in salita nel bosco verso la strada sterrata.
L’esercitazione, iniziata alle 18 e conclusa con l’arrivo del ferito a mezzanotte sulla strada per Gena Alta, si è svolta in condizioni climatiche non favorevoli, ma che non hanno ostacolato il raggiungimento degli obiettivi in programma, uno su tutti la collaborazione tra squadra alpina e squadra forra, fondamentale per affrontare questo tipo di interventi. E’ stato poi possibile comprendere dinamiche e tempistiche reali, nonchè  localizzare i vari punti di sforramento e di accesso per la barella e per la squadra. Sono infine state testate, vista la particolare complessità orografica degli scenari, le diverse possibilità di comunicazione radio tra il Centro mobile di Coordinamento e le squadre all’interno del torrente. All’evento, organizzato dalla 6a Delegazione speleologica Veneto-Trentino Alto Adige con la 2a Dolomiti Bellunesi, in collaborazione con il Parco nazionale Dolomiti Bellunesi, hanno preso parte anche soccorritori abilitati all’intervento in forra provenineti dalla 4a Delegazione speleo Umbria e dalla 11a Marche.

Share

Comments are closed.