Saturday, 20 July 2019 - 15:34

Pesca abusiva al lago di Santa Croce: sanzionati sei moldavi e sequestrata una rete di 30 metri

Mag 30th, 2011 | By | Category: Cronaca/Politica, Prima Pagina

Nuova operazione della Polizia provinciale di Belluno. Sabato scorso, nel tardo pomeriggio, gli agenti di Palazzo Piloni hanno sanzionato sei persone di origine moldava, ma residenti a Verona, che stavano pescando abusivamente con reti a strascico sulle rive in zona Bastia.

Dopo il sequestro di quindici giorni fa al lago di Centro Cadore, lo scorso 28 maggio, sei cittadini moldavi sono stati denunciati per pesca abusiva nelle acque del lago di Santa Croce.
Nel tardo pomeriggio di sabato, gli uomini di Palazzo Piloni, dopo aver notato alcune auto in sosta in zona Bastia, hanno atteso il momento propizio per cogliere con le “mani nel sacco” alcuni pescatori abusivi che avevano appena steso a riva una rete di sette metri di lunghezza e uno di altezza. Nei pressi, poi, è stata ritrovata anche un’altra rete (dimensioni 30 x 2 metri), che fa supporre che il ricavato della pesca abusiva non fosse destinato per un uso esclusivamente privato.
L’intervento, condotto sotto la guida Stefano Fontana della Polizia provinciale (nella foto con la rete sequestrata dinanzi al presidente della Provincia Gianpaolo Bottacin), è avvenuto con il supporto del Corpo Forestale dello Stato (stazione di Alpago), grazie alle segnalazioni di alcuni cittadini e ai servizi di sorveglianza mirata nell’area del lago.
Il presidente della Provincia di Belluno, Gianpaolo Bottacin, plaude all’operazione: «Ancora una volta i nostri uomini hanno dimostrato il loro valore e la loro professionalità nel controllo del territorio. La condotta dell’intervento è stata esemplare: colgo l’occasione per ringraziare tutti gli agenti che quotidianamente dedicano il loro lavoro alla garanzia del rispetto della legge. Quella di sabato scorso non è che l’ultimo di una serie di azioni che la Polizia provinciale ha realizzato».

Share

Comments are closed.