Monday, 18 November 2019 - 06:19
redazione@bellunopress.it direttore Roberto De Nart

Duello leale sulla 7 tra Paniz e Travaglio per la prescrizione breve. Ma nel sondaggio il 53,1% degli italiani sta con la magistratura e solo il 18,3% con Berlusconi

Apr 2nd, 2011 | By | Category: Cronaca/Politica, Riflettore

E’ stato un duello tra gentiluomini quello di questa sera alla trasmissione “In onda” sulla 7condotta da Luisella Costamagna e Luca Talese. Da una parte l’onorevole Maurizio (Pdl), noto avvocato bellunese, chiamato a difendere la norma da egli stesso voluta che taglia la per gli imputati incensurati. E dall’altra l’altrettanto noto giornalista e scrittore, vicedirettore de il Fatto Quotidiano, Marco con la tesi opposta e cioè quella secondo cui la norma è stata confezionata anche questa volta ad personam, per il premier Berlusconi. Diciamo subito che nel sondaggio mandato in onda, il 53,1% degli italiani intervistati si è schierato a favore della magistratura e solo il 18,3% con il presidente Berlusconi. Tendenza confermata nel successivo sondaggio che vede l’81,4% gradire l’operato del capo dello Stato Napolitano, il 62% apprezza la magistratura, mentre l’indice di gradimento del Parlamento scende al 34,9% e del Governo al 33% probabilmente a causa dello spettacolo dato negli ultimi giorni. Per quanto riguarda le posizioni dei duellanti, ha ribadito, come aveva fatto in altre interviste, che accorciare la prescrizione agli imputati incesurati nei processi di I° grado non incide sullo svolgimento del processo Mills dove Berlusconi (imputato incensurato) è accusato di corruzione. Perché – sostiene – la prescrizione sarebbe scattata a gennaio 2012 e dunque non si sarebbero comunque potuti celebrare  tre gradi di giudizio nell’arco di 10 mesi. Sarcastico Travaglio, che replica «come dire, tanto mio nonno prima o poi muore ammazziamolo subito»! Elencando poi minuziosamente i vari interventi del legislatore “ad personam”, dalla legge ex Cirielli del 2005 che ha portato la prescrizione da 15 a 10 anni e oggi la “prescrizione breve” di che riduce ulteriormente la prescrizione per gli incensurati portandola a 9 anni e due mesi facendo quindi morire il 6 aprile il processo Mills. «Che senso ha – ha detto Travaglio –  stabilire che il giudice ha meno tempo per processare un incensurato che ha truffato un milione di euro, rispetto ad un imputato che ha truffato mille euro, ma ha precedenti penali? Il motivo è che non si vuole arrivare a sentenza nei processi. Perché se è stato condannato Mills in Cassazione per aver ricevuto i soldi, è evidente che sarebbe condannato anche Berlusconi se si riuscisse a celebrare il processo».

Share
Tags: , ,

3 comments
Leave a comment »

  1. Ora fanno i grandi e i forti perché hanno il potere, ma NOI siamo ancora più forti!
    Se Paniz o chiunque altro ci viene a raccontare che le leggi “ad personam” fatte per proteggere Berlusconi dai processi, sono invece fatte per tutti i cittadini e balle varie, intanto sono persone che non conoscono la Vergogna e mentono sapendo di mentire e poi mostrano di avere una faccia di Bronzo di 1à qualità visto che oramai anche alti esponenti del PDL ammettono l’esistenza di leggi fatte apposta per il Cav. (vedi Cicchitto che lo ammette apertamente).
    La seconda valutazione riguarda tutti noi. Infatti fortunatamente prima o poi saremo richiamati a confermare o a mandare a casa i personaggi che oggi ci governano… sarà QUELLO il momento per far valere tutte le nostre amarezze su come siamo stati governati per tanti anni sempre a rincorrere le vicende processuali del Berlusca per salvarlo dalla galera e mai ad occuparsi dei grossi problemi del lavoro che non c’è o è precario, dei sevizi pubblici che stanno peggiorando e della sicurezza che davvero non è migliorata ecc. ecc.
    In QUEL momento tutte le bugie verranno passate al setaccio, ci ricorderemo delle promesse non mantenute e daremo ad ognuno il PREMIO o la SANZIONE che si merita.
    TUTTO sarà nelle nostre mani.
    E’ la democrazia, bellezza…

  2. Onore a Paniz per il modo in cui si esprime, da galantuomo, peccato che gli argomenti che tenta di spiegare sono ad alta velenosità democratica.

    Sostenere che la riforma della “prescrizione breve” serve ai cittadini è una balla davvero spaziale. Lo sanno tutti a chi serve. Perciò questo “dibattito” è disonesto.

  3. Ormai la scena politica italiana è focalizzata sulle leggi prò B ha 74 anni non vivrà come matusalemme l’importante è preparare un futuro per l’alba del giorno dopo. Non vedo molte alternative