Saturday, 22 September 2018 - 06:09

Il vicepresidente della Provincia è contro l’abolizione della stessa. Carbogno: «Non si ragioni solo sui numeri, ma anche sulle peculiarità del territorio.La proposta di Caldoro non è applicabile ovunque»

Lug 21st, 2011 | By | Category: Cronaca/Politica, Prima Pagina

«L’analisi del presidente Stefano Caldoro prende spunto da freddi numeri. In astratto il suo ragionamento non fa una grinza, ma in concreto non si possono non tenere in considerazione le diverse peculiarità di un territorio». Così il vice-presidente di Palazzo Piloni sulla proposta lanciata oggi dal governatore della Regione Campania.
«Se dovessimo ragionare come lui potremmo allora dire che – ad esempio – parlando delle spese sanitarie, ogni Regione deve far quadrare i conti solo con le proprie risorse – ha commentato Carbogno – . Invece, sappiamo benissimo tutti quanti che metà del buco della Sanità del Sud è pagato con i soldi del Nord Italia».
«Al di là della polemica, credo che se si vuole discutere dell’accorpamento dei piccoli Comuni, un ragionamento possa essere aperto – ha continuato l’esponente di Palazzo Piloni – . Se davvero esiste la possibilità di accorpare i servizi al territorio ed alla cittadinanza, al fine di diminuire le spese, la questione può essere affrontata, ma sempre tenendo conto delle peculiarità del territorio. Non è possibile applicare la fredda logica dei numeri in contesti che non sono fra loro omogenei».
«Per quanto concerne gli Enti provinciali, poi, c’è da fare un distinguo – ha detto ancora Carbogno – . Lì dove le città metropolitane si sovrappongono territorialmente all’ente sovra-strutturato, allora è bene intervenire. Nei casi, come Belluno, dove i servizi offerti alla comunità sono indispensabili perché coprono un impiego di risorse che metterebbe in difficoltà i Comuni e – allo stesso tempo – non sarebbero completamente garantiti dalla Regione, le Province non vanno né accorpate né tanto meno abolite, anche perché rappresentano il “collame politico” del territorio stesso».

Share

Comments are closed.