Thursday, 12 December 2019 - 13:12
redazione@bellunopress.it direttore Roberto De Nart

Consorzio Dolomiti. Bottacin risponde a Tabacchi: “I tagli? Sì alla sinergia pubblico-privato: entrate in Dolomiti Turismo”

Giu 2nd, 2011 | By | Category: Cronaca/Politica, Prima Pagina

Il presidente di Palazzo Piloni, Gianpaolo Bottacin, risponde alle dichiarazioni dell’ex-segretario del Pd, Valerio Tabacchi, ora nel direttivo del Consorzio Dolomiti: “Lo ringrazio. Che abbia capito che il vero problema sono i tagli subiti dal Consorzio e che serve una sinergia pubblico-privato. Le quote di Dolomiti Turismo lo aspettano”.
“Da quanto ho letto, non posso che ringraziare Tabacchi per aver riportato la questione del Consorzio Dolomiti sul tema autentico, cioè i tagli subiti dall’alto – ha commentato Bottacin – . Sono proprio quei tagli regionali che io sono riuscito a ridurre quasi a zero per quanto concerne il bilancio di Palazzo Piloni”.
“Non solo. Tabacchi pare aver intuito che la via che avevo indicato, cioè quella di una sinergia fra pubblico e privato, è la strada da seguire: deve averlo letto nelle mie linee programmatiche del governo della Provincia e forse ora le condivide – ha proseguito il capo di Palazzo Piloni – . Visti i tagli subiti dal Consorzio, il mio invito è che adesso si faccia avanti nella partita di Dolomiti Turismo. Durante la Giunta provinciale di ieri, infatti, abbiamo rinunciato alla prelazione delle quote dell’ente di via Psaro, cedute dalla Camera di Commercio. Quale occasione migliore, dunque, per il Consorzio, di mettere in atto una strategia concreta per il rilancio turistico, se non quella dell’ingresso in Dolomiti Turismo, creando  per l’appunto  quella sinergia pubblico-privato di cui parla da tempo?”.
“E’ curioso notare, infine, come Tabacchi giustifichi il Consorzio Dolomiti perché ha subito i tagli dicendo che non è sua responsabilità, mentre dall’altra parte il suo Partito Democratico attacchi il sottoscritto che invece i tagli li ha quasi annullati. Se chi li subisce non e’ responsabile, credo allora che questo debba valere per tutti. O no? “, ha concluso Bottacin.

Share

Comments are closed.