Sunday, 8 December 2019 - 15:51
redazione@bellunopress.it direttore Roberto De Nart

Il segretario provinciale della Lega Nord, Diego Vello, chiama alle urne per i referendum. Per ora sono due sì sull’acqua. Ma sul legittimo impedimento e il nucleare, tanto cari all’alleato Berlusconi, bisogna attendere il verdetto del direttivo di martedì

Giu 4th, 2011 | By | Category: Cronaca/Politica, Riflettore

“Martedì sera sarà discussa nel direttivo provinciale della Liga Veneta Lega Nord di Belluno la posizione inerente ai referendum su Nucleare, Acqua e Legittimo Impedimento”. Ne dà notizia Diego Vello, segretario provinciale della Lega Nord. Che aggiunge: “Non è per niente vero che la Lega Nord, come ci vogliono far credere esponenti di altri partiti, non ha posizione in merito.
Di sicuro è che sull’acqua saranno 2 Sì a spingere l’elettorato leghista alle urne, sul quesito sulle modalità di affidamento dei servizi pubblici a privati e sull’abrogazione delle norme sulla quantificazione tariffaria del servizio idrico intergrato con remunerazione del capitale investito, non ci saranno dubbi.
L’acqua è un bene pubblico – afferma Vello –  e non può essere soggetto a regole di mercato, di speculazione privata e non deve essere inteso come bene di servizio al cittadino alla pari di telefonia o trasporti.
Interessanti sono anche gli altri referendum su nucleare e legittimo impedimento, credo che ognuno possa esprimere la propria posizione, il direttivo fugherà ogni dubbio in merito proprio martedì sera.
Sia però sottolineato che l’invito al voto è rivolto a tutti, il voto è un gesto di grande civiltà e quindi tutti saremo tenuti ad andare alle urne il 12 e 13 giugno per esprimere il nostro pensiero”.

 

Share

Comments are closed.