Tuesday, 23 January 2018 - 18:04

Gli apprendisti stregoni del Bim Gsp diano le dimissioni! * intervento del Pd Circolo Feltre – Seren del Grappa

Feb 25th, 2011 | By | Category: Cronaca/Politica, Prima Pagina

Negli ultimi giorni sta finalmente emergendo in tutta la sua gravità il disastro economico della gestione del ciclo dell’acqua della Provincia di Belluno causato dalla società pubblica G.S.P. spa. (appartenente al cosiddetto Gruppo BIM) di cui è presidente Franco Roccon, Sindaco di Castellavazzo. Dopo mesi di inutili richieste di spiegazione in merito al comportamento tenuto dallo
stesso Roccon, che dopo aver lanciato allarmi sulla stampa negava ogni problema, veniamo a sapere che i debiti di G.S.P. ammontano, per ora, a 50 milioni di Euro, tra cui speriamo vi siano anche quelli dovuti al Comune di Feltre. Non si tratta di una novità, in quanto tale cifra corrisponde a quanto iscritto a bilancio, ma che da il senso del disastro combinato, in pochi anni dal 2004 al 2010, dall’ineffabile Presidente di G.S.P. , per il quale le responsabilità di tale catastrofe sarebbero nell’Ordine dei seguenti soggetti: – In primis l’A.A.T.O. (Autorità Ambito Territoriale Ottimale composto dai Sindaci e presieduto dalla Provincia di Belluno) che nel 2004 avrebbe sottostimato il consumo d’acqua dei bellunesi, in modo tale che i ricavi della gestione non sarebbero stati sufficienti a coprire il costo del servizio e gli investimenti da effettuare. – In seconda battuta i Sindaci e lo stesso A.A.T.O. (cioè la Provincia) che si rifiutano di adeguare la tariffa dell’acqua, naturalmente aumentandola, ai reali consumi e costi del servizio.
– In terza battuta gli stessi bellunesi che “inspiegabilmente” consumano il 20% di acqua in meno rispetto alla pianura.
Quali i rimedi proposti dal Presidente G.S.P. per far fronte all’emergenza? – Obbligare i Sindaci che compongono l’assemblea dell’A.A.T.O. e la Provincia che lo gestisce, ad aumentare le tariffe riscuotendo dai cittadini bellunesi anche i relativi conguagli,
a partire dal 2004, fino ad arrivare alla somma di 28 milioni di Euro, corrispondente al presunto mancato incasso di G.S.P.
Ma cosa credono il signor Franco Roccon ed i suoi amici del “Gruppo B.I.M.” che i bellunesi risparmino sul consumo dell’acqua, misura facile da attuare in una Provincia ricchissima di questo elemento, perché quella da loro fornita costa troppo poco? O perché sono stufi di essere tosati, come pecore matte, per un servizio scadente che è sotto gli occhi di tutti. Perché il Presidente di G.S.P.
non chiarisce quali siano gli investimenti congruenti con il Piano d’Ambito dell’A.A.T.O. e quali quelli effettuati invece al di fuori di questo strumento di programmazione? Dove sono andati a finire i soldi delle bollette che avrebbero garantito, come hanno sempre fatto prima per i singoli Comuni, l’equilibrio dei conti del servizio? Ma cosa crede Franco Roccon che le società per azioni
vengano create per fare  debiti e non per garantire dei dividendi ai soci? Su questo punti è bene essere chiari fin da subito, il Circolo di Feltre e Seren del Grappa del Partito Democratico si opporrà, in ogni sede e con qualsiasi mezzo, ad ogni ipotesi di aumento delle
tariffe e di privatizzazione del servizio. Come uscire dunque da questa situazione garantendo alla nostra gente un servizio idrico
efficiente e ad un prezzo equo? – Prima di tutto con le dimissioni di tutto il Consiglio di Amministrazione di G.S.P. e l’avvio di
una azione di responsabilità per arrivare a determinare con esattezza dove e come sono stati spesi i soldi delle nostre bollette.
– Successivamente affrontando il problema del risanamento della società che non può essere separato da quello dell’assetto complessivo dell’intero “Gruppo BIM” alla cui gestione l’attuale disastro è indissolubilmente legato. Non è infatti possibile che gli “apprendisti stregoni” del “Consorzio BIM” non si assumano in pieno le responsabilità di un sistema economico e politico
costruito partendo dalla disponibilità di cassa di un Ente pubblico e dunque con il denaro di tutti i bellunesi.
Partito Democratico – Circolo di Feltre – Seren del Grappa

Share

3 comments
Leave a comment »

  1. Siamo alle comiche, non finali purtroppo. Dopo che Stampa, Esperti del settore, Pubblici Amministratori ed altri ancora hanno ripetuto in tutte le salse la necessità di contenere i consumi di acqua potabile, ora, paradossalmente, per limitare i danni provocati dall’inefficenza gestionale del GSP, gli utenti dovrebbero consumarne quantità notevolmente maggiori! Ma se l’ATO aveva sovrastimato i consumi nel 2004, era proprio necessario giungere al 2010 per accorgesene? Dilettanti allo sbaraglio!

  2. […] Circolo Feltre Premetto, come già fatto per l’intervento di Reolon, che sarebbe bastato un link all’articolo pubblicato su Bellunopress, ma la lettura sarebbe stata “impaccata”; allora ho dato un […]

  3. E’ ora che siano gli amministratori a pagare di tasca loro gli sbagli in investimenti e nel caso non siano in grado di tenere i costi di gestione sotto controllo, troppo facile riversarli sempre ai cittadini aumentando le Tariffe dell’acqua!
    Una soluzione? Iniziate ad aumentare l’efficienza del personale, tagliare esuberi, e sopratutto tagliare i mega stipendi di dirigenti es. professionisti come Geometri con già una loro attività (magari perchè ex. Sindaci di qualche Comune) con stipendi di 4.000 – 5.000€ al mese, per quale motivo poi?

Scrivi un commento

You must be logged in to post a comment.