Sunday, 8 December 2019 - 14:37
redazione@bellunopress.it direttore Roberto De Nart

Lo Spiquy Team e Pietro Piller Cottrer provano il nuovo percorso della Pedalonga Val Comelico Marathon.Il consiglio dell’azzurro dello sci nordico: “Partite con calma!”

Giu 10th, 2011 | By | Category: Prima Pagina, Sport, tempo libero

Sfidando le avversità meteorologiche, gli scorsi giorni, alcuni membri dello Spiquy Team accompagnati dal loro presidente Michele Festini Purlan e da Pietro Piller Cottrer, amico e concorrente da sempre della Pedalonga, sono saliti in mountain bike per testare nuovamente il percorso.
80 chilometri, 2800 metri di dislivello positivo, 5 comuni attraversati, questi sono i numeri della nuova Pedalonga, gara di mountain bike a coppie che quest’anno si disputerà il 31 luglio. Dopo un anno di pausa, è in fase di preparazione un percorso più lungo che abbraccia i cinque comuni della Val Comelico, Comelico Superiore, San Nicolò di Comelico, San Pietro di Cadore, Santo Stefano di Cadore e Danta.
Un tracciato tecnico e impegnativo che metterà a dura prova i concorrenti, ma che saprà ripagare tutti gli sforzi. Il nuovo percorso racchiude tutti gli elementi che caratterizzano la mountain bike, dalle ripide salite, ai “sigle track”, dalle discese tecniche ai tratti sull’asfalto per tirare il fiato. Elementi che affascineranno tutti gli amanti delle “ruote grasse”. La partenza sarà data come vuole la tradizione a Sega Digon, mentre l?arrivo sarà allestito nei pressi della chiesetta Caduti di Cima Vallona, a qualche chilometro dalla linea dello start.
I concorrenti per la prima parte di gara correranno lungo strade asfaltate alternando passaggi immersi nel verde e tra le antiche vie delle caratteristiche borgate. Si toccherà l’abitato di Costa e di Costalissoio e poi s’inizierà a salire verso Monte Zovo. Lungo questa salita l’asfalto lascerà il posto ai sentieri e alle mulattiere. Dopo il gran premio della montagna a quota 1943 metri, inizierà la discesa che passando per Costalta, “un paese di legno”, terminerà a Santo Stefano di Cadore.
I concorrenti quindi riprenderanno a salire verso Padola, passando per Danta di Cadore. Dalla piazza di Padola si correrà lungo le piste da fondo che portano alle Terme di Val Grande per poi continuare a salire verso Passo Monte Croce Comelico, con l’obiettivo dell’ultimo gran premio della montagna posizionato sopra la Casera Rinfreddo, alla località La Punta, a quota 2020 metri. Da qui una lunga discesa che percorre il costone del Monte Spina porterà le squadre a Casamazzagno e a Candide. Per tagliare il traguardo, l’ultima fatica della giornata, duecento metri di dislivello sino allo striscione d’arrivo posto vicino alla chiesetta Caduti di Cima Vallona.
“Un percorso molto vario, – ha detto Pietro Piller Cottrer – alterna tratti in asfalto e salite su sterrato, con alcuni tratti in piano. Le discese sono impegnative con dei passaggi in “sigle track” abbastanza tecnici, ma molto divertenti per chi ha padronanza della bicicletta. Il consiglio che posso dare è di affrontare con calma la prima salita, ci sono pendenze importanti ed è una gara molto lunga”.
Le iscrizioni dal 6 maggio sono aperte sul sito www.sportis.it, raggiungibile anche dal sito della manifestazione, www.lapedalonga.it

Share

Comments are closed.