Sunday, 8 December 2019 - 09:32
redazione@bellunopress.it direttore Roberto De Nart

L’Arpav non rinnova il contratto a due dipendenti. Bottacin: «Ma noi non possiamo entrare nella gestione interna dell’Ente»

Mag 14th, 2011 | By | Category: Cronaca/Politica, Lavoro, Economia, Turismo, Prima Pagina

«C’è una certa differenza fra quel che posso “pensare” e quel che è nei miei poteri d’azione. Se l’Arpav decide di non rinnovare un contratto, non posso certo imporre la mia volontà. È buona norma essere padroni a casa propria, non in casa d’altri». Il presidente della Provincia di Belluno, Gianpaolo Bottacin, risponde così alle richieste del sindacato sulla questione dei due collaboratori dell’ente regionale.«Oramai non mi sorprende che per ogni accadimento si dia colpa a Palazzo Piloni, mentre per ogni merito ci si arroghi il diritto di fregiarsi del risultato, facendolo proprio – ha commentato Bottacin – . Oramai, più del contrario, fa notizia quando anche qualche opinionista non si accanisce contro di me, pur parlando magari di massimi sistemi completamente estranei al sottoscritto».«Ad ogni modo, tengo a ricordare che da settimane ho in agenda un appuntamento, fissato per il prossimo venerdì, con Emanuele Pepe, direttore dell’Arpav – ha continuato il presidente – . Sono certo che tutto verrà chiarito, anche se le due collaborazioni a cui fanno riferimento i sindacalisti erano “a termine”. Come già accaduto in passato, non saranno rinnovate: certo mi dispiace, ma di più non saprei dire, visto che non ho mai avuto modo neppure di conoscere i soggetti interessati. Palazzo Piloni ha voluto finanziare il progetto, ma la gestione dello stesso è in capo all’Arpav».«L’Ente regionale, è noto, sta attraversando un momento difficile e come Provincia siamo in costante contatto con la dirigenza, proprio al fine di trovare una soluzione. Ribadisco, però, che mi sarà possibile avere un quadro completo, solo dopo l’incontro con il direttore regionale», ha concluso Bottacin.

Share

One comment
Leave a comment »

  1. NON ENTRO NEL CASO IN PARTICOLARE MA COSA STIAMO OFFRENDO AI NOSTRI GIOVANI?
    SU 40 GIOVANI CHE CONOSCO DIRETTAMENTE DAI 20 AI 30 ANNI SOLO MIOFIGLIO HA UN APPRENDISTATO DEL SETTORE INDUSTRIA BEN PAGATO, I RESTANTI SOLO STAGE, LAVORI A PROGETTO,
    A CHIAMATA, STIAMO PRECLUDENDO LORO IL FUTURO!