Monday, 16 July 2018 - 06:28

Abolizione delle province: una scelta populista e anti autonomista * di Paolo Bampo

Lug 6th, 2011 | By | Category: Cronaca/Politica, Prima Pagina

Paolo Bampo

Quella dell’abolizione delle province rientrerebbe nell’ottica della semplificazione e della razionalizzazione dell’architettura istituzionale dello Stato, se non fosse solamente una manovra di chi è alla ricerca di un posto al sole attraverso proposte uniche ed “innovative” al punto di essere antistoriche e antidemocratiche.
Senza le province si andrebbe incontro ad una spinta di neo centralismo anti-autonomista.
Ovviamente se affrontata con razionalità e con i dovuti distinguo la questione potrebbe rientrare nell’agenda di un rinnovamento legislativo ed organizzativo dello Stato, ma con un taglio “sic et simpliciter” come quello proposto,ci si troverebbe nella situazione di veder allontanare dalla periferia verso il centro (da Belluno verso Venezia) la possibilità oggi detenuta dal cittadino di controllo dell’attività dei propri amministratori.
Attenzione non è assolutamente vero che, eliminando i vari “palazzo Piloni”, ne guadagnerebbero i sindaci e quindi i comuni.  Senza un coordinamento sovraordinato, nessun Comune, forse neppure quello capoluogo, avrebbe la possibilità di determinare scelte strategiche per il territorio (non penso solo ai trasporti, ma anche a tante altre attività oggi gestite dalla Provincia, nel cui consiglio siedono gli amministratori  espressione dell’elettorato locale e non regionale.)
Se per un verso la Provincia oggi ha una parzialissima possibilità di autogestione, lo spezzatino che uscirebbe  invece dall’abolizione dell’ente amministrativo bellunese, avrebbe effetti devastanti per l’autonomismo ;(ricordiamoci il “divide et impera”).
Per una volta quindi il PAB si trova d’accordo con il sistema dei partiti che ha bocciato il provvedimento sostenuto invece da  IDV, FLI, API e UDC (cosa ne pensano i loro rappresentanti locali che qui parlano di Autonomia di Belluno?) e ne apprezza il senso di responsabilità ed il coraggio per  non aver condiviso il facile populismo del provvedimento abrogativo. Ringrazia in particolare il PD che, pur essendo all’opposizione, con coerenza politica, non ha voluto partecipare al “tiro al bersaglio”.
Paolo Bampo – PAB (Provincia Autonoma Belluno)

 

Share

4 comments
Leave a comment »

  1. Se non sbaglio, e credo di non sbagliarmi, la proposta dell’IDV teneva conto di alcune eccezioni, tra cui la provincia di Belluno, ma se anche dovessi sbagliarmi andrei contro al mio partito se nell’eliminazione delle province non venisse tenuto conto della specificità del nostro territorio.

  2. NOTA per Maurizio Isma:
    MI dispiace proprio Isma, ma il testo della PdL costituzionale n°1990 del 5.12.2008 discusso alla Camera è categorica e non riporta eccezioni.
    Puoi visionare il documento su http://www.camera.it/_dati/leg16/lavori/stampati/pdf/16DL0019420.pdf
    MI dispiace per te, ma UDC di Roma e di Belluno suonano due campane diverse.
    In ogni caso non dispiacertene troppo perchè siete in buona compagnia di una schiera partitica che fa altrettanto un giorno si e l’altro anche.
    Vedrai che se Di Pietro, Grillo, Fini e Casini verranno a Belluno diranno che l’eccezione per la montagna era tanto scontata che non occorreva neppure scriverla.
    Con simpatia
    P.B.

  3. Per Paolo bampo:
    a parte che il link non funziona, può essere che le informazioni in mio possesso fossero sbagliate, non metto in dubbio, alla fine sappiamo tutti benissimo che Belluno conta poco o nulla per i partiti che vanno dal PD a SEL, passando per chi c’è in mezzo, ciò non toglie però che io sia contrario all’abolizione della nostra provincia, anche se con l’ultimo bilancio approvato è come l’avessero fatto, o meglio, se si aboliscono le province bisogna dare una valida alternativa per il coordinamento del territorio che potrebbe arrivare dalle C.M., ma come ha affermato De Bona forse è meglio mantenere la provincia ed abolire le C.M.
    Sinceramente la mia esperienza amministrativa è nulla, perciò non posso entrare nella parte tecnica dell’argomento, ma nessuno può negare sia necessaria e possibile una semplificazione della rete amministrativa.
    Sono comunque sempre disponibile per un colloquio ed un confronto.

  4. Per Isma,
    non è che il link sia errato è che la sottolineatura ha cancellato un trattino basso _ prima della parola “dati”
    Sarei lieto poterti incontrare per uno scambio di idee.
    Puoi contattarmi x fav : bampop@libero.it.
    grz 1000