Tuesday, 23 January 2018 - 18:07

Prosegue positivamente l’iter del progetto “Abitare il Nevegal”, l’ultimo treno per lo sviluppo del Colle. E anche il lasciapassare per il secondo mandato del sindaco Prade

Lug 6th, 2011 | By | Category: Cronaca/Politica, Prima Pagina

Lo sviluppo del Colle e quindi anche un po’ quello della città di Belluno, si deciderà sul progetto “A bitare il Nevegal”. E’ l’ultimo treno, insomma, per il rilancio della montagna bellunese. E, se andrà in portò, sarà anche il lasciapassare per la candidatura di Prade al suo secondo mandato di sindaco.
«Gli incontri che abbiamo avuto fino ad oggi – ha spiegato il sindaco Antonio Prade – con un centinaio di proprietari dei terreni interessati al progetto, che rappresentavano circa i 2/3 della proprietà dell’area interessate (tra proprietari e eredi), hanno dato esito positivo. Rivelando anche un certo entusiasmo per l’iniziativa, che segue al successo della tappa del Giro d’Italia, la riqualificazione del territorio con il Parco avventura, il Fun bob e la pista Tubby. Entro settembre, dovremmo avere acquisito le prucure da parte di tutti i proprierari. Dopodiché si potrà dare il via libera al progetto».

Paolo Gamba

L’assessore Paolo Gamba è entrato nel dettaglio tecnico della questione, spiegando che il valore dei terreni in caso di esproprio sarebbe stato di 0,57 – 0.85 euro al metro quadrato, mentre la proposta del Comune è stata di 4 euro al metro quadro e di 10 euro per le aree fabbricabili. Sulle quali, comunque, da trent’anni nessuno ha mai edificato. «nel corso degli incontri – ha detto Gamba – i proprietari ci hanno dato la loro fiducia dimostrando di credere in questo progetto. Alcuni di loro hanno scelto di non vendere, ma di entrare a far parte del progetto».

Angelo Paganin

Anche l’assessore Angelo Paganin si è dimostrato soddisfatto e ottimista, sottolineando come “Abitare il nevegal” sia un investimento in cultura nell’interesse della collettività. Anche i lavori sul complesso delle Torri proseguono «Ad ottobre – ha assicurato l’assessore Tiziana Martire – ripartirà il centro di formazione continua».

Tiziana Martire

Nei prossimi due mesi, quindi, i proprietari dei terreni saranno chiamati a firmare una procura a vendere a favore del sindaco pro-tempore di Belluno, con scadenza al 31 dicembre 2015. Raccolte tutte le firme il Comune di Belluno, indipendentemente da chi sarà il futuro sindaco, avrà tempo fino a tale data per attuare il progetto. Se ciò non avverrà, tutto rimarrà come oggi. «Ovviamente – ha precisato il sindaco Prade – una volta ottenuto il mandato dai proprietari, ci riteniamo liberi di trattare con tutti gli investitori interessati al progetto, e non solo quelli locali».
Per vedere se le “azioni Abitare il Nevegal” sono in rialzo, insomma, dovremmo prima attendere la conclusione di questa prima fase di firma delle procure con vincolo di mandato.

Share

Scrivi un commento

You must be logged in to post a comment.