Thursday, 19 September 2019 - 00:28
direttore responsabile Roberto De Nart

Il sindaco Prade sulle sanzioni per chi non pota il verde a ridosso delle strade comunali: “E’ un’ordinanza severa, ma ci voleva”

Mar 31st, 2011 | By | Category: Cronaca/Politica, Prima Pagina

“Lo so che è una ordinanza severa, ma è quello che serve. In troppi si sono dimenticati che la manutenzione della proprietà privata che confina con le strade comunali non è facoltativa ma obbligatoria. Con questo strumento, che da oggi i Vigili hanno il compito di applicare con rigore ed equità, mi auguro che possa migliorare la sicurezza lungo le nostre strade. Invito comunque i miei concittadini a non aspettare il provvedimento coattivo dei Vigili: è molto meglio, anno dopo anno, curare la proprietà privata che prendersi una pesante sanzione. E poi ne va del decoro, della pulizia e della sicurezza della nostra Città”.
Questo il commento del Sindaco, Antonio Prade, dopo aver firmato l’ordinanza che colma finalmente un vuoto regolamentare del Comune di Belluno. A partire da oggi, se un un privato non taglia le siepi e le alberature che intralciano la strada, se comunque non interviene mettendo in sicurezza e mantenendo i fondi confinanti con le strade comunali, compromettendone la viabilità, la Polizia Locale interverrà mettendo in mora il diretto interessato. Se questi non provvede entro 30 giorni,verrà applicata una sanzione amministrativa che va da 159,00 a 639,00 euro. Va da sé che saranno a carico del privato anche le eventuali conseguenze civili e penali del mancato rispetto dell’ordinanza.
In questi primi giorni di applicazione dell’ordinanza, il Sindaco Prade ha stabilito che venga fatta la ricognizione dei punti più critici della viabilità comunale. Una volta che questi saranno stati eliminati, il controllo riguarderà le strade di tutta la Città.
“Conto – ha aggiunto il sindaco Prade – di riportare in breve tempo alla normalità una situazione che altrimenti rischia di andare fuori controllo. Sono certo che, con l’aiuto dei miei concittadini, ci riusciremo”.

Share

Comments are closed.