Wednesday, 20 November 2019 - 12:02
redazione@bellunopress.it direttore Roberto De Nart

Chiusa Agrimont. Si prosegue il 17 aprile con Il treno delle Dolomiti, e il 29 aprile Caccia pesca e natura

Apr 3rd, 2011 | By | Category: Prima Pagina, Società, Associazioni, Istituzioni

Chiusa a Longarone Fiere (Belluno) con un bilancio davvero lusinghiero la 32ma edizione di Agrimont, la mostra dell’agricoltura di montagna che era stata inaugurata il 25 marzo dal ministro, on. Giancarlo Galan. La rassegna, che ha avuto il patrocinio del Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali, presente con uno stand ufficiale, ha raggiunto quota 22.000 visitatori confermandosi come punto di riferimento assoluto per il comparto agricolo e le molteplici attività per la cura e manutenzione del territorio ad esso collegate. Una esposizione quanto mai completa con tutta una serie di prodotti, macchinari e attrezzature per l’agricoltura, la forestazione, il giardinaggio, oltre alle attrezzature per le attività di raccolta, lavorazione e trasformazione della legna a scopi energetici. Apprezzata come sempre l’offerta di prodotti agroalimentari tipici e caratteristici della montagna e delle diverse regioni italiane. Un insieme di proposte, per un totale di 242 marchi aziendali, in rappresentanza di 14 regioni italiane e 14 Paesi esteri, che hanno riscosso grande interesse da parte delle migliaia di persone giunte a Longarone da tutto il Triveneto, ma anche da diverse aree di montagna del Nord e Centro Italia. Sempre molto affollato lo spazio dedicato alle rassegne zootecniche, dove l’Associazione Provinciale Allevatori di Belluno ha realizzato un’esposizione molto curata delle principali razze bovine, equine e ovicaprine allevate in provincia di Belluno, oltre a galline, conigli e altre specie ancora. Particolarmente seguiti anche gli eventi convegnistici organizzati in collaborazione con le principali associazioni di categoria del settore. Si è parlato di rifiuti agricoli, di responsabilità penale in tema ambientale e di sicurezza nelle aziende agricole e nei lavori forestali, nonché degli aspetti sanitari e della gestione dell’autocontrollo in malga. Molto partecipati sono stati inoltre gli eventi di contorno, dalle dimostrazioni proposte dal CABBI, Club che opera in  Italia per la tutela e la valorizzazione del cane Bovaro del Bernese all’attività di mascalcia proposta da Damiano Prizzon, che ha esposto le varie fasi della ferratura, dalla preparazione dei ferri con la forgia alla loro applicazione su cavalli e asini. La giornata odierna è stata incentrata sull’apicoltura di montagna con il convegno organizzato come ogni anno da Apidolomiti Servizi nel corso del quale sono state affrontate, grazie anche alla presenza di qualificati esperti, le problematiche del settore e lanciate alcune iniziative alla luce del recente riconoscimento DOP assegnato dall’Unione Europea al miele delle Dolomiti Bellunesi. Ospitata nello stand del Ministero delle politiche agricole, si è invece svolta la prevista presentazione della rassegna enogastronomica “A tavola con l’asparago bianco di Bassano Dop” curata dall’omonimo Consorzio e dall’associazione dei ristoratori, i quali, al termine, hanno offerto un gustoso buffet. Conclusa Agrimont, Longarone Fiere si proietta ora ai prossimi appuntamenti compresi nel programma delle fiere di primavera. Domenica 17 aprile sarà la volta della manifestazione “Il treno nelle Dolomiti” curata da AICS di Belluno, mentre da venerdì 29 aprile a domenica 1 maggio si terrà l’11. edizione di “Caccia, Pesca e Natura”, la mostra nazionale di prodotti, attrezzature e servizi per la caccia e la pesca sportiva, che ha già registrato grande interesse da parte delle aziende e delle associazioni di settore.

Share

Comments are closed.