Tuesday, 16 July 2019 - 04:07

A Iseo il meglio dell’Italia lacustre fa rima con Santa Croce. Quello alpagoto è stato l’unico lago del Veneto presente al grande Festival Nazionale dei Laghi

Mag 29th, 2011 | By | Category: Cronaca/Politica, Riflettore

Iseo, 29 maggio 2011 Straordinario successo del lago di Santa Croce nella seconda edizione del Festival che celebra le tipicità degli specchi d’acqua più belli di tutto lo Stivale.
Nel corso dell’autorevole e affollatissima vetrina sul lungolago e in centro al paese, rivolta ai grandi bacini turistici e descrittiva di molte pittoresche realtà lacustri ancora poco note, il lago e il territorio dell’ Alpago sono emersi come depositari di un eccezionale patrimonio ambientale, culturale e gastronomico. Una kermesse di musica, spettacoli, mostre a tema, visite guidate, esibizioni folkoristiche, regate, conferenze, dibattiti, degustazioni  di cucina  (pastin, coregone, carni d’agnello e lana alpagoti, formaggi della Latteria del Cansiglio, Vini del Piave) e una mostra mercato di prodotti tipici dei laghi hanno caratterizzato la manifestazione dove, al multi stand organizzato dal Comune di Farra e il Consorzio turistico dell’Alpago, sono stati distribuiti migliaia di depliant e contattati altrettanti potenziali turisti,mostrando loro anche i video girati sul Consiglio da Veneto Agricoltura, le imprese veliche sul lago e sulle nevi della Transcavallo.
Il presidente della Provincia, Gianpaolo Bottacin, commenta così la trasferta  e il successo dell’Alpago al Festival dei Laghi di Iseo: “La sinergia tra pubblico e privato in tema di promozione turistica è certamente la strategia giusta per ottenere i migliori risultati”. Rispetto alle eccellenze che hanno accompagnato e caratterizzato la vetrina del lago di Santa Croce in terra bresciana Bottacin rilancia: “Noi cone Provincia ci abbiamo sempre creduto, prova ne siano gli aiuti per la realizzazione del centro ittiogienico a Farra,  i contributi alla produzione dell’agnello e l’aver favorito la collaborazione con la cooperativa dei Vini del Piave come il Raboso”. “Una volta che siano state predisposte in forma associata una serie di offerte del territorio”, aggiunge il presidente della Provincia, “è bene come in questo caso da un alto rivolgersi all’esterno per la promozione, dall’altro praticare degli scambi e delle iniziative comuni con territori dalle peculiarità simili che possono portare vantaggi per tutti, come  a livello istituzionale ha fatto la provincia di Belluno con quelle di Sondrio e Verbania”. Forte dei consensi raccolti nel 2010.
Sebino -il più piccolo dei grandi laghi lombardi- insiste quindi nel suo intento di risvegliare la curiosità e l’orgoglio degli italiani, chiamati ad apprezzare, se non addirittura a scoprire, i paesaggi più luccicanti e rasserenanti di questo nostro Belpaese e tutte le loro tipicità. Il tuffo nelle tradizioni, nel folklore e nella gastronomia dei nostri laghi, da quelli alpini a quelli delle
Isole, Ideato e organizzato dal Comune di Iseo ha visto la partecipazione di 34 laghi di cui quello di Santa Croce è stato l’unico alfiere di tutto il Veneto.

Share

Comments are closed.