Sunday, 8 December 2019 - 20:26
redazione@bellunopress.it direttore Roberto De Nart

La voce di Melissa Voltarel conquista la giuria e il pubblico al Festival “Il mio canto libero”. La cantante Arisa, giurata e madrina della manifestazione, si è complimentata con le 22 aspiranti popstar

Giu 12th, 2011 | By | Category: Arte, Cultura, Spettacoli, Pausa Caffè

Con l’ultimo dei quattro workshop e dopo tre serate di esibizioni si è concluso ieri a Farra d’Alpago la seconda edizione del Festival “Il mio canto libero”. Melissa Voltarel (nella foto), un giovane talento di Maserada (TV), è la vincitrice del concorso per nuovi interpreti, e la destinataria della borsa di studio (3.750 euro) per partecipare alla scuola musicale di Mogol. Unanime il consenso della giuria, composta da otto esperti, tra i quali la cantante Arisa, Giuseppe Barbera e Giuseppe Anastasi, Il Premio dell critica è stato assegnato alla marchigiana Simona Moulè.
La manifestazione, organizzata dall’associazione Voice Care di Jessica Da Re (direttore artistico del Festival), che si dedica da quattro anni alla formazione musicale, ha messo in palio per il secondo anno un corso alla scuola di musica di Mogol e 4 workshop, che si sono svolti a “Villa al Lago”a Santa Croce, centrati su: arrangiamento e composizione musicale (docente Giuseppe Barbera); interpretazione (docenti Arisa e Giuseppe Barbera); composizione testi (docente Giuseppe Anastasi); il canto consapevole: strumenti di salvaguardia della voce artistica (Franco Fussi).
Al termine di ciascuna delle prime tre giornate i giovani partecipanti si sono esibiti in brani di repertorio di musica leggera davanti al pubblico e alla giuria. Con gli aspiranti cantanti, presentati da Irene Pampanin e Davide Stevanato, si sono esibiti sul palco anche il ballerino Giorgio Tollot e il cabarettista Alex Pain.
”Con Voice Care puntiamo sulla formazione e sulla qualità delle iniziative per approfondire il senso critico dei ragazzi e stimolarli nella ricerca professionale, creativa e personale”, ha spiegato Jessica Da Re a fine spettacolo, “sono stati tre giorni intensi per i ragazzi, che si sono studiati e sfidati, ma soprattutto si sono confrontati tra loro su temi di studio con ottimi insegnanti. Il festival musicale Il mio canto libero, ha aggiunto Da Re, “è un’occasione che l’associazione vuole offrire a tutti i giovani che desiderano mettersi in gioco nel campo musicale, avendo come  primo obiettivo la formazione vocale e sonora”. Un’ opportunità ancora più esclusiva considerato il fatto che raramente gli insegnanti del Cet lasciano la scuola per dei workshop di formazioni in sedi esterne. Farra d’Alpago è l’eccezione. La cantante Arisa ha chiesto agli amministratori presenti (il sindaco Floriano De Pra e gli assessori Fulvio Basso e Luca Padovan) che anche la Regione Veneto si faccia carico di alcune borse di studio per favorire la formazione musicale dei giovani. Poi tutti sul palco a festeggiare.

Share

Comments are closed.