Saturday, 15 December 2018 - 01:43

Il convegno. Domenica a Feltre si è parlato di accesso credito per le imprese

Lug 4th, 2011 | By | Category: Lavoro Economia Turismo, Prima Pagina

Nella cornice della 25^ Mostra dell’Artigianato Artistico e Tradizionale Città di Feltre, si è tenuto domenica in Sala degli Stemmi, un convegno organizzato dall’Appia, sul credito e il rapporto fra banche popolari e di credito cooperativo e consorzi di garanzia collettivi, con riferimento al ruolo di Sviluppo Artigiano.
Numerosa l’affluenza in sala per condividere gli approfondimenti proposti dai relatori che hanno ragionato su come agevolare l’accesso al credito della PMI e artigianato in questo momento di perdurante difficoltà economica. Il dibattito si è dimostrato ricco di spunti per capire come si è evoluto nel tempo il rapporto Banca-Confidi.
Mario Borin di Sviluppo Artigiano, ha ricordato come uno dei temi più attuali sia la necessità di fare rete. Tanto che, Sviluppo Artigiano, rappresenta attualmente in 11 province lombardo-venete, 35.000 imprese associate e dal 2009 è intermediario vigilato da Banca d’Italia abilitato ad operare con garanzie a prima chiamata. Uno sforzo consistente a cui deve corrispondere adeguata risposta da parte delle banche.
Provocazione raccolta dal vice direttore generale della Cassa Rurale Valli di Primiero e Vanoi, Tiziano Rattin e dalla capo area della Banca Popolare di Vicenza, Donatella Da Rold, che con argomentazioni e sfumature differenti hanno presentato prodotti specifici e sottolineato come il sistema delle banche popolari e del credito cooperativo sia oggi capace di capire e valorizzare le dinamiche e le necessità del nostro tessuto imprenditoriale offrendo decentramento decisionale e tempi brevi di risposta.
Le conclusioni sono state affidate all’Assessore Provinciale Stefano De Gan che, sollecitato sulla carenza dei fondi agevolati disponibili, ha ricordato come sia in corso, d’intesa con Appia e altre associazioni di categoria un’azione per provincializzare e se possibile modificare, l’iter decisionale nella gestione dei fondi di rotazione di Veneto Sviluppo e parlando di carenza di fondi, l’Assessore De Gan, una buona notizia l’ha dato: sono disponibili da subito sulla legge aree di confine 2.600.000 €. L’Assessore ha invitato le aziende ad attivarsi subito.

 

Share

Comments are closed.