Sunday, 8 December 2019 - 09:32
redazione@bellunopress.it direttore Roberto De Nart

Presidente Roccon, ritiri la querela nei confronti del neo sindaco De Pellegrin * di Mario Svaluto Moreolo

Mag 17th, 2011 | By | Category: Lettere Opinioni, Prima Pagina

Mario Svaluto Moreolo

Ho letto la notizia dell’ iniziativa del CDA/GSP Bim di sporgere querela nei confronti di Camillo De Pellegrin per le dichiarazioni fatte in Consiglio Comunale per questioni inerenti la gestione di quel comparto del Bim.
Conosco bene Camillo De Pellegrin ed anche suo padre – emigrante di formazione democratica e riformista – entrambi degnissime persone.
Sento il dovere di esprimere solidarietà ad entrambi per l’ atto di denuncia che tocca la loro dignità personale e politica.
Non commento la tempistica – tutta politica – adottata dal CDA/GPS Bim nel compiere la denuncia in parola. E’ puerile precisare – preventivamente – che non c’è nessun intento di utilizzare impropriamente l’ attuale temperie elettorale. Tale furbizia è offensiva persino ad una intelligenza modesta come la mia!
Per altro verso mi permetto rivolgere al carissimo amico Presidente Franco Roccon – degnissima persona – un invito a valutare bene tale iniziativa e provvedere a ritirare la querela.
Perché questa richiesta.
Primo: la condizione politica istituzionale di questa nostra Provincia è caratterizzata da confusione, impreparazione della classe dirigente, esasperata personalizzazione, rottura dei rapporti solidali fra territori ed istituzioni, assenza di qualsiasi iniziativa dignitosa ed alta, aggrappata disperatamente a qualche inutile referendum con gli esiti noti, laddove i corpi sociali ed i partiti si muovono come fantasmi a destra e a manca con lo sguardo fisso per terra od al massimo al proprio ombelico.
Bene.
L’unico atto che richiama l’ attenzione dell’ opinione pubblica e della libera informazione è la querela a Camillo De Pellegrin per un suo intervento fatta nella sua funzione di Consigliere Comunale nell’ ambito di un dibattito nel più alto consesso rappresentativo della Comunità bellunese. Non credo che questo atto di denuncia abbia funzione salvifica data la condizione generale testè delineata della nostra Provincia.
Secondo: caro Presidente Franco Roccon, ti ricordi quando, negli anni ottanta, sei approdato in Consiglio Comunale a Belluno con il tuo bagaglio di entusiasmo, di inesperienza, di asprezza verbale e di buona fede, pur assistito dal sito riservata al pubblico da Franco Rocchetta e Marilena Marin (Segretario Nazionale della Liga) ?
Bene.
A fronte delle tue asprezze verbali espresse con scarsa consapevolezza – e allora erano molto, molto esplicite nei confronti dei partiti in particolare della D.C. e P.C.I. – nessuno di noi si è permesso di “aggredirti” politicamente e tanto meno adire a vie diverse da quelle politiche ed istituzionali. Anzi, con simpatia e comprensione, ti abbiamo sempre invitato a percorrere la via alta e dignitosa della “politica” ed al rispetto delle istituzioni.
Caro Presidente Franco Roccon, nel solco di quella tradizione democratica, mi permetto di ribadire la richiesta più sopra fatta di ritirare la querela.
Sono fiducioso perché sei una persona intelligente e di buon senso, e, adesso, anche di esperienza.
Mario Svaluto Moreolo
Membro del Coordinamento del P.D. dell’ Oltrardo/Cavarzano
Membro dell’ assemblea dell’ Unione Comunale del P.D. del Comune di Belluno

Share

Comments are closed.