Thursday, 19 September 2019 - 00:02
direttore responsabile Roberto De Nart

La difesa di Bim Gsp: Franco Roccon: «Abbiamo adempiuto agli obblighi contrattuali secondo il piano di investimenti. L’Aato conosceva la situazione dal marzo del 2005»

Mar 9th, 2011 | By | Category: Cronaca/Politica, Riflettore

«Ci sono forti interessi perché questa società vada male. A chi giova tutto questo?» E’ lo sfogo di Franco Roccon, presidente di Bim Gsp spa, l’azienda pubblica che da 7 anni gestisce l’acqua potabile in provincia di Belluno e che da una ventina di giorni è nel tritacarne mediatico di stampa e tv per la sua esposizione (un modo carino di chiamare i debiti) di 51 milioni di euro con le banche. Il presidente Roccon fonda sui seguenti quattro interrogativi la sua autodifesa e quella del suo consiglio di amministrazione:
1) Sulla base di quale assunto (tecnico, industriale o contabile) si può dichiarare che questo Consiglio è ora in difetto e non ha operato correttamente?
2) Sulla base di quale principio contabile si associa l’aumento tariffario ad una errata e poco competente gestione?
3) Sulla base di quale principio contabile si afferma che la società è in perdita?
4) Quali sono i contenuti reali di chi richiede le dimissioni del consiglio in carica?
La risposta sugli assunti tecnici e i principi contabili sono evidentemente di competenza degli addetti ai lavori che hanno potuto visionare le carte. Noi ci limitiamo a osservare e registrare gli umori dell’uomo che cammina per la strada. Che si chiede come mai una società che lavora in regime di assoluto monopolio e vende un bene indispensabile come l’acqua, abbia potuto accumulare un’esposizione di 51 milioni di euro con le banche. E perché non sia corso ai ripari prima. 
Il presidente Franco Roccon ha spiegato che Gsp ha puntualmente adempiuto agli obblighi contrattuali con l’Aato (l’ente controllore formato dai Comuni) nel piano degli investimenti. «Ma in montagna i costi sono del 30% superiori rispetto alla pianura: un depuratore qui costa mediamente 900 euro ad abitante, contro i 5-600 della pianura. E caricare interamente i costi sui cittadini con le tariffe è difficile. Una situazione che del resto era stata portata a conoscenza dell’Aato fin dal marzo del 2005».  Dunque l’Aato conosce la criticità della situazione, ma non interviene, secondo quanto esposto dal cda di Gsp. «l’Aato riceve ogni tre mesi tutti i report – precisa Mario Tremonti, sindaco di Lorenzago di Cadore e membro del Cda di Gsp –  e dunque ci sentiamo di respingere ogni colpa. Abbiamo adempiuto agli obblighi contrattuali. L’errore parte dal legislatore che ha imposto a province di montagna come Belluno l’obbligo di eseguire grandi opere di depurazione».  Sulla stessa linea anche gli altri membri del cda, Luigi Forlin sindaco di Fonzaso, Giuseppe Pezzè sindaco di Alleghe e Albino Belli direttore amministrativo di Gsp che assicura che le scadenze del piano d’ambito sono state rispettate da Gsp. Le colpe, insomma, vengono spalmate sul legislatore che ha penalizzato la montagna e sull’Aato, la cui assemblea dei sindaci non ha mai dato il via libera agli aumenti tariffari, che evidentemente sarebbero stati impopolari per i sindaci stessi. Ma se il contratto con l’Aato, che prevedeva le grandi opere di depurazione, era così oneroso come mai Bim Gsp lo sottoscrisse? Mentre si attende ancora la risposta dell’Aato sul piano tariffario, all’orizzonte si delinea una soluzione politica: intervenga la Regione a finanziare i maggiori costi della montagna.

Share

3 comments
Leave a comment »

  1. le tariffe hanno subito un aumento del 36% in sei anni.. ALTRO CHE NON HANNO SUBITO AUMENTI!!!!
    Inoltre costoro hanno realizzato solo il 25% delle opere previste.. una delle più basse rese a livello regionale se nn nazionale
    COMPLIMENTI A ROCCON FURLIN E COMPANY

  2. Caro De Nart,
    ho letto il tuo rescoconto ,ma questa gente non vuole proprio andarsene. Hanno fallito e dicono di non avere colpe, se se ne andassero potrebbero permettere di fare chiarezza , non ti pare ? Volevo anche dirti che Pezzè non è più sindaco di Alleghe adesso c’è una donna. Non capisco quindi a quale titolo sia ancora nel consiglio d’amministrazione. Misteri.
    Un caro saluto
    Eugenio padovan

  3. Forse è bene fare chiarezza su una questione:
    da chi è composto l’ATO, su cui oggi si scagliano i vertici del BIM-GSP? L’ATO è composto da tutti i Sindaci e presieduto dal Presidente della Provincia (che non ha diritto di voto).

    E da chi è composto il vertice della BIM-GSP? Da alcuni dei Sindaci che compongono anche l’ATO.

    Chi decide il piano degli investimenti della GSP e la tariffa dell’acqua? L’ATO, cioe’ i Sindaci.

    Conclusione: l’ATO e i vertici di BIM-GSP sono sempre le stesse persone.
    Insomma, i vertici di GSP stanno accusando se stessi.

    Qualcuno ha ancora dubbi sulle loro responsabilita’?