Sunday, 8 December 2019 - 20:13
redazione@bellunopress.it direttore Roberto De Nart

Non c’è arte in Cattelan e i suoi 2mila colombi ammazzati. Blitz degli animalisti oggi alla Biennale di Venezia

Giu 5th, 2011 | By | Category: Arte, Cultura, Spettacoli, Cronaca/Politica, Prima Pagina

“Le performance di Maurizio Cattelan con l’uso di animali appositamente ammazzati e imbalsamati non hanno nulla di artistico. Sono solo esternazioni di pessimo gusto per le le quali vengono sacrificati esseri viventi e senzienti”. Lo afferma l’associazione Centopercento Animalisti che questa mattina (domenica 6 maggio) ha manifestato con una decina di attivisti dinanzi ai cancelli dei giardini della Biennale, armati di cartelli e striscioni di condanna nei confronti della vergognosa esposizione di Cattelan. Molto esplicita l’opera alternativa degli animalisti, realizzata con “oggetti di recupero” dal titolo “Cattelan el mona dea biennal” .  Ambienti vicini all’artista, hanno fatto sapere  che i duemila colombi sono stati comperati in Spagna e in Belgio, e provengono da “uccisioni legali eseguite in un normale piano di eliminazione”.
Nemmeno il ministro Galan, sembra brillare in questa disputa, tant’è che non ha trovato nulla di meglio che affermare il suo odio per i piccioni e di trovare intelligente l’esibizione dei loro cadaveri!
“In questo squallore – conclude la nota dell’Associazione 100% animalisti – non c’è arte, non c’è cultura, non c’è intelligenza. Assistiamo a una regressione senza precedenti”.

Share

Comments are closed.