Monday, 24 September 2018 - 15:19

“Cortina InConTra”: il palco che ha raccontato l’Italia compie 10 anni

Lug 19th, 2011 | By | Category: Arte, Cultura, Spettacoli, Prima Pagina

Torna “Cortina InConTra”. La kermesse dedicata all’attualità, ideata nel 2002 da Enrico e Iole Cisnetto, compie dieci anni e festeggia questo anniversario con un’edizione estiva ricca di eventi e di ospiti, come sempre espressione trasversale del mondo della politica, dell’economia, della cultura e della società. L’edizione estate 2011 prenderà vita dal 23 luglio al 28 agosto nei luoghi simbolo della manifestazione: l’Audi Palace e il Miramonti Majestic Grand Hotel. A inaugurare la kermesse – il 23 luglio alle 16.45 – il Corpo musicale di Cortina d’Ampezzo, che ha la stessa età dell’Italia unita e che si esibirà sotto la direzione del maestro Antonio Rossi.
In coincidenza con il 150esimo anniversario dell’Unità d’Italia – tre gli appuntamenti che hanno ottenuto il logo ufficiale delle celebrazioni – la manifestazione festeggia il traguardo dei primi dieci anni di vita, guardando con soddisfazione a un percorso sempre in crescita che ha visto salire sul palco di oltre 1400 personalità, per 1000 eventi, oltre 500 libri presentati, in 380 giorni di programmazione, seguiti complessivamente da un pubblico di più di 600mila persone e raccontati da oltre 12mila articoli di rassegna stampa.
Ma molti altri sono i numeri che accompagnano la manifestazione. Dal 2003 ad oggi 3550 ore di diretta radio, dal 2007 ad oggi oltre 2000 ore di diretta e differite tv e web, a cui si aggiungono, per le due edizioni del 2010, 60.000 visualizzazioni Youtube, 800.000 contatti sul sito www.cortinaincontra.it e 3.200.000 pagine visitate.
In questi dieci anni “Cortina InConTra” ha raccontato il Paese attraverso i suoi principali protagonisti. “L’Attualità in vacanza”, è stato lo slogan che dall’inizio ha accompagnato la manifestazione, sintetizzando il felice connubio tra le potenzialità del luogo – meta di un turismo culturalmente raffinato – e la vocazione della manifestazione a raccontare il presente. Sin dal suo inizio la kermesse ha seguito alcune regole imprescindibili. Innanzitutto il “divieto di urlare”, lo stesso che ha permesso che i confronti ospitati non si tramutassero mai in scontri. E, non meno importante, l’indipendenza editoriale che le deriva dal reggersi solo su contributi di sponsor privati.

Ecco le serate programmate per il mese di luglio

Sabato 23 luglio 2011 CORTINA, ITALIA TRE COMPLEANNI DA FESTEGGIARE PIAZZA VENEZIA – CONCHIGLIA BANDA DI CORTINA, 150 ANNI SUONATI Ha la stessa età dell’Italia unita. Ed è un’autentica istituzione. Vale la pena di celebrarla ascoltandola suonare. Nel percorso dal centro di Cortina fino all’Audi Palace – seguendola formeremo un vero e proprio corteo – e durante la manifestazione, prima dedicata a festeggiare i 10 anni di “Cortina InConTra” e poi il secolo e mezzo italiano. Suoneranno musiche del loro ultimo cd “150 anni suonati”, contenente brani tratti da colonne sonore di film, brani bandistici e l’originale “Queen of Dolomites” composto da Jacob de Haan Concerto del Corpo Musicale di Cortina d’Ampezzo diretto dal Maestro Antonio Rossi AUDI PALACE LE DIECI CANDELINE DI “CORTINA INCONTRA” La nostra manifestazione è al decimo anno di vita. Tra filmati, foto e tanti personaggi, ecco “il meglio di” una straordinaria avventura. Che ripercorreremo insieme: noi, voi del pubblico, le istituzioni di Cortina. Senza mancare di presentare il programma della decima edizione e raccontare i progetti futuri. Una bellissima festa tra amici, che sarà iniziata e conclusa dall’esibizione del Corpo Musicale di Cortina d’Ampezzo, a sua volta festeggiato Intervengono Enrico Cisnetto, ideatore e responsabile “Cortina InConTra” Iole Cisnetto, presidente Associazione “Amici di Cortina” Danilo Lo Mauro, curatore “Cortina InConTra” Andrea Franceschi, sindaco Cortina d’Ampezzo Nicola De Santis, presidente Gis Conduce: Barbara Paolazzi, direttore Radio Club 103 Concerto del Corpo Musicale di Cortina D’Ampezzo diretto dal Maestro Antonio Rossi
AUDI PALACE I NOSTRI PROSSIMI 150 ANNI Nel primo secolo e mezzo della sua storia l’Italia è nata e cresciuta, diventando “adulta” il 2 giugno del 1946 con l’avvento della Repubblica. Da allora, tra mille difficoltà, si è seduta al tavolo dei “grandi”. Attualmente, però, è un po’ in disparte. Qualcuno paventa che sia scivolata in un lento ma inesorabile declino. Altri temono la mancanza di futuro, tra la politica in perenne fibrillazione, l’economia che stenta a decollare dopo la grande recessione, i mercati finanziari sempre più aggressivi, un crescente scontento sociale e l’emergere di una serie di scandali, veri o presunti, che danno la sensazione di un ritorno ai tempi bui di Tangentopoli. Cosa ci aspetta? Saremo ancora “santi, poeti e navigatori” o dovremo reinventarci per l’ennesima volta? Dialogo tra Renato Brunetta, ministro Pubblica Amministrazione e Innovazione ed Enrico Cisnetto, “Cortina InConTra” AUDI PALACE FORNELLI D’ITALIA Si dice che la sua unità l’Italia l’abbia fatta a tavola, e che l’unico vero elemento aggregante degli italiani sia il rapporto con il cibo. Forse perché il volgare ma efficace motto “Franza o Spagna, purché se magna” ce lo siamo sempre portati dietro, nostro malgrado. Così stasera celebriamo anche noi il “tricolore culinario”. Con il Ministro Brunetta che indossa il cappello da cuoco e ci guida in un particolarissimo “Giro d’Italia” dei sapori, condito da ricordi e suggestioni personali. E festeggiando la nomina di Bottura a numero uno mondiale dei cuochi Ne parlano Renato Brunetta, ministro, coautore de “Oggi (vi) cucino io” (Sperling&Kupfer) Fabrizio Nonis, gastronomo, coautore de “Oggi (vi) cucino io” (Sperling&Kupfer) Massimo Bottura, chef 2011 Académy International de la Gastronomie Giovanni Ballarini, professore Antropologia alimentare Università Parma, presidente Accademia Nazionale Cucina Italiana, curatore de “I menu del Quirinale” Conduce: Guido Barendson, giornalista e conduttore televisivo
Domenica 24 luglio 2011 AUDI PALACE LIBERALI & CATTOLICI, ALLEANZA INEVITABILE Ogni qualvolta, per il bene del Paese, sono state messe tra parentesi le differenze ed esaltate le convergenze delle due scuole di pensiero più importanti della nostra storia, l’Italia è stata governata. E bene. Ricordate l’asse De Gasperi-La Malfa, per esempio? Mentre quando il liberalismo e il cattolicesimo si sono fronteggiati e contrapposti come due ideologie inconciliabili, il Paese ci ha rimesso. E siccome mai come oggi abbiamo bisogno di essere governati… Si confrontano Giovanni Maria Vian, direttore Osservatore Romano Giorgio La Malfa, parlamentare Gruppo Misto, curatore de “Sono un liberale?” di J.M. Keynes (Adelphi) Salvatore Carrubba, editorialista Il Sole 24 Ore Lucetta Scaraffia, docente Storia Contemporanea Università Sapienza Roma, curatrice de “I cattolici che hanno fatto l’Italia” (Lindau) Conduce: Corrado Ocone, filosofo, editorialista Il Mattino, autore con Dario Antiseri de “Liberali d’Italia” (Rubbettino) AUDI PALACE BIG BANG, STELLE E BUCHI NERI Che cosa accadde sette miliardi di anni fa? Fu davvero un’esplosione a creare l’universo e, da lì, tutti i corpi celesti? E ancora, prima del Big Bang, che cosa c’era, il nulla o Dio in procinto di creare? Se la scienza può spiegarci le cause dei fenomeni, come mai non riesce a chiarirci il “perché” essi si manifestino? È in quel “perché” che sta la ragion d’essere della trascendenza? E dunque, scienza e fede sono conciliabili? Le risposte sono affidate a tre grandi personalità Dialogo tra Margherita Hack, astronoma, autrice de “Il mio infinito” (Baldini Castoldi Dalai) Vito Mancuso, teologo, direttore collana “Campo dei Fiori” (Fazi Editore) Conduce: Salvatore Carrubba, editorialista Il Sole 24 Ore
Lunedì 25 luglio 2011 AUDI PALACE ITALIA O ITALIE? Campanili, corporazioni, Nord contro Sud: ricognizione sui primi 150 anni del nostro Paese, sulle mille anime che lo compongono, sulle tante, troppe divisioni che gli impediscono di essere “normale”. Una storia tormentata, quella dell’Italia e degli italiani, che oggi più di ieri, tra spinte secessionistiche e federalismi imperfetti, non riesce a trovare la strada della modernizzazione Si confrontano Ernesto Galli della Loggia, storico, editorialista Corriere della Sera, autore de “L’identità italiana” (Il Mulino) Giordano Bruno Guerri, storico, autore de “Il sangue del sud” (Mondadori) Conduce: Enrico Cisnetto, “Cortina InConTra” AUDI PALACE IL CIBO, CHE SPETTACOLO! Cucinare, mangiare e bere, sport preferiti dagli italiani, sono ormai un’attrazione fatale in tv e al cinema. Trasmissioni, vip prestati ai fornelli, film. Persino i comici hanno scoperto questo irresistibile filone. E la creatività spopola. Per esempio, avete mai visto all’opera un forno a vapore di ultima generazione, capace di cuocere i cibi eliminando grassi e condimenti vari ma esaltando il sapore? No? Allora resterete a bocca aperta davanti all’esibizione in programma questa sera, e agli assaggi che vi offriremo Ci ingolosiscono Emanuela Folliero, conduttrice Benessere-Rete4, autrice de “I bellissimi in cucina” (Cairo Editore) Paolo Marchi, giornalista Il Giornale Stefano Bicocchi in arte Vito, attore comico, autore de “È pronto in tavola” (Pendragon) Alessandro Torcoli, direttore La civiltà del bere, coordinatore Vino Vip Cortina Beppe Bigazzi, giornalista, gastronomo, autore con Giuseppina Bigazzi de “365 giorni di buona tavola” (Giunti) Conduce: Bruno Gambarotta, scrittore, autore televisivo Show cooking a cura di Electrolux con gli chef Maurizio Bottega e Alessandro Polver di Electrolux Chef Academy
Martedì 26 luglio 2011 AUDI PALACE GUERRA E PACE Negli ultimi 15 anni l’Italia ha svolto una funzione di primo piano nelle missioni internazionali, sia per la presenza cospicua di personale civile e militare sia per i ruoli ricoperti in diversi teatri. Per giudizio unanime esse testimoniano un salto di qualità delle forze armate, e hanno consolidato la credibilità dell’Italia nel quadro di una politica estera che invece presenta molti limiti. Attualmente sono 28 le missioni che vedono impegnati oltre 7 mila soldati. Il contingente più numeroso è quello in Afghanistan, poi Libano, Balcani e acque somale. Ma il costo è alto sia in denaro (nel primo semestre 2011 oltre 800 milioni, Libia compresa) sia in vite (dalla strage di Nassirya in poi 69 morti). Così la Lega e una parte della sinistra vogliono che i nostri uomini tornino tutti a casa. Il Quirinale, invece, si oppone strenuamente anche solo ad una riduzione. Che fare? Si confrontano Guido Crosetto, sottosegretario Difesa Gianni De Michelis, ex ministro Esteri, presidente Ipalmo Marta Dassù, direttore generale Aspen, direttore Aspenia Conduce: Tiziana Ferrario, giornalista Tg1 AUDI PALACE MA CHE RAZZA DI POPOLO SIAMO? DIFETTI (E PREGI) DEGLI ITALIANI Si parla male dell’Italia (vecchia, disorganizzata, burocratica) e malissimo della sua classe politica (autoeletti, privilegiati, ignoranti, ladri). Ma siamo sicuri che il “paese reale” sia meglio di chi lo rappresenta e amministra? Dal calcio corrotto alla televisione spazzatura, dalle corporazioni chiuse a difesa delle loro rendite di posizione alla raccomandazione come strumento per trovare lavoro e fare carriera, non c’è ambito della società che non sia spia di un malessere diffuso. Per non parlare della maleducazione, della sciatteria… Ne discutono Oliviero Beha, giornalista Il Fatto Quotidiano, autore de “Il calcio alla sbarra” (Rizzoli) Bruno Gambarotta, scrittore, autore televisivo Michele Mirabella, autore e conduttore televisivo Conduce: Tiberio Timperi, conduttore televisivo
Mercoledì 27 luglio 2011 AUDI PALACE NEL MIRINO DELLA SPECULAZIONE Dopo Grecia e Portogallo tocca all’Italia? Davvero rischiamo la bancarotta? E la colpa di questa situazione è nostra e dell’Europa, insomma della politica, o degli attori dei mercati, dagli operatori alle società di rating? E chi sono quelli che speculano sulle nostre debolezze? Gli italiani, che stanno imparando a convivere con termini come default, hedge fund, rating, outlook o spread, finora riservati ai soli addetti ai lavori, vedono i titoli di prima pagina dedicati a quanto succede sui mercati finanziari e si preoccupano. Sono in pericolo Bot e Btp e le azioni delle banche? Cerchiamo di fare un po’ di doverosa chiarezza Ne parlano Maria Pierdicchi, amministratore delegato Standard & Poor’s Italia Giorgio La Malfa, economista, parlamentare Gruppo Misto Giovanni Sabatini, direttore generale Abi-Associazione Bancaria Italiana Carlo Gentili, amministratore delegato Nextam Partners Sgr Oscar Giannino, editorialista, conduttore Nove in punto Radio24 Conduce: Sergio Luciano, “Cortina InConTra” AUDI PALACE LIBERO DI CRITICARE Maurizio Belpietro, direttore di Libero, si mostra sempre più insofferente a quello che ci riserva la cronaca italiana. Non sopporta le ambiguità della sinistra, ma evidenzia anche i limiti di Berlusconi e del suo governo. Denuncia le forzature di certa magistratura, ma non tace gli scandali e lancia strali contro tutti gli sprechi. Fino a promuovere vere e proprie campagne, come quella per l’abolizione delle province. Intervistiamo assieme – anche voi del pubblico – uno dei giornalisti italiani più spigolosi Incontro con Maurizio Belpietro, direttore Libero Conduce: Enrico Cisnetto, “Cortina InConTra”
Venerdì 29 luglio 2011 AUDI PALACE C’ERA UNA VOLTA L’AMERICA. E L’EUROPA, CI SARÀ? Quando manca solo un anno alle elezioni alla Casa Bianca, Barack Obama sfida democratici e repubblicani parlando di “unità nazionale” contro il pericolo di un default americano che sconvolgerebbe il mondo. Nello stesso tempo l’Europa dell’euro, proprio alla vigilia dell’arrivo di Mario Draghi alla Bce, vive la sua crisi più difficile, che mette in forse l’esistenza stessa della moneta unica. Dopo la grande crisi finanziaria, il mondo è ancora nel pieno della guerra economica globale, il nuovo tipo di conflitto, senza eserciti ma con armi altrettanto micidiali, che mina la pace (sociale e non solo) dei paesi occidentali. Che fare? Ne discutono Stefania Craxi, sottosegretario Affari Esteri Gianni De Michelis, ex ministro Esteri, presidente Ipalmo Giovanni Castellaneta, già ambasciatore italiano in Usa, presidente Sace, autore de “Obama e l’ombra cinese “ (Guida) Oscar Giannino, editorialista, conduttore Nove in punto Radio24 conduce Pino Buongiorno, vicedirettore Panorama AUDI PALACE BUONASERA, SIGNORINE BUONASERA Un tuffo nell’amarcord. Alcuni dei volti più conosciuti del piccolo schermo che fu raccontano la loro esperienza nella televisione di una volta, più educata e meno urlata e volgare dell’attuale. In cui il talento, quello vero, era sempre il protagonista e nessuno sapeva che cosa fosse un reality. Un tuffo nel passato da vivere con un pizzico di sana nostalgia Si raccontano Nicoletta Orsomando, annunciatrice e conduttrice televisiva Gabriella Farinon, annunciatrice e conduttrice televisiva Cino Tortorella in arte Mago Zurlì, conduttore e autore televisivo Ugo Gregoretti, regista, giornalista Michele Mirabella, autore e conduttore televisivo, autore de “Lo spettatore vitruviano” (Armando) Conduce: Marino Bartoletti, giornalista e autore televisivo
Sabato 30 luglio 2011 AUDI PALACE CAMPIELLO A CORTINA In attesa della proclamazione del SuperCampiello, sabato 3 settembre a Venezia, incontro con i finalisti del premio letterario più importante d’Italia, autentica istituzione culturale nata su iniziativa degli industriali del Veneto. È l’occasione per conoscere gli autori, affermati ed esordienti, che si contendono gli spazi sui banconi delle librerie, e per scoprire segreti e ambizioni dei loro testi. Sapendo che in vacanza un buon libro… Raccontano i loro libri Maria Pia Ammirati, autrice de “Se tu fossi qui” (Cairo) Ernesto Ferrero, autore de “Disegnare il vento” (Einaudi) Giuseppe Lupo, autore de “L’ultima sposa di Palmira” (Marsilio) Federica Manzon, autrice de “Di fama e di sventura” (Mondadori) Andrea Molesini, autore de “Non tutti i bastardi sono di Vienna” (Sellerio) Conduce: Irene Pivetti, presidente di LTBF Onlus AUDI PALACE RISVEGLI Ci sono eventi che fanno vacillare anche il più scettico tra gli scienziati, avvenimenti che non hanno spiegazioni mediche e che, nonostante questo, accadono. Come spiegare, per esempio, chi si risveglia dal coma dopo aver visto da vicino l’aldilà? Quanto è labile il confine tra vita e morte? E la fede gioca un ruolo fondamentale o è solo un conforto? Ne parlano esperti, uomini di fede, ma soprattutto coloro che dal “sonno eterno” si sono risvegliati Lo raccontano Franco Mandelli, ematologo, presidente Ail-Associazione Italiana Leucemie, autore de “Ho sognato un mondo senza cancro” (Sperling&Kupfer) Umberto Scapagnini, medico, parlamentare Pdl, autore de “Il cielo può attendere” (Piemme) Pippo Corigliano, portavoce Opus Dei, autore de “Preferisco il Paradiso” (Mondadori) Cino Tortorella, conduttore televisivo Conduce: Irene Pivetti, presidente di LTBF Onlus
Domenica 31 luglio 2011 AUDI PALACE ACQUA E SERVIZI PUBBLICI, SCENARI DEL DOPO REFERENDUM Il voto degli italiani contro la privatizzazione della gestione delle risorse idriche, che coinvolge anche molti altri tipi di servizi locali, lascia un vuoto normativo e pratico che dovrà essere riempito. Ma come tener conto dell’esito del referendum e nello stesso tempo cercare di evitare che i Comuni, sempre più al verde e pieni di debiti, non taglino quantità e qualità dei servizi. Nel solo settore idrico per ammodernare una rete che fa “acqua da tutte le parti” si stima occorrano un centinaio di miliardi in dieci anni. Chi pagherà? Ne parlano Roberto Castelli, viceministro Infrastrutture e Trasporti Vito Gamberale, amministratore delegato Fondo F2i Sgr Roberto Bazzano, presidente Federutility Giancarlo Cremonesi, presidente Acea Conduce: Enrico Cisnetto, “Cortina InConTra” AUDI PALACE COLLEGHIAMOCI Investire in tutte le opere infrastrutturali, materiali e immateriali, è un’esigenza primaria del nostro Paese. Ma farlo in quelle che aumentano e migliorano i collegamenti interni e con il resto d’Europa è addirittura vitale. Per noi i trasporti sono uno snodo essenziale per lo sviluppo e abbiamo bisogno come il pane di nuove opere e di rafforzare i sistemi autostradali, ferroviari e aeroportuali. Per farlo c’è bisogno di sconfiggere il “partito del no”, come dimostra il caso della Tav Torino-Lione, ma anche di stabilire un quadro normativo e regolatorio più stabile e meno burocratico Si confrontano Roberto Castelli, viceministro Infrastrutture e Trasporti Giovanni Castellucci, amministratore delegato Atlantia-Autostrade per l’Italia Giuseppe Bonomi, presidente Sea Mauro Pollio, amministratore delegato Gesac Mario Virano, commissario straordinario Torino-Lione Conduce: Sergio Luciano.

Share

Comments are closed.